Il crimine targato Rai, da Maigret a Montalbano

Print Friendly, PDF & Email

Un percorso multimediale tematico-cronologico ospitato negli spazi del Museo di Roma in Trastevere fino al 6 gennaio 2021.


E’ una storia fatta di strade buie e passi nella notte, lame affilate e colpi di pistola, inseguimenti mozzafiato e confessioni drammatiche, ma anche di sorrisi beffardi e sguardi ironici, di battute taglienti e lampi di genio, quella che unisce, sempre sul filo del brivido e lungo più di mezzo secolo, l’iconico Commissario Maigret in bianco e nero con il volto di Gino Cervi al contemporaneo Commissario Montalbano interpretato da Luca Zingaretti: ha un fascino irresistibile “Sulle tracce del crimine. Viaggio nel giallo e nero Rai. La mostra”, ospitata negli spazi del Museo di Roma in Trastevere dal 7 ottobre al 6 gennaio e inaugurata alla presenza del Presidente della Rai Marcello Foa. Un percorso multimediale tematico-cronologico a cura di Maria Pia Ammirati e Peppino Ortoleva, scandito in 200 fotografie, tra b/n e colore, tratte da circa 80 programmi televisivi, con 5 installazioni video e alcune postazioni sonore, per raccontare con il patrimonio delle Teche Rai la trasformazione di un genere, il giallo e noir investigativo, con il quale la più grande azienda editoriale del Paese ha parlato agli italiani, facendoli sognare e appassionare, coniugando tra adattamenti, “teleromanzi” e poi con la fiction e le serie tv la cultura popolare a una narrazione televisiva di altissima qualità. In questa carrellata espositiva – nata da un’idea di Stefano Nespolesi, la mostra è realizzata in collaborazione con Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e INA, Institut National de l’Audiovisuel – traspare anche il racconto di un’Italia che in quasi 70 anni si è trasformata radicalmente e che la tv pubblica ha saputo cogliere fino nelle sfumature. “A ogni fiction si scrive una pagina di storia sociale. L’investimento sul patrimonio delle teche Rai richiede energie importanti ma è fondamentale perché preserva la memoria del Paese”, ha detto all’ANSA Marcello Foa, passeggiando tra i corridoi della mostra con il vice sindaco del comune di Roma Luca Bergamo, con Renzo Arbore, Marisa Laurito e Alessandro Preziosi, “Gli sceneggiati sono fantasia ma rispecchiano la realtà e la cultura sociale, mostrano come è cambiata la morale e fanno vedere ai giovani cosa era l’Italia”.

Fonte: Ansa

 

Potrebbe interessarti:

Le Terme di Bologna ti portano al museo, Open Day per le GEP2020

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Giubileo, Piano sanità per i pellegrini

Alla vigilia dell’inizio del Giubileo della Misericordia, Roma sembra aver definito gli ultimi preparativi per il Piano sanitario disposto dalla Regione Lazio e stando alle ...
Vai alla barra degli strumenti