Anas: a luglio il traffico cresce del 6% rispetto a giugno

Print Friendly, PDF & Email

Fase 3: continua il riallineamento ai trend storici, rispetto al 2019.


La viabilità sulla rete viaria Anas (Gruppo FS Italiane) segna un costante aumento. Come già riscontrato nel mese di giugno, la fase 3 continua nel suo progressivo riallineamento ai trend storici dello stesso periodo dello scorso anno.

A luglio, rispetto al mese precedente, l’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) dell’Osservatorio del Traffico Anas segna una crescita decisa: +19% sui veicoli totali. Nel dettaglio, sempre luglio su giugno, il traffico feriale è aumentato del 14% mentre quello prefestivo e festivo ha segnato rispettivamente un +18% e +32%Cresce anche il comparto dei veicoli pesanti (+13%) che ha continuato sempre a lavorare durante tutto il periodo di emergenza per garantire i beni di prima necessità.

 Complessivamente il mese appena concluso, rispetto a luglio 2019, vede una flessione del traffico pari al -6%. Il calo è invece più contenuto se si prende in considerazione il segmento dei veicoli pesanti con un -2%, che registra comunque un positivo +2% nell’area del Meridione. Seppur in molti casi ancora negative, le differenze del traffico mensile, nel confronto con lo stesso mese dello scorso anno, si riducono sempre di più: a giugno infatti la contrazione rispetto al 2019 segnava un -18% sui veicoli totali e -8% sul segmento dei veicoli pesanti, mentre a maggio i dati erano rispettivamente -43% e -23%.

 Analizzando il traffico dei veicoli totali sull’Indice di Mobilità Rilevata (IMR) a paragone con giugno si registra un’impennata al Sud (+23%), seguito dalla Sicilia (+20%) e dal Centro (+19%), mentre è più contenuto l’andamento al Nord (+17%) e in Sardegna (+12%): questi ultimi due dati sono inferiori alla media nazionale. In ambito regionale sono la Calabria e la Basilicata a segnare le migliori performance, rispettivamente con +28% e +25%. I mezzi pesanti invece rilevano una crescita del 21% al Nord, del 12% al Sud, dell’11% al Centro. Seguono Sardegna e Sicilia rispettivamente con un + 10% e +5%.

L’arteria più trafficata della rete Anas resta però sempre il Grande Raccordo Anulare di Roma: lo scorso 31 luglio è stato rilevato il passaggio di oltre 148.700 veicoli. 

Considerevoli anche i passaggi lungo alcune arterie del Sud: la A2 “Autostrada del Mediterraneo” il 27 luglio ha registrato a Salerno, in Campania, il passaggio di 84.991 veicoli, la strada statale 121 “Catanese” il 17 luglio a Motta Sant’Anastasia, nella città metropolitana di Catania, segna 69.477 veicoli, la strada statale 131 “Diramazione Centrale Nuorese” il 24 luglio a Cagliari 61.576 veicoli, la strada statale 16 “Adriatica” il 31 luglio a Cavallino, in provincia di Lecce, 37.357. Al Nord è invece la strada statale 36 “Del Lago di Como e dello Spluga” a rilevare il 17 luglio a Lecco 66.450 veicoli.

Tutte le infografiche e dati analitici dell’Osservatorio Traffico Anas sono disponibili al link:

http://www.stradeanas.it/it/le-strade/osservatorio-del-traffico/archivio-osservatorio-del-traffico

Fonte: Anas Ufficio Stampa

 

Decreto agosto, ecco le misure per turismo e cultura
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti