In Sardegna nei luoghi del Cannonau

Print Friendly, PDF & Email

Un vino color rosso rubino, di norma invecchiato da due a sei anni e con una gradazione alcolica mai inferiore a 12,5 per cento. Morbido e robusto, che ben si accosta ai sapori forti della cucina isolana, alla cacciagione, agli arrosti di carne, ai formaggi come il pecorino e il caprino: il cannonau è parte della ricetta di sana e lunga vita in Sardegna.

La famosa longevità dei sardi sembrerebbe non dipendere solo da fattori genetici. Secondo gli studi scientifici potrebbe derivare da una combinazione di fattori ambientali e sociali, dallo stile di vita e dall’alimentazione basata sui prodotti sani offerti dalla terra e dal mare e lavorati in ricette tramandate da generazione in generazione. Alla dieta locale contribuisce il cannonau, vero e proprio elisir di lunga vita, che contiene il triplo di anti-ossidanti di altri vini rossi e garantisce benefici al sistema cardiovascolare quasi dieci volte superiori rispetto alle altre varietà di vino presenti nel mercato.

Un vino ben apprezzato anche da Gabriele D’Annunzio che lo cita nella prefazione alla guida ‘Osterie d’Italia’ di Hans Barth.  A Oliena il vate fu accolto come ospite e assaporò il ‘nettare’, come lui lo definì, nella sua versione intensa del Nepente e scrisse:

Non conoscete il Nepente di Oliena neppure per fama? (…) Io son certo che, se ne beveste un sorso, non vorreste mai più partirvi dall’ombra delle candide rupi...” 

I territori del cannonau  si estendono comprendono il Nuorese, la Barbagia, il Supramonte, il Mandrolisai e l’Ogliastra, dove le coltivazioni di quest’uva a bacca nera sono più abbondanti: piccoli suggestivi tesori di una terra ricca di sapori e profumi. Visitare questi luoghi dagli scenari così particolari è un’esperienza che non può mancare per arricchire di emozioni una vacanza in Sardegna, oltre gratificare il gusto e il palato e scoprire le note forti dei vitigni locali, la Strada del Cannonau è l’ itinerario aperto a tutti.

Fonte: https://www.sardegnaturismo.it

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti