Forum Mondiale dell’Acqua 2024, Meteogiuliacci sostiene l’Italia

Print Friendly, PDF & Email
Siccità diga di san Giuliano

In Italia la siccità è in aumento. Meteogiuliacci sostiene la candidatura della Penisola come sede del Forum Mondiale dell’Acqua 2024.


«La siccità in Italia è in aumento. Un nostro studio (di Meteogiuliacci) mostra come il forte aumento delle annate siccitose sia dovuto a più frequenti e durature incursioni sull’Italia da parte dell’Anticiclone Africano, il quale nel corso dell’ultimo ventennio ha spostato di 500-700 km verso Nord il suo raggio di azione, così da spingersi con maggior facilità fin sulla nostra Penisola». Lo ha affermato Mario Giuliacci, metereologo e accademico, alla vigilia della Giornata Mondiale della Terra del 22 aprile. E ha proseguito: «Nel prossimo decennio il previsto ulteriore aumento delle temperature medie rischia di causare quindi un corrispondente aumento delle annate siccitose in Italia, dove l’acqua disponibile potrebbe diminuire in modo drammatico: ecco perché dobbiamo considerare fondamentale una gestione più razionale e sostenibile di questa preziosa risorsa».

Meteogiuliacci sostiene così la candidatura dell’Italia come sede del decimo Forum Mondiale dell’Acqua 2024. Lo ricorda Endro Martini, geologo e Presidente di Italy Water Forum 2024, che ribadisce al contempo il carattere inclusivo della manifestazione. «Qualora l’Italia fosse la sede del Decimo Forum Mondiale dell’Acqua, avremo i rappresentanti anche di tutte le religioni che incontreranno i rappresentanti e le delegazioni delle Nazioni, degli Stati. Arriveremmo alla Carta del Rinascimento dell’Acqua nel Paese di Leonardo da Vinci e di San Francesco». Questo il progetto dell’Italia, che si trova ora nella short list delle nazioni finaliste che concorrono per ospitare il Forum. Un evento di rilevanza internazionale su una risorsa indispensabile come l’acqua.

 

Comune di Ferrara, ombrelli Ferrara sostiene l’Italia per il Forum Mondiale sull’Acqua 2024

 

Fonte: Ufficio Stampa Italy Water Forum 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti