Mantova, Palazzo Te ospita da marzo “Venere divina. Armonia sulla terra”

Print Friendly, PDF & Email
Venere Palazzo Te Mantova

Dal 21 marzo al 12 dicembre 2021 tre progetti espositivi valorizzano il patrimonio di Palazzo Te con prestiti da importanti musei italiani e internazionali per raccontare il mito della bellezza, dell’amore e del desiderio.


Il 21 marzo 2021 parte a Mantova il progetto Venere divina. Armonia sulla terra, prodotto e organizzato dalla Fondazione Palazzo Te e dal Museo Civico di Palazzo Te. La figura di Venere, dall’antichità fino ai tempi moderni, è al centro delle tre mostre e del programma di eventi che esplorano il mito della dea come rappresentazione del senso di rinascita.

«Tempi straordinari come quelli che abbiamo vissuto in questi mesi chiedono alle istituzioni culturali risposte capaci di ridonare modi, tempi, luoghi degni dell’umano» – ­ spiega Stefano Baia Curioni, direttore della Fondazione Palazzo Te, – «Afrodite/Venere […] assume il compito di riannodare i fili spezzati, di ricongiungere il cielo e la terra. La sua bellezza è conseguenza fulgente dell’armonia, della nuova pace, e lo stesso è la fertilità, la capacità di generare che essa continuamente rinnova».

Il progetto, promosso dal Comune di Mantova con il patrocinio del MiBACT e con il contributo della Fondazione Banca Agricola Mantovana, è curato da un comitato scientifico composto da Stefano Baia Curioni, Francesca Cappelletti, Claudia Cieri Via e Stefano L’Occaso. Venere divina completa la riflessione sul femminile già avviata nel 2018 con la mostra Tiziano/Gerhard Richter. Il Cielo sulla Terra e proseguita nel 2019 con Giulio Romano: Arte e Desiderio.

Il programma è articolato in tre momenti espositivi che partono dal patrimonio iconografico di Palazzo Te e giungono alla potenza attuale del mito di Venere, mettendo in dialogo alcuni dei grandi capolavori dell’arte occidentale: dai dipinti di Cranach, Guido Reni, Tiziano e Dosso Dossi a sculture, arazzi e libri.

La prima tappa, dal 21 marzo al 12 dicembre 2021, si apre con Il mito di Venere a Palazzo Te e presenta al pubblico le varie raffigurazioni della dea, tra stucchi e affreschi, presenti nel Palazzo. Il percorso, raccolto in una guida cartacea e multimediale, si arricchisce con l’esposizione di una statua romana, la Venere Velata appartenuta a Giulio Romano, e dell’arazzo Venere nel giardino con putti, realizzato da tessitori fiamminghi. In primavera il progetto prevede anche un convegno internazionale incentrato sul tema di Venere.

Seconda tappa, dal 22 giugno al 5 settembre, con l’esposizione Tiziano. Venere che benda Amore, che porta nella sale del Palazzo l’omonimo capolavoro di Tiziano conservato alla Galleria Borghese di Roma. Un’opera che si inserisce perfettamente nel progetto e costituisce uno dei vertici della rappresentazione della divinità nel Cinquecento. Nel corso del periodo estivo, l’esedra di Palazzo Te ospita momenti performativi e artistici, parte del public program dedicato alla figura della dea.

Dal 12 settembre fino al 12 dicembre 2021 l’ultima parte del progetto prevede la mostra Venere. Natura, ombra e bellezza, curata da Claudia Cieri Via, che grazie al recupero cinquecentesco di leggende e di iconografie antiche indaga le origini del mito, la sua diffusione nelle corti europee, il suo legame con la natura e con le donne dell’epoca. Una sezione viene dedicata anche al rapporto di maghe e streghe con il culto della dea.

 

Venere divina. Armonia sulla terra

Palazzo Te. Mantova

21 marzo – 12 dicembre 2021

 

Orari

Ora solare: lunedì dalle ore 13:00 alle 18:30

Da martedì a domenica dalle ore 09:00 alle ore 18:30

Ora legale: lunedì dalle ore 13:00 alle 19:30

Da martedì a domenica dalle ore 09:00 alle ore 19:30

 

Tariffe

Biglietto unico con Palazzo Ducale

intero 20€

ridotto 15€

(residenti a Mantova e provincia, possessori della Mantova Sabbioneta Card)

Integrazione mostra per possessori Supercard Cultura 5€

 

Informazioni

Biglietteria +39 0376 323266


https://www.tgtourism.tv/2021/02/riapre-a-mantova-la-biennale-light-art-101133/


 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti