Il 4 ottobre aprono al pubblico le dimore storiche di Piemonte e Valle d’Aosta

Print Friendly, PDF & Email

Ville, castelli, palazzi, parchi ed una vigna storica. Ben 27 le proprietà di Piemonte e Valle D’Aosta che danno vita alla inconsueta edizione autunnale della X Giornata Nazionale ADSI. Ingresso gratuito, ma contingentato e in molti casi su prenotazione.


La X edizione della Giornata Nazionale delle Dimore Storiche Italiane promossa dall’ADSI con il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, torna quest’anno domenica 4 ottobre, per la prima volta in versione autunnale.

Un’edizione che festeggia il decennale, premiato con medaglia del Presidente della Repubblica. Quest’anno si arricchisce della collaborazione con la Federazione Italiana Amici dei Musei e con l’Associazione Nazionale Case della Memoria. La Giornata ADSI Piemonte e Valle d’Aosta ha anche ricevuto il sostegno di Reale Mutua e il Patrocinio della Regione Piemonte, Città Metropolitana di Torino e delle Province di Alessandria, Asti, Cuneo e Novara.

Ventisette le dimore visitabili in Piemonte e Val d’Aosta, alcune alla loro prima Giornata Nazionale (indicate con *). Nel Torinese Casa Lajolo a Piossasco, il Castello Galli di La Loggia, il Castello di Marchierù di Villafranca Piemonte, il Palazzo Castelvecchio* a Bricherasio, il Parco Castello di Sansalvà a Santena, il Castello Provana e Villa Richelmy a Collegno, Palazzotto Juva a Volvera, Villa d’Agliè* a Torino; nell’Alessandrino il Castello di Borgo Adorno, il Castello di Rocca Grimalda, Palazzo Gozzani di Treville a Casale Monferrato, Villa La Marchesa a Novi Ligure e Villa La Scrivana a Valmadonna; nell’Astigiano il Castello di Calosso d’Asti, il Castello di Montemagno, Palazzo Gazelli ad Asti e la Tenuta Alfieri di Sostegno di San Martino Alfieri; nel Cuneese il Castello di Sanfrè, Tenuta Berroni a Racconigi, la Casa di Silvio Pellico* e la Casa Augusto ed Anna Radicati* a Saluzzo; nel Novarese il Castello Dal Pozzo a Oleggio Castello, il Podere ai Valloni e Casa Cobianchi* a Boca, Villa Motta a Orta San Giulio. In Valle d’Aosta, Villa Albertini a Gressoney Saint Jean.

Ognuna, fra scampoli di storia e aneddoti raccontati dai rispettivi proprietari, ripercorrerà le vicende che l’hanno vista protagonista, offrendo in molti casi anche piccoli eventi collaterali, degustazioni di vini o di prodotti delle aziende agricole ad esse connesse, così da intercettare gli interessi di un pubblico di ogni età.

Per garantire il rispetto delle norme di sicurezza vigenti quest’anno è necessario prenotare la propria visita.

Luoghi spesso sconosciuti, dove queste dimore contribuiscono a sviluppare un forte senso di appartenenza ed alimentare un tessuto socio-economico radicato nel tempo. Un immenso valore di identità e riconoscimento nazionale che all’estero ci contraddistingue e su cui meriterebbe investire maggiormente per il futuro.

La Giornata Nazionale ADSI di domenica 4 ottobre permetterà ai visitatori di accedere gratuitamente dalle 10,30 alle 13 e dalle 14.30 alle 17,30. Tutte le informazioni relative a orari, modalità di apertura delle singole dimore e alle prenotazioni sono disponibili sul sito di ADSI al link

 

Potrebbe interessarti:

Merkel sconsiglia Paesi a rischio in Ue ma loda l’Italia
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti