La Spagna scommette sul digitale per la ripartenza del turismo

Print Friendly, PDF & Email

Durante il Digital Tourist 2020, la Ministra dell’Industria, del Commercio e del Turismo Reyes Maroto ha annunciato lo sviluppo di nuovi strumenti basati sui Big Data e le soluzioni tecnologiche come elementi chiave per riattivare il Turismo in Spagna.


Il turismo spagnolo riparte con il digitale. La Ministra spagnoladell’Industria, del Commercio e del Turismo Reyes Maroto ha annunciato il lancio a novembre del Tourism Data Viewer, uno spazio web unico di dati sul turismo dal quale è possibile accedere alle diverse Fonti statistiche turistiche di enti pubblici e privati, che consentiranno la creazione di un nuovo modello di conoscenza. In parole della Ministra “questa crisi ha sottolineato la necessità di disporre, più che mai, di indicatori, dati e informazioni in tempo reale per poter prevedere scenari e comportamenti e attuare, qualora fosse necessario, le opportune politiche pubbliche anticipando il processo decisionale”.

Inoltre, è stato presentato il Directory of Technological Solutions, un  servizio gratuito per consentire alle Destinazioni Turistiche Intelligenti d’accedere alle risorse e soluzioni tecnologiche che aiutino a migliorare la propria competitività. L’obiettivo del direttorio è creare un punto d’incontro tra domanda e offerta: 119 destinazioni, 31 istituzioni, 90 aziende e 115 soluzioni tecnologiche che spaziano da quelle legate all’intelligenza artificiale, assistenti virtuali o sistemi di data analytics, passando per strumenti di marketing, CRM, videomapping o realtà virtuale.

Queste iniziative s’inquadrano nel contesto di “una doppia transizione digitale ed ecologica dalla quale deve scatturire l’opportunità per continuare ad essere il Paese più competitivo al mondo in termini di turismo”.

In questo processo di digitalizzazione è fondamentale il lavoro della rete delle destinazioni turistiche intelligenti. Sono destinazioni turistiche innovative, consolidate su di una infrastruttura tecnologica all’avanguardia, che garantiscono lo sviluppo sostenibile del territorio turistico e accessibili a tutti. Destinazioni che agevolano l’interazione e l’integrazione del visitatore con l’ambiente, aumentando la qualità della sua esperienza verso la destinazione, in modo da migliorare anche la qualità della vita del residente.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Gli ulivi umbri possibili candidati Unesco

Assisi, Spello, Foligno, Campello sul Clitunno, Spoleto e Trevi sono i comuni umbri appartenenti alla ‘Fascia olivata’, territorio che vanta piante millenarie e che vorrebbe ...
Vai alla barra degli strumenti