10 cose da fare in Trentino in primavera

Print Friendly, PDF & Email
Trentino, Dolomiti

Visit Trentino propone 10 idee per vivere al meglio la primavera, all’insegna della natura e del relax.


La primavera è la stagione dell’aria aperta. Quest’anno, in particolare, offre l’occasione ideale per rilassarsi ed immergersi nella natura nel pieno rispetto delle norme anti-Covid. Per chi cerca esperienze all’insegna del relax, lontano dal caos e dalla frenesia della ruotine quotidiana, ecco quindi cosa fare in Trentino in primavera

1. Una passeggiata tra i fiori

La primavera colora il Trentino di fiori. Passeggiare tra i prati e i pascoli del territorio in questa stagione regala la sensazione di trovarsi in un’opera d’arte. In particolare, nella Val di Non si possono osservare i meli sbocciati, mentre la Val di Ledro assume i caratteristici colori bianco e fucsia dei narcisi e delle peonie selvatiche. Tra maggio e giugno, invece, il Monte Baldo diventa una meta ambita dai naturalisti alla ricerca di erbe officinali. Caratteristica è in questo luogo la fioritura del Botton d’Oro. L’Altopiano di Lavazè, in Val di Fiemme, ospita fiori di erica e di croco alpino, ma anche d’orchidea, mentre i prati del Monte Casale si tingono di giallo, bianco e viola.

2. Un picnic al lago 

Grazie al clima temperato della zona, il Lago di Garda è uno spot da picnic ideale. Un’occasione per gustare i prodotti locali, acquistandoli direttamente dalle aziende agricole e dalle cantine del territorio. Per un picnic panoramico con vista sul lago, si consigliano in particolare il Monte Brione o il Castello di Arco. Spostandosi dalla montagna alla spiaggia si può optare invece per Torbole, Arco o Riva del Garda, dove alcuni hotel propongono ai loro ospiti cestini già pronti. Un’altra zona da esplorare in primavera è il Tennese, sulle alture vicino al lago di Garda e a due passi dal Lago di Tenno. Infine, per un picnic sul fiume, il Sarca offre, in località Moletta, spiaggette fra gli ulivi, dove fermarsi e rilassarsi. 

 

Rifugio San Pietro, Trentino Trentino Alto Adige, 6 passeggiate in rifugio

3. Camminare nella natura

Per chi volesse allenarsi in vista dell’estate e delle gite in alta quota, il Trentino offre anche numerose escursioni da fare in montagna, tra le Dolomiti e il Lago di Garda. Dal sentiero Busatte-Tempesta, in particolare, si apre un panorama meraviglioso sul Lago. Ma anche dal Monte di Mezzocorona, che si può raggiungere anche attraverso una funivia, si può godere di una vista incredibile sulla piana Rotaliana Konisberg. O ancora, in Paganella, si può passeggiare tra le Dolomiti di Brentaed intorno alLago di Molveno. Nell’area del Parco Naturale del Monte Baldo, invece, si arriva al Rifugio Altissimo Damiano Chiesa, a 2000 metri dal Lago. Infine, il Respiro degli Alberi, un percorso tematico di arte contemporanea nel bosco, si sviluppa su una strada forestale molto facile da percorrere, con arrivo ad un punto panoramico.

4. Una pedalata al lago 

La primavera è il periodo migliore per fare un po’ di sport all’aperto, specialmente lungo il lago. Sui laghi di Levico e Caldonazzo, lungo il Garda o nella Valsugana sono molte le opzioni per una pedalata in bici. Tra le altre, la ciclabile della Valsugana è un lungo percorso che parte dal paese di Pergine Valsugana, in Trentino, e arriva fino a Bassano del Grappa, in Veneto. Ottanta chilometri che costeggiano il lago di Caldonazzo, il fiume Brenta, attraversando meleti, campi coltivati e borghi di montagna. Una ciclabile immersa nella natura che si è aggiudicata anche il premio della stampa agli Italian green roads award 2020, l’Oscar italiano del cicloturismo. 

5. Perdersi tra i borghi 

Il Trentino vanta ben 6 località riconosciute tra i borghi più belli d’Italia. Si tratta di posti speciali, dove assaporare il piacere delle piccole cose e scoprire le tradizioni storiche, culturali e gastronomiche locali. 

6. Una passeggiata a piedi nudi 

Per una vacanza digital detox lontani dalla tecnologia e all’insegna della natura, il Trentino offre numerose esperienze. Tra le montagne si può respirare a pieni polmoni il profumo dei boschi e dei prati in fiore, ascoltare il vento tra le fronde degli alberi, camminare a piedi nudi nelle acque fresche di un torrente e imparare pratiche di mindfulness

7. Mettere le mani in pasta

Raccogliere le erbe da cucinare, preparare conserve e assistere alla lavorazione del miele, mettersi alla prova con nuove ricette: cucinare i piatti di altre tradizioni o usare prodotti un po’ insoliti offre l’opportunità per sfidare se stessi e sperimentare nuove cose. 

 

Vallese Trekking: ViaStockalper©BST AG Vallese trekking: gli itinerari storici per la primavera 2021

8. Per bere un bicchiere di vino santo 

Lo chiamano il passito dei passiti, per la sua qualità, frutto di un lungo processo di fermentazione. Il gusto è dolce e delicato e per questo è accompagnato da torte e dolciumi: è il vin santo, prodotto tipico del luogo, da gustare dopo una passeggiata o durante un picnic.

9. Fare una nuova scoperta in museo

Arte, storia, natura, tradizioni: sono tante le cose che si possono scoprire esplorando i musei del Trentino. Chi ha costruito i forti della Grande Guerra? Chi erano i principi vescovi? Di cosa sono fatte le Dolomiti? I sentieri culturali pensati da Visit Trentino rispondono a queste e altre domande, arricchendo l’esperienza dei visitatori. 

10. Imparare a conoscere gli animali 

Per i più piccoli c’è la possibilità di visitare le fattorie didattiche, vere e proprie fattorie di montagna che organizzano pomeriggi ricchi di esperienze: dallo scoprire i segreti del mondo delle api all’accudire asini e galline; dal fare il burro a produrre oggetti in feltro. Un’attività perfetta per le famiglie, all’insegna del divertimento e dell’apprendimento. 

 

Primavera in Giappone, ciliegi in fiore Primavera in Giappone: ciliegi in fiore e non solo

 

L’apertura dei luoghi culturali e turistici, l’accesso agli stessi, ai mezzi di trasporto pubblico e ai servizi è regolata dalle misure di contenimento messe in attoper far fronte all’emergenza sanitaria. Le norme potranno variare nel tempo e prevedono l’applicazione di diverse misure di sicurezza – dalla chiusura, al distanziamento sociale, all’utilizzo obbligatorio di dispositivi di sicurezza individuale come guanti e mascherine. Si invita dunque a consultare il sito e a contattare direttamente i gestori dei servizi per una puntuale informazione sulle modalità di accesso

Fonte: Visit Trentino 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti