In Toscana alla scoperta delle Ville Medicee patrimonio Unesco

Print Friendly, PDF & Email

Le pendici collinari del Mugello sono ricche di ville. Da ogni punto panoramico è riconoscibile la presenza di più di una villa o per un filare di cipressi, che accompagna il viale di accesso, o per la macchia più fitta e più scura di alberi di alto fusto che popolano parchi secolari. In particolare il Mugello può vantare ben due ville medicee, dichiarate di recente dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità.
 
A Barberino di Mugello si trova la Villa Medicea di Cafaggiolo (1454), luogo prediletto di Lorenzo il Magnifico, che qui si recava per la caccia e vi compose il poemetto “Nencia da Barberino”, dedicato ad una contadinella della zona. L’ampio prospetto, coronato da beccatelli e merli, è contraddistinto da una grande torre, pure merlata, in cui si apre un monumentale portone, contornato di bozze in bugnato rustico.

L’interno, molto rimaneggiato durante l’Ottocento e nei primi anni del Novecento, conserva alcuni bei camini di pietra, forse cinquecenteschi, nelle sale al piano terreno. Alla sinistra della villa si trova il lungo fabbricato delle scuderie (XVI – XVII sec.) e sul retro il parco ricco di alberi secolari, tra cui una sequoia portata da Giovanni da Verrazzano. Cafaggiolo nel periodo di maggior fulgore, tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo, ospitò anche una fabbrica delle famose maioliche, dove i maestri vasai lavoravano sotto la protezione dei Medici.

A Scarperia e San Piero, sulla cima di un colle coperto da fitta vegetazione, al centro di una cipresseta, è situata la Villa medicea del Trebbio chiamata anche Castello del Trebbio, costruito, probabilmente sui resti di una fortificazione medievale, da Michelozzo (1427-36) per Cosimo il Vecchio. Affiancato da una torre merlata, presenta un massiccio corpo quadrangolare, coronato da beccatelli e serrato attorno ad un cortile rettangolare con pozzo; nel lato ovest si estende un incantevole giardino all’italiana e dalla torre merlata si gode un ampio panorama su tutto il Mugello.

Fonte: https://www.visittuscany.com

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti