Enogastronomia in Piemonte: tappe di gusto tra i filari del Boca e del Ghemme

Print Friendly, PDF & Email

Sulle colline novaresi, l’unione di un clima e di un terreno particolari dà vita al Ghemme DOCG, anche nella versione Riserva, e 4 DOC: Boca, Fara, Sizzano e la più recente Colline Novaresi. Non mancano spumanti e passiti, che alcuni viticoltori producono con uve Erbaluce. È così che visite in vigna e nelle cantine offrono piacevoli intervalli a percorsi di scoperta di oratori campestri e chiese gotiche, pievi, fortezze e castelli, torri e borghi medievali.

Il più famoso in zona è il ricetto di Ghemme, un vero e proprio borgo fortificato tra i meglio conservati del Piemonte: la cittadina ospita anche la Biblioteca Internazionale dell’Acquavite e del Liquore, una tradizione tanto consolidata – quest’ultima- che una famosa azienda locale del settore ha persino creato una linea cosmetica Acquavite&Beauty. All’estremità meridionale del Lago Maggiore, a Gattico, la Rocca di Angera ospita il Museo della bambola e del giocattolo e un Giardino medievale completamente ricostruito dal punto di vista storico e botanico. Da citare, anche il castello di Briona e quello di Fara Novarese: il primo legato alle vicende di un personaggio che avrebbe ispirato al Manzoni la figura di Don Rodrigo dei “Promessi Sposi”.

Per gli appassionati del “green” un’attrazione in più è rappresentata dai due famosi golf club dotati di percorsi all’avanguardia di 18 e 27 buche, classificati tra i migliori 10 campi dell’Europa continentale. E se le Colline Novaresi evocano soprattutto i vini, non si possono dimenticare gli altri prodotti del territorio come riso, salumi e soprattutto il Gorgonzola, formaggio DOP esportato in tutto il mondo, prodotto per il 65%proprio in provincia di Novara.

Fonte: https://www.visitpiemonte.com

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti