A Senigallia torna Ventimilarighesottoimari inGiallo

Print Friendly, PDF & Email

Dal 19 al 26 agosto 2020 torna con la sua 9° edizione il popolare evento letterario del noir e del giallo.


Dal 19 al 26 agosto 2020 si rinnova l’appuntamento con Ventimilarighesottoimari inGiallo, il festival del noir e del giallo civile organizzato dal Comune di Senigallia in collaborazione con la Fondazione Rosellini per la letteratura popolare. Giunto alla sua 9° edizione, il popolare evento letterario di Senigallia vuole affermare la sua presenza nel panorama dei festival italiani con un programma coerente con la sua vocazione specifica che è quella di raccontare storie legate a doppio filo agli avvenimenti storici più o meno recenti del nostro paese con un forte spirito votato alla legalità e al civismo.

Il primo appuntamento, mercoledì 19 agosto, è quello con Daria Bonfietti, presidente dell’Associazione dei Parenti delle vittime della strage di Ustica che, a 40 anni di distanza dalla strage, parlerà della battaglia portata avanti per individuare i veri responsabili dell’inabissarsi del DC 9 Itavia. Converserà con Daria Bonfietti nel palco di Piazza Garibaldi un’altra protagonista di quella drammatica vicenda: Tiziana Davanzali, figlia di Aldo Davanzali l’imprenditore anconetano patron dell’Itavia.

Inoltre nella serata inaugurale del 19 agosto e per tutta la durata del Festival all’Auditorium San Rocco, sarà proiettato il video della performance “Quello che doveva accadere/INVENTARIUM” dell’artista Giovanni Gaggia.

Altro incontro dedicato al rapporto tra giallo e impegno civile è quello con la giornalista Federica Angeli, che mercoledì 26 racconterà la sua personale esperienza iniziata con le minacce di morte ricevute a seguito delle inchieste condotte sul clan Spada, poi messa nero su bianco nel libro A mano disarmata. Cronaca di millesettecento giorni sotto scorta.

Oltre al Giallo civile, non mancherà l’interessante sezione dedicata al Giallo storico, che quest’anno vedrà la partecipazione martedì 25 agosto dei due celebri storici francesi Jean Claude Maire Vigueur e Elisabeth Crouzet Pavan, che presenteranno il libro scritto a quattro mani Decapitate. Tre donne nell’Italia del Rinascimento. Infine, da non perdere l’incontro lunedì 24 con Gabriele Dadati, con il suo Nella pietra e nel sangue.

Sabato 22 l’incontro inedito tra i due più importanti giallisti dell’area milanese, Sandrone Dazieri e Alessandro Robecchi, che parleranno dei loro ultimi libri, La danza del gorilla e I cerchi nell’acqua. E poi il 23 agosto Gabriella Genisi, che presenterà l’ottavo capitolo della serie dedicata alla commissaria barese Lolita Lobosco. E ancora Piergiorgio Pulixi, vincitore del prestigioso premio Scerbanenco, che ad apertura della manifestazione mercoledì 19 agosto presenterà il suo L’isola delle animeGiampolo Simi in coppia con l’attrice Piera Degli Esposti lunedì 24 agosto parlerà del loro noir L’estate di Piera.

 

Umbria da Scoprire: al Teatro Subasio di Spello la 9° edizione del Festival del Cinema

 

Giovedì 20 l’incontro con Rosa Teruzzi, che presenterà La memoria del lago, quinto capitolo della saga “I delitti del casello”. E ancora, l’appuntamento venerdì 21 con Alessia Tripaldi e il suo Gli scomparsi, seguito la stessa sera da quello con Piernicola Silvis e il suo Gli illegali. Poi Paola Barbato, che sabato 22 parlerà del suo ultimo giallo, Vengo a prenderti. Il noir di Luca CroviL’ultima canzone del Naviglio, con protagonista il commissario Carlo De Vincenzi della Questura di piazza San Fedele, di cui si parlerà domenica 23. Infine, Bruno Morchio parlerà giovedì 25 agosto del suo Dove crollano i sogni.

Non mancherà l’appuntamento con la lectio magistralis del filologo e critico letterario Massimo Raffaeli, in programma giovedì 20 agosto, dedicata quest’anno a Boris Vian e al suo famoso Sputerò sulle vostre tombe.

A sostituire la consueta mostra, quest’anno una proposta virtuale: durante i giorni del festival sul portale www.ventimilarighesottoimariingiallo.it saranno pubblicati una serie di video realizzati dalla Fondazione Rosellini per la letteratura popolare sulla storia del genere giallo in epoca fascista.

Infine la Camera Gialla, lo spazio allestito dalla Fondazione Rosellini per la letteratura popolare nella propria sede che raccoglie praticamente tutti i libri gialli pubblicati in lingua italiana, con molte illustrazioni originali.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti