South Dakota, un viaggio per famiglie con bambini

Print Friendly, PDF & Email
Saloon vecchio west. Viaggio in South Dakota: Fonte: The Great American West

Il South Dakota offre tante attrattive per un viaggio in famiglia alla scoperta di questa terra all’insegna della storia e scienza.


Un viaggio con la famiglia in South Dakota, uno degli stati del Great American West, può offrire numerose attrattive. Una delle più grandi è la Foresta Nazionale delle Black Hills, che ospita il Memoriale Monte Rushmore e il Memoriale a Cavallo Pazzo. Le Black Hills offrono parchi statali, come il Custer State Park, laghi d’acqua dolce, campeggi, sentieri e possibilità di arrampicate. In questo stato inoltre storia e scienza si fondono per rivelare fossili e ossa dell’era preistorica e dell’era glaciale, nonché artefatti della storia dei nativi americani.

1880 Train

La ferrovia Black Hills Central Railroad gestisce un unico treno storico, il “1880 Train”. Le corse partono sia da Hill City che da Keystone, piccole località minerarie. Il viaggio di due ore andata e ritorno riserva lo scenario naturale delle colline centrali delle Black Hills, che abbondano di foreste, prati e canyon con boschi. La maggior parte dei binari segue il torrente Battle Creek, sede dei cercatori d’oro a fine ‘800 ed inizi ‘900, e il treno consente di scorgere i resti di vecchie miniere. Intanto ci si può deliziare con cibo, popcorn e dolciumi serviti a bordo. Alcune corse speciali offrono intrattenimento dal vivo per tutta la famiglia: si rimane coinvolti in un vero e proprio spettacolo ferroviario con “Old West Shootout”, in cui una coppia di fuorilegge si imbarca sul treno per nascondere un tesoro, e poi si accapiglia con alcuni cowboy e uno sceriffo. A bordo c’è anche la mascotte Chug, un bisonte ingegnere ferroviario che racconta ai bambini storie divertenti.  

Treno a vapore. Viaggio in South Dakota Fonte: The Great American West

1880 Town

Se si visita la 1880 Town, bisogna vestirsi con i costumi d’epoca in affitto al Longhorn Saloon, dove si può sorseggiare sarsaparilla e ascoltare il pianoforte. Quando una troupe cinematografica venne a girare un film del 1880, costruì un’intera Main Street come set. Dopo aver concluso le riprese, gli edifici sono stati lasciati a Clarence Hullinger. Lui e suo figlio Richard ne hanno poi aggiunto altri, come ad esempio The Dakota Hotel, arrivato dalla vicina Draper, oppure la St. Stephan’s Church, che viene da Dixon e risale al 1915. Il deposito C&N, l’Express Agency e il Telegraph Office furono trasferiti da Gettysburg, SD, ed è pieno di attrezzature ferroviarie, mentre il Museo Prairie Vanishing è stato costruito per ospitare le collezioni più preziose. Sono presenti oggetti come un paio di stivali e una vecchia bisaccia dell’esercito dal campo di battaglia di Custer, caschi da parata indossati dagli U.S. Cavalry Indian Scouts con l’insegna della freccia incrociata, bambole indiane, punte di freccia, un completo da cowboy autentico, fotografie e interni selezionati di belle case del South Dakota. La collezione comprende anche articoli di Buffalo Bill e un omaggio al defunto Casey Tibbs, nove volte campione del mondo Rodeo Cowboy. Proprio in questa cittadina western si trovano anche reperti del set cinematografico di Balla coi Lupi: una casa, una tenda e i carri merci di Timmons. Uno dei cavalli cavalcati nel film, “Buck” (Cisco), visse nella 1880 Town fino alla sua scomparsa.

Infine, è presente anche il Santa Fe Train, che corse da Chicago alla California per poi fermarsi definitivamente qui nel 1982. Sulla carrozza originale si serve la prima colazione e il pranzo così come veniva servito un tempo.

La città fantasma

Nascosta tra Custer e la grotta sotterranea di Jewel Cave, la città di Rochford offre uno sguardo sul passato. Nel 1876 tre cercatori d’oro di Deadwood scoprirono accidentalmente una miniera d’oro che chiamarono Montezuma Gold Mine. Vi si insediarono e così nacque una piccola cittadina che vantava cento case, una chiesa metodista, tre saloon, un teatro, due alberghi e diversi empori. Nel 1900 le attività estrattive diminuirono accompagnando la cittadina al suo lento abbandono nel corso dei successivi anni. Oggi è una città fantasma nota per il suo personale entusiasta e competente. Gli ospiti possono passeggiare liberamente tra gli edifici abbandonati del centro storico o scegliere una visita guidata per conoscere meglio la storia della zona.

Alla scoperta di Rapid City, nel South Dakota

Sulle tracce del bandito Jesse James

Nel deserto di Garretson, vive la leggenda del fuorilegge Jesse James. La sua banda aveva appena rapinato una banca e la legge era sulle loro tracce, così secondo il racconto James scavalcò a cavallo Split Rock Creek a Devil’s Gulch, una gola larga oltre 5 metri. Oggi si cammina su una passerella di ferro che attraversa il baratro, ricordando le gesta del bandito diventato fuorilegge per aiutare la famiglia; una sorta di Robin Hood per gli abitanti della zona. Una passeggiata della gola richiede circa un’ora e offre straordinari scenari naturali.  

L’esperienza dei fortini storici al Fort Sisseton Historic State Park

L’avventura nell’Old West continua dentro a un fortino storico per i bambini. Con il nome della tribù indiana Sisseton, Fort Sisseton Historic State Park crea un’esperienza unica all’aria aperta, nell’angolo nord-orientale del South Dakota. Situato all’interno del parco si trova lo storico Fort Wadsworth, un tempo un avamposto dell’esercito di frontiera; un tour a piedi rivela caserme di pietra, quartieri degli ufficiali, una casa di guardia e una polveriera. Le famiglie possono scegliere di piazzare la tenda, parcheggiare un camper in uno dei campeggi, o prenotare uno dei bungalow. Le attività includono escursioni sui sentieri, bird watching e picnic riparati. Una varietà di sport acquatici si possono effettuare sul Kettle Lake: canottaggio, kayak, nuoto e pesca. In pieno stile Old West, il primo weekend di giugno si svolge il Fort Sisseton Historical Festival: le famiglie sperimentano l’effetto della vita di frontiera piantando le loro tende sotto le stelle accanto a soldati in uniforme, alle donne e bambini vestiti da pionieri e condividendo le storie di Frontiera con la cavalleria e la fanteria. I bambini possono anche fare giri in carrozza, sedersi intorno a un falò e fare degli scambi con i commercianti.

Rapid City, la città dei Presidenti

I presidenti sono ovunque nelle Black Hills. Gli scultori del South Dakota hanno creato delle riproduzioni in bronzo di ogni presidente per la città di Rapid City. In città ci si può sedere sulle ginocchia di Richard Nixon, oppure unirsi alla passeggiata con Obama che tiene per mano sua figlia Sasha. Chi viaggia in South Dakota può poi ammirare le statue di cera dei capi di stato americani al National Presidential Wax Museum di Keystone, oppure i busti di 6 metri di ogni presidente sparsi per le colline tra i boschi del Presidents Park, a Lead. Nei pressi di Keystone, sono poi scolpiti nella roccia granitica del Monte Rushmore i quattro famosi volti di Washington, Jefferson, Roosevelt e Lincoln.

The City of President's Barack Obama statue in Downtown Rapid City. Fonte: The Great American West

Il Casey Tibbs South Dakota Rodeo Center di Fort Pierre

In un viaggio nel South Dakota, terra di cowboy, si può provare la sensazione di cavalcare un cavallo selvaggio senza dover rischiare la propria vita al Casey Tibbs South Dakota Rodeo Center, di Fort Pierre. Questo museo espone ricordi e reperti di Casey Tibbs, iconico cowboy nove volte campione del mondo di Rodeo e star di Hollywood. In esposizione anche altri articoli legati alla vita del West. Per i bambini c’è un cavallo selvaggio virtuale: tre monitor forniscono immagini e suoni di una vera arena di rodeo mentre il “cavallo” si muove. Il museo è aperto da maggio a settembre.

Il Dinosaur Park e il Mammot Site, attrattive per i più piccoli

Sullo Skyline di Rapid City si trovano degli enormi dinosauri progettati per attirare i turisti verso il Monte Rushmore, così come un dinosauro gigante accoglie i visitatori al Dinosaur Park, nella comunità di Wall. Il Parco dispone di riproduzioni di vari esemplari che hanno vagato per le pianure del South Dakota milioni di anni fa. I bambini di tutte le età potranno anche godere di mostre di fossili al Museo di Geologia nel campus della S.D. School of Mines & Technology. C’è infine il Mammot Site di Hot Springs, che vanta la più grande concentrazione di mammut al mondo. Questo sito di scavi è il risultato di una voragine che catturò diversi animali durante l’era glaciale. I fossili includono ossa di mammut, orsi dal viso corto, cammelli e lupi primordiali. I bambini usufruiscono di ausili didattici e possono partecipare a programmi estivi, come il campo di Paleontologia Junior. Ci sono poi repliche giganti di animali dell’era glaciale e un laboratorio di paleontologia.

L’esperienza al Bear Country U.S.A.

Un viaggio al Bear Country U.S.A. nelle Black Hills del South Dakota, a soli circa 20 minuti da Monte Rushmore, offre alle famiglie una vista ravvicinata di oltre cento orsi neri, alci, cervi, puma, linci, le tipiche antilocapre, le pecore bighorn, le antilopi e i bisonti. L’avvistamento dei diversi animali è garantito dalla propria auto, e al termine della visita si va alla Babyland, dove si trovano i cuccioli. Spesso si riesce a tenere in braccio un orsetto.  

Cowboy Up: 6 esperienze per rivivere il mito western in North Dakota

Fonte: The Great American West

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti