Friuli Venezia Giulia: esperienze in vigna e all’aria aperta

Print Friendly, PDF & Email

Il Friuli Venezia Giulia propone ai winelover nuovi modi per scoprire le eccellenze enogastronomiche regionali.


La creatività e la fantasia vengono in soccorso del comparto vitivinicolo e gastronomico che in Friuli Venezia Giulia ha saputo reinventarsi proponendo agli enoturisti nuove occasioni di assaggio e di visita immersi nella natura rigogliosa dei filari, nel rispetto delle norme di distanziamento e delle precauzioni anticontagio. Le aziende vitivinicole del territorio e PromoTurismoFVG in collaborazione con gli aderenti alla Strada del Vino e dei Sapori hanno infatti creato esperienze diverse che, dopo il lockdown, diventano ancor più attraenti e stimolanti, grazie alla possibilità di riscoprire il mondo del vino direttamente dove nasce il processo produttivo: in vigna.

PromoTurismoFVG, infatti, anche per l’estate 2020 propone il format “Pic&Taste”, che prevede la visita e un cestino pic-nic con prodotti tipici da gustare negli spazi di diversi produttori enogastronomici, e lo estende anche in montagna, in particolare in Carnia, per assaggiare le prelibatezze della zona, dai formaggi al prosciutto e alla mela.

E visto che estate è sinonimo di mare, PromoTurismoFVG ripete il programma “Sea&Taste” con iniziative che uniscono la scoperta della costa del Friuli Venezia Giulia e dei sapori regionali. Con la “Green Experience” si andrà in canoa all’Isola della Cona o sul Fiume Stella, mentre chi si vuole spingere nell’entroterra potrà partecipare alla “Trieste&Carso Experience” o all’escursione “I Sapori dei Colli del FVG”. Imperdibili, infine, le crociere con le motonavi in laguna: i produttori della Strada del Vino e dei Sapori guideranno gli ospiti alla scoperta dei gusti locali durante la navigazione al tramonto.

Anche la formula “Art&Taste” è riconfermata, con concerti ed esperienze artistiche abbinati a degustazioni: le cantine, le distillerie e i birrifici aderenti accoglieranno un programma di eventi in perfetta simbiosi con il mondo legato alla cultura del “buon bere”.

Ci sono poi esperienze che permettono di riattivare i sensi e interessarsi a nuovi svaghi. Perché, quindi, non prendersi un momento di relax partecipando a “DegustaMente”, un’occasione per conoscere il Friuli Venezia Giulia, ma anche sé stessi, grazie al connubio tra meditazione e vino: un vero e proprio risveglio sensoriale immersi tra i vigneti. Si possono inoltre affinare le proprie tecniche fotografiche con gli appuntamenti di “Scatto diVino”, un workshop per immortalare la bellezza del paesaggio vitivinicolo in diverse stagioni e momenti della giornata, rigorosamente all’aria aperta. Chi apprezza il piacere della cucina casalinga sceglierà il tour “Mistîrs e Savês”, che propone un percorso a piedi alla scoperta dei mestieri e dei piatti della tradizione contadina, mentre per chi desidera passare più giorni in regione, sono perfetti i pacchetti “Discover Collio”, che propone un tour con le vespe gialle, e “La Tergeste dei tre colori” per un’immersione tra i sapori del Carso e di Trieste.

I produttori vitivinicoli si sono poi inventati nuove forme di visita in cantina. C’è chi ha pensato a un safari nei Colli Orientali del Friuli, che a bordo di un fuoristrada o su una bicicletta a pedalata assistita (e-mtbike) propone un tour tra i vigneti dell’azienda; oppure chi organizza le degustazioni all’ora del tramonto su una delle terrazze che guarda i pendii del Collio. Un’altra cantina mette in palio una bottiglia di vino in un contest fotografico sui social per incentivare i visitatori a catturare gli aspetti più belli del paesaggio, o chi organizza degustazioni che abbinano vino, miele e formaggio per far scoprire la fondamentale interazione tra il mondo delle api e la viticoltura. Per i winelover che si sentono sportivi c’è poi anche una degustazione-staffetta nella valle dello Judrio, dove ogni tappa è pensata per scoprire un vino e il vitigno da cui nasce, o una passeggiata bucolica tra vigne e cipressi con un ristoro enoico finale.

Gli enoappassionati, infine, non possono perdersi gli eventi di “Vigneti Aperti”: 6 weekend (dal 27 giugno al 2 agosto) di esperienze all’aria aperta tra visite ai vigneti e/o in cantina, aperitivi in vigna, laboratori sensoriali, picnic, cene con il vignaiolo e musica in vigna.

Per ulteriori informazioni www.tastefvg.it

Fonte: Ufficio Stampa Promo Turismo FVG

 

Movimento Turismo del Vino e Unione Italiana Vini lanciano la Carta dell’Enoturismo ai tempi del Covid-19
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti