Dal 29 settembre prende il via il Festival europeo delle Vie Francigene

Print Friendly, PDF & Email

Dal 29 settembre al 29 novembre una serie di iniziative per la decima edizione del Festival europeo che conferma la sua natura “Collective project”.


È il momento dei Cammini nel Sud. Dal recente riconoscimento della Assemblea generale del 18 ottobre 2019 a Bari della Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) alle decisioni del MIBACT di intervento a sostegno di questa e della Via Appia Antica; dai numeri confortanti sia di fruitori che di operatori e volontari, vi è una vitalità tanto attesa quanto rincuorante. Il Festival, giunto al traguardo della sua decima edizione, conferma la sua natura “Collective project” per riflettere e proporre un “pensiero avvenire” per ogni camminatore consapevole e per i borghi, le campagne, le periferie traversate con una serie di iniziative che avranno luogo dal 29 settembre al 29 novembre 2020.                                                                       

 

LE INIZIATIVE

Di seguito le iniziative che avranno luogo dal 29 settembre al 29 novembre 2020, in presenza o a distanza secondo i più adeguati criteri di sicurezza e opportunità al momento possibili.

I Cammini nel Sud. Chiedere alla Storia | Ciclo di conferenze sulle radici storiche dei cammini, dall’alto medioevo ad oggi, ascoltando gli storici e i promotori che ne hanno mantenuto vivo il valore, le secolari testimonianze e il significato europeo. Tra questi i docenti: Pietro Dalena, Renato Stopani e Massimo Tedeschi.

I Cammini nel Sud. I buoni passi per Via. Presentazione e dialogo con i principali cammini del Sud: originali, sostenibili e ben frequentati. Oltre la Via Francigena e l’Appia, rappresentano il reticolo che traccia le vie della storia, delle identità e del “turismo buono”. Ne verranno comparate le peculiarità e le potenzialità alla ricerca di una fruttuosa condivisione, a partire dalla Via Francigena nel sud al Cammino materano e al Cammino di San Benedetto. La data per la conferenza stampa del presente Festival ha un gemellaggio culturale e di consapevolezza per il bene comune: tra Altamura e Santeramo in Colle, la seconda edizione del , da oggi sino a domenica 13 settembre. In programma cammini, fotografia, cinema, folklore, sostenibilità e cooperazione, conoscendo associazioni, enti, fondazioni e realtà del territorio, poiché “I Cammini pugliesi costituiscono la più estesa infrastruttura immateriale, spirituale, culturale e relazionale della Regione Puglia”.

I Cammini nel Sud. Passo fermo e impronta ecologica leggera: 10 storie da tenere a mente. Esempi e buone pratiche di cui godere prima ancora di conoscerle! In tutta Europa, per forza, semplicità e anche ironia ci insegnano molto. Emozionandoci. Così, nella decima edizione del Festival e a 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari vogliamo celebrare “La grammatica della fantasia. Introduzione all’arte di inventare storie”. Presenteremo così amici originali della Via, come Pietro Scidurlo. Naturalmente storie di Cammino con esempi e fascinazioni, a partire dall’antica e insieme giovane Via Francigena nel Sud, finalmente riconosciuta dal Consiglio d’Europa.

 

Potrebbe interessarti:

A Modena, Capri e Sassuolo torna il Festivalfilosofia, quest’anno a tema “macchine”
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti