Lisbona tra misteri e leggende

Print Friendly, PDF & Email

Alla scoperta di curiosità, segreti e leggende dell’intrigante città portoghese.


Sin dal Medioevo, Lisbona è stata un luogo prediletto per lo sviluppo e la pratica delle teorie di re alchimisti, ministri massoni, poeti occultisti, adepti dell’ermetismo e delle conoscenze segrete dei Templari, che, messi al bando nel XIV secolo dal resto d’Europa, si rifugiarono in Portogallo. Lisbona è una città ricca di misteri, nelle sue strade si respira il fascino controverso di una città dalle mille sfaccettature. Sulla sua nascita, sulla luce che riflettono gli azulejos e sui suoi splendidi palazzi e chiese aleggiano misteri e racconti che sono divenuti leggenda.

Per chi desideri scoprire alcuni dei segreti che la città racchiude, gli Heritage Hotels sono pronti a rendere il soggiorno ancora più confortevole. Cinque strutture differenti, ognuna con una sua caratteristica: il romantico Janelas Verdes, l’affascinante Solar Do Castelo, il classico Lisboa Plaza, il Britania in stile Art Decò o il contemporaneo Av. Liberdade, sono cinque gioielli incastonati nelle zone più belle di Lisbona, a due passi da tutti i luoghi di maggior interesse storico e turistico.

Per iniziare a scoprire i misteri di Lisbona partiamo dalla leggenda che racconta le origini della città. La storia, infatti, vuole che a fondare Lisbona sia stato il mitico eroe Ulisse, giungendo su queste coste dopo aver varcato le Colonne d’Ercole. In realtà furono i Fenici ad occupare la città intorno al 1200 a.C. ma anche il celebre regista Wim Wenders celebrò a suo modo il fantastico fondatore nel film Lisbon Story, nel quale il protagonista Friedrich Monroe rappresenta una sorta di Ulisse contemporaneo.

 

Cominciando ad indagare sui segreti lisboneti partiamo dal quartiere della Baixa che, ricostruito dopo il terremoto del 1755, ha spesso dato adito ad insinuazioni sulla sua presunta ispirazione esoterica e massonica. In effetti le facciate dai frontoni triangolari, le foglie d’acacia che ritornano nei decori degli edifici e gli elementi di simbologia massonica che figurano anche sui tipici azulejos farebbero pensare proprio a questo. Di certo si può dire che la conformazione del quartiere, con le sue vie rette e perpendicolari, fu una delle prime espressioni architettoniche dell’Illuminismo europeo.

Lo stesso poeta simbolo di Lisbona, Fernando António Nogueira Pessoa, era un grande appassionato di occultismo. Sin dal 1906 compaiono nella sua opera riferimenti ad elementi esoterici e all’alchimia. Poeta-alchimista, conoscitore della tradizione teosofica ed ermetica, fin da giovane Pessoa si inoltra per le segrete vie dell’occulto, spinto dalla volontà di penetrare quel mistero iniziatico di cui la creazione letteraria gli appare manifestazione e sintesi. Sappiamo anche che fra gli interessi del poeta c’erano la cabala e l’astrologia, alla quale dedicò addirittura un trattato teorico. Per andare “a far visita” a Pessoa non c’è posto migliore che fare una passeggiata verso il Chiado e giungere allo storico Café Brasileira. Qui, dove era solito sedersi il poeta, sorge oggi una sua statua ed, accanto, una sedia invita il turista ad accomodarsi e magari rileggere qualche riga da “Le pagine esoteriche”.

 

Lisbona, città mistica per vocazione, è teatro anche di un’altra leggenda molto suggestiva: si dice che in seguito all’invasione dei mori, i cristiani di Valencia trafugarono il corpo del martire San Vincenzo. Durante il viaggio in nave per portarlo a Lisbona alcuni corvi si posarono sulla prua e sulla poppa della nave a protezione del Santo. Giunti a Lisbona, le sue spoglie furono poi deposte nella chiesa di San Giusto e Santa Rufina.

 

Per assaporare il fasto e la ricchezza del Settecento, nel quartiere di Belém si trova il Museo delle carrozze che ospita più di sessanta esemplari di carrozze provenienti da Portogallo, Austria, Francia e Italia. Oltre ad essere uno dei musei più visitati di tutto il Portogallo, questo è uno dei musei del genere più importanti al mondo. Si viaggia qui attraverso gli intrighi di corte indagando sulla sorte della famiglia Távora, una delle più influenti di Lisbona attorno alla metà del Settecento. Doña Teresa de Távora, infatti, fu l’amante favorita del re José I. A causa di questo legame inopportuno, però, il primo ministro de Carbalho portò in giudizio l’intera famiglia e Doña Teresa, pietra dello scandalo, espiò la sua colpa rinchiusa in convento fino alla fine dei suoi giorni.

 

Rimanendo nel quartiere di Belém e tornando a indagare sulle simbologie nascoste nell’architettura una visita è sicuramente da dedicare al Monastero dos Jerónimos, realizzato interamente in stile manuelino e costruito in onore del ritorno in patria del navigatore Vasco de Gama. La leggenda racconta che il monastero fu costruito sul suolo dove in precedenza era situata la chiesetta che ospitò in preghiera l’equipaggio di De Gama la notte prima della partenza verso l’India.

Costruita in oltre 100 anni questa struttura complessa ed articolata presenta molti elementi che riportano alla simbologia esoterica come ad esempio le colonne annodate o ramificate. Il nodo, infatti, ha un forte valore simbolico. Il nodo piano ad esempio, rappresenta l’unione di due opposti da parte di una volontà superiore. Nelle decorazioni del monastero notiamo anche la presenza di nodi che formano un cappio e spesso anche un otto, dalla chiara valenza simbolica. Inoltre le colonne hanno un significato ben preciso nelle cerimonie di iniziazione dei nuovi adepti. Importanza massima è data proprio al ruolo stesso delle fondamenta dell’edificio interiore che l’iniziato deve disegnare e realizzare nel corso della propria vita.

 

 

Dove dormire in città: Heritage Hotels

Heritage propone cinque deliziosi boutique hotel nelle migliori location della capitale. Le strutture si trovano in piccoli palazzi o dimore storiche e assicurano un’atmosfera speciale, familiare ed allo stesso tempo ricca di charme, dove il rispetto della tradizione e il comfort offerto della modernità procedono di pari passo e garantiscono alla clientela un caloroso benvenuto. Con un soggiorno minimo di due notti gli Heritage offrono il biglietto per la funicolare a loro più vicina. Lo 0,15% di ogni prenotazione diretta sarà devoluto alle Scuole Portoghesi di Restauro e Conservazione dei Beni Artistici. L’importo raccolto sarà donato alla fine di ogni anno a queste scuole. Con questa iniziativa, gli Heritage Hotels di Lisbona intendono contribuire alla conservazione del patrimonio nazionale attraverso la promozione, la sensibilizzazione e il rispetto dell’arte del restauro.

 

AS JANELAS VERDES – L’hotel As Janelas Verdes (ossia “finestre verdi”) è ubicato accanto al National Art Museum, in un piccolo palazzo di fine Ottocento, ed offre un’atmosfera romantica e accogliente. Qui trovò ispirazione anche Eça de Queirós, uno dei più famosi romanzieri portoghesi; la memoria della sua presenza rivive nei tanti oggetti d’arte sparsi per le stanze, nei libri, nei dipinti e negli oggetti che riportano con la fantasia ad altre epoche. Tutte le camere sono soleggiate e vivaci, il Tago è a un passo, in primavera la giornata inizia con un meraviglioso breakfast servito nel giardino, mentre vi godete la tranquillità della Lisbona di un tempo.

Prezzi per la camera doppia a partire da 118,00 euro inclusa la prima colazione.

 

HOTEL BRITANIA – Situato in un palazzo progettato negli anni Quaranta del secolo scorso dal famoso architetto portoghese Cassiano Branco, è un hotel per molti versi unico che assomiglia molto a un club esclusivo. E’ stato restaurato valorizzando il suo stile originale Art Déco, così da affiancare all’ambiente che richiama la squisita atmosfera originale d’epoca, le comodità e il comfort richiesti oggi a un hotel d’alto livello. Le camere sono spaziose e dai colori caldi, arredate con splendidi mobili classici; i bagni, originali, sono in marmo, restaurati fin nel minimo dettaglio.

Prezzi per la camera doppia a partire da 125,00 euro compresa la prima colazione.

 

HOTEL LISBOA PLAZA – A due passi da Avenida da Liberdade, è un “classico” tra i migliori hotel della capitale portoghese. La decorazione di interni è stata recentemente rinnovata dall’architetto Sofia Duarte Fernandes in uno stile leggero molto portoghese, mantenendo l’impronta classica e lo spirito famigliare. Alcuni particolari accennano alla moda dell’epoca dell’apertura dell’hotel negli anni Cinquanta e motivi etnici vivacizzano i nuovi tendaggi. Nella metà delle camere sono stati recuperati i pavimenti di parquet originali, mentre nuove moquette sono state collocate nell’altra metà per soddisfare le varie esigenze degli ospiti.

Prezzi per la camera doppia a partire da 99,00 euro compresa la prima colazione.

 

SOLAR DO CASTELO – Durante la seconda metà del XVIII secolo venne costruita una bella casa signorile all’interno delle mura del castello di San Giorgio, sul terreno dove un tempo sorgevano le ex cucine del Palazzo Alcacova. Ecco perché è ancora conosciuto con il nome di Palacete das Cozinhas (“Palazzo della Cucina”). La struttura unisce elementi dello stile razionalista di Pombal (i sobri infissi delle finestre e dell’entrata principale) con altri che esprimono maggiore libertà. Il palazzo, classificato come edificio storico, è stato trasformato in hotel e riportato agli antichi splendori grazie a un design contemporaneo di alta qualità.

Prezzi per la camera doppia a partire da 149,00 euro compresa la prima colazione.

 

HERITAGE AVENIDA LIBERDADE – L’ultimo nato della catena Hoteis Heritage Lisboa si trova sul corso principale, Avenida da Liberdade. Il suo design porta la firma di Miguel Câncio Martins, architetto portoghese celebre per il proprio lavoro in locali mitici come il Buddha Bar o il Thiou a Parigi, lo Strictly Hush a Londra e il Man Ray a New York. L’aspetto esterno del palazzo è stato lasciato inalterato, mentre gli interni si ispirano alle residenze urbane della borghesia portoghese. Le camere sono in pieno equilibrio tra tradizione e modernità e presentano uno stile personalizzato. Nella lobby Câncio Martins ha creato un’atmosfera che richiama la “way of life” portoghese, di nuovo in bilico tra passato e futuro. Obiettivo: ideare uno stile che affondi le proprie radici nell’identità lusitana e lisboeta.

Prezzi per la camera doppia a partire da 136,00 euro compresa la prima colazione.

 

Potrebbe interessarti:

Vacanze 2020: cosa chiede il consumatore post-Covid?
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti