Madrid dichiara dodici ristoranti centenari come spazi culturali

Print Friendly, PDF & Email

Madrid ha approvato di dichiarare dodici ristoranti centenari della città come spazi culturali di interesse generale. Per l’occasione è stata pubblicata una mappa culturale illustrata.


Madrid ha approvato questo martedì di dichiarare i dodici ristoranti “centenari” che si conservano in città come “Spazi culturali e turistici di particolare importanza cittadina e interesse generale”.

“Il patrimonio storico di Madrid non è costituito solo da grandi monumenti, palazzi e cattedrali. È anche composto da negozi e ristoranti leggendari che costituiscono l’eredità della nostra città, fungendo da potente attrazione turistica e generazione di ricchezza “, si legge nella proposta del Consiglio Comunale.

I dodici stabilimenti “testimoni della storia” di Madrid si posono consultare in questa mappa culturale https://www.esmadrid.com/restaurantes-centenarios-mapa illustrata da Mario Jorda in inglese e in spagnolo. I 12 centenari  sono: Bodega de la Ardosa (1892), Ristorante Botín (1875), Café Gijón (1888), Casa Alberto(1827), Casa Ciriaco (1887), Casa Labra (1860), Casa Pedro (1825), La Casa del Abuelo (1906), Lhardy (1839), Malacatín (1895), Posada de la Villa (1642) e Taberna Antonio Sanchez (1787).

 

mapa_restaurantescentenarios_madrid

 

Si evince cosi il “grande peso” che ha la tradizione culinaria in Spagna, e mette in evidenza la ” propria identità ” della cucina di Madrid, erede di “un crogiolo di culture” che hanno contribuito nel tempo a creare questa identità gastronomica.

 

Fonte: Turespaña

 

Turismo: per ripartire in sicurezza ecco le linee guida anti Covid-19

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti