Pasqua in zona rossa: le regole per gli spostamenti

Print Friendly, PDF & Email
Uova di Pasqua Fonte: ANSA Pasqua in zona rossa

Cosa si può fare durante le festività pasquali: le regole per gli spostamenti, le seconde case, i viaggi all’estero e i tour virtuali.


Quest’anno la Pasqua sarà in zona rossa, con grandi limitazioni negli spostamenti per quasi tutta l’Italia. Lo ha deciso il governo Draghi, con il decreto-legge del 12 marzo 2021 che conferma le restrizioni nelle vacanze per limitare i rischi di contagio. Unica deroga per le festività del 3, 4 e 5 aprile, giorni di Pasqua e Pasquetta, quando sarà possibile visitare amici o parenti. Due adulti con minori di 14 anni o persone non autosufficienti potranno spostarsi verso altre abitazioni private all’interno della stessa regione una sola volta al giorno, tra le 5 e le 22. Restano consentiti gli spostamenti per motivi di salute, lavoro o necessità.

Sarà anche possibile raggiungere le seconde case, esclusi gli affitti brevi, anche se situate in un’altra regione o provincia autonoma. Prima di farlo, tuttavia, è necessario controllare le disposizioni delle singole regioni, che possono cambiare le regole: è il caso della Valle d’Aosta, dell’Alto Adige, della Toscana, della Campania, della Puglia e della Sardegna che vietano il trasferimento nelle seconde case, mentre la Sicilia chiede di effettuare un tampone 48 ore prima dell’arrivo.

Spostarsi all’estero nei Paesi aperti al turismo

Nonostante le restrizioni, Astoi Confindustria Viaggi, l’associazione dei tour operator in Italia, ha ottenuto dal ministero dell’Interno la possibilità di recarsi all’estero nei Paesi aperti al turismo. Bisogna però sempre seguire il protocollo sanitario dell’autodichiarazione e del test molecolare o antigenico all’arrivo o al rientro. I Paesi sono: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (con le Isole Fær Øer e la Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi i Paesi d’oltremare), Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi (esclusi i territori extraeuropei), Polonia, Portogallo con Azzorre e Madeira, Principato di Monaco, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

La direzione di Astoi ha assicurato:

Tali spostamenti sono possibili anche nelle zone rosse, soggette a limitazioni per raggiungere l’aeroporto e imbarcarsi per queste destinazioni.

Tuttavia, resta la questione se è prudente varcare i confini in Paesi chiusi o semichiusi per l’emergenza sanitaria. Ad esempio la Germania, semiparalizzata per la serrata pasquale fino al 18 aprile, la Francia, con tre dipartimenti appena entrati in lockdown, o anche la Svizzera, che ha previsto restrizioni e blocchi per chi arriva da alcune regioni italiane. Prima di spostarsi verso un determinato Paese, è bene dunque fare riferimento al sito ufficiale della Farnesina “Viaggiare sicuri”, costantemente aggiornato sulle regole da osservare.

Decreto Covid, Piazza San Pietro in Vaticano, Roma. Foto di Bradiporap, da Pixabay. Covid, nuovo decreto: le misure da adottare fino al 6 aprile

Chi ha permesso queste partenze?

Le uniche vere vacanze organizzate per Pasqua sono due. Da Genova salperà la nave Msc Grandiosa, per una crociera – per pochi viaggiatori – che toccherà Civitavecchia e Napoli e arriverà a Malta. Invece, da Milano e da Verona decollano aerei per l’isola di Fuerteventura con voli Neos e soggiorni organizzati da Alpitour, Settemari e Veratour. Per chi si recherà nei porti e negli aeroporti, anche da zone rosse, sarà sufficiente esibire il biglietto o il voucher di viaggio.

Leonardo Massa, managing director della compagnia Msc, ha dichiarato:

L’attività crocieristica è consentita dall’articolo 53 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 2 marzo 2021, e la stessa viene effettuata nel rispetto delle specifiche linee guida validate dal Comitato tecnico scientifico, come previsto dallo stesso decreto.

I passeggeri che si recheranno al porto d’imbarco dovranno essere muniti del biglietto di crociera e del modulo di autocertificazione, nonché di un certificato che attesti l’esito negativo a un tampone Covid19 antigenico o molecolare effettuato non prima di 96 ore dell’imbarco, non richiesto ai bambini di età inferiore ai 2 anni.

Il protocollo è simile anche per chi viaggia in aereo. Spiegano da Astoi:

Si parte con l’attestazione di un tampone molecolare negativo, realizzato 72 ore prima della partenza.

Si raggiunge poi la destinazione sul volo “in sicurezza” e in loco si soggiorna in una struttura monitorata con distanziamento e protocolli covid free. Prima del rientro, un medico nella struttura effettua un tampone antigenico, compreso nel prezzo della vacanza, da mostrare alle autorità doganali italiane. Astoi ricorda inoltre che è compresa anche l’assicurazione, e che non viene prevista alcuna quarantena.

L’iniziativa dei tre tour operator è consentita solo per le Canarie (Fuerteventura e Tenerife), e si tratta di un esperimento di vacanze Covid-tested con un protocollo rigido che, se funzionerà, potrà essere adattato anche ad altri viaggi e ad altre destinazioni già dal mese di aprile. In questi giorni, Astoi spera di estendere l’esperimento anche a destinazioni extraeuropee, che ammettano i viaggi per turismo e che l’Italia e la Ue considerino a basso rischio. Le candidate sono Maldive, Seychelles, Emirati Arabi e Mar Rosso.

Viaggiare Covid, l’UE propone un certificato verde per viaggiare

Viaggiare con la tecnologia

Le due tipologie di vacanza sono un caso isolato, un esperimento per pochi, dove è facile tracciare tutti i passeggeri, ma anche un piccolo segnale di ripartenza per un’intera filiera ferma da oltre un anno. Per tutti gli altri italiani, vale la Pasqua in rosso, con le ormai consuete restrizioni. Grazie alla tecnologia, però, possiamo viaggiare ovunque, entrare nei principali musei del mondo, visitare città e borghi o volare su spiagge e montagne. In attesa di viaggiare di persona, video e siti ci consentono esperienze virtuali e interattive.

Ad esempio, possiamo visitare i musei Vaticani ed entrare nella Cappella Sistina, oppure visitare le fabbriche di cioccolato Perugina e Lindt per conoscere storie, curiosità e partecipare a corsi di cucina. Inoltre, possiamo ammirare bellezze architettoniche ancora mai viste, come “La città ritrovata di Colle Oppio” a Roma, scaricabile dal sito della Capitale. Per i più piccoli, ma non solo, ci sono le visite virtuali a 360 gradi dell’acquario di Genova o la mostra “Tree Time. Arte e Scienza per un’alleanza con la natura”, organizzata dal Museo delle scienze di Trento Muse. Ovviamente sarà anche possibile seguire le celebrazioni pasquali di papa Francesco in televisione, sui canali del web e sui social media.

Fonte: ANSA

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti