In bici lungo il Lago di Garda

Print Friendly, PDF & Email

Sono varie le piste ciclabili che vi permettono di esplorare il Trentino e sono in crescita costante. Nei prossimi anni termineranno i lavori dell’opera  più attesa, ovvero la pista ciclabile che permetterà di compiere l’intero periplo del Lago di Garda.

Grazie alla rete di reti ciclabili esistenti in Trentino, muoversi in libertà è davvero semplice e conciliabile con la scelta di una vacanza attiva, anche in forma soft. Si può raggiungere il lago di Garda partendo da Trento con la pista ciclabile che costeggia la riva del fiume Adige fino a Rovereto: da qui si intraprende la diramazione verso il paese di Mori, che attraversando il biotopo di Loppio e il leggero dislivello di Passo San Giovanni, scende verso il paese di Torbole e conduce direttamente alle rive del Lago. Un altro utile collegamento è quello che risale la Valle dei Laghi: dal Lago di Garda parte la ciclabile che, passando per il bel centro di Arco, raggiunge l’abitato di Sarche.

Perché muoversi in bicicletta:

  • per farvi scivolare addosso, oltre ai vestiti svolazzanti, anche tutti i grattacapi del traffico che in alcuni giorni può diventare fastidioso; in questo modo eliminerete lo stress, scomodo compagno di viaggio di chi usa solo le quattro ruote;
  • combattere il caldo cavalcando i venti locali – l’Òra e il Peler – brezze locali di acqua e di terra, che si muovono per effetto del diverso riscaldamento delle superfici;
  • mantenervi  in forma anche in vacanza, così puoi potete concedervi quale golosità in più: con una pedalata leggera si tonificano i quadricipiti, mentre una nuotata nelle fresche acque del lago aiuta a definire addominali e bicipiti;
  • ogni volta che scegliete la bicicletta al posto della macchina ci aiuti a preservare l’ambiente, riducendo l’immissione in atmosfera di prodotti di combustione idrocarburica. È vero che le foreste ricoprono gran parte del Trentino, ma c’è bisogno di mantenere questa percentuale e di continuare a lavorare per innalzare la qualità dell’ ambiente naturale, aria o acqua che sia.
  • le ciclabili vicine al Lago di Garda son proprio percorribili da tutti: la loro pendenza è limitata (praticamente nulla risalendo quella del Sarca, con dislivello negativo se si scende da Mori verso Torbole), l’asfalto è curato, la segnaletica semplice e chiara. E i bicigrill, le aree di sosta per i velocipedi, con la loro offerta enogastronomica costituiscono di per sé un motivo per mettersi in sella.

Fonte: https://www.visittrentino.info

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti