Viaggiare plastic free

Print Friendly, PDF & Email
Viaggiare plastic free, plastica mare

Il problema del consumo di plastica applicato ai viaggi: consigli per vacanze plastic free.


Come si può ridurre al minimo l’uso di plastica monouso quando si è in viaggio? Cosa sta facendo l’industria dell’ospitalità per dare il proprio contributo al problema della plastica? Quali hotel si stanno orientando all’uso di piatti completamente riciclabili e lenzuola di cotone organico prodotto in modo sostenibile? Ecco alcune risposte di Condé Nast Johansens a questa problematica così attuale, che possono suggerire la scelta della struttura in cui soggiornare nel prossimo viaggio.

Alcuni dati sulla plastica

  1. Esistono 6 tipi di plastica: riciclabile, riciclata, bio based, PLA – PLA (acido polilattico), biodegradabile, compostabile;
  2. Solo il 15% dei rifiuti di plastica viene riciclato;
  3. La maggior parte delle plastiche biodegradabili viene ancora incenerita o finisce nelle discariche;
  4. 8 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica entrano negli oceani ogni anno;
  5. Gli articoli in plastica più difficili da riciclare sono quelli monouso, come tazze da caffè usa e getta, scatole per alimenti in plastica e posate in plastica;
  6. Le cannucce sono tra i primi 10 detriti di plastica nei nostri oceani;
  7. Un recente rapporto del World Wide Fund for Nature ha rilevato che l’arrivo di turisti nel Mediterraneo ogni estate porta a un picco del 40% nella plastica che entra in mare;
  8. Un hotel a quattro stelle di 200 camere può utilizzare quasi 300.000 pezzi di plastica monouso in un mese (a piena capacità).

 

Trivelle Trivelle, l’appello di Legambiente, Greenpeace Italia e WWF

Cosa possono fare i viaggiatori

Si può scegliere una destinazione impegnata nella battaglia alla plastica: diversi paesi in tutto il mondo hanno bandito l’uso della plastica monouso. Uno di questi paesi è il Kenya, dove i sacchetti di plastica sono vietati già dal 2017; a giugno 2020 si è vietato anche l’utilizzo di plastica monouso come bottiglie d’acqua e piatti usa e getta nei parchi nazionali, nelle foreste, sulle spiagge e nelle aree protette. Recentemente in Inghilterra è entrato in vigore il divieto su cannucce di plastica, agitatori e cotton fioc. Capri ha vietato tutta la plastica usa e getta nel maggio 2019, così come il Costa Rica quest’anno, le Barbados nell’aprile 2019 e Bali nel luglio 2019. Inoltre esiste un numero crescente di hotel e resort in tutto il mondo che non si prende cura solo dei propri ospiti, ma anche della comunità. Questo significa utilizzare prodotti sostenibili e plastic free e gestire con attenzione le risorse naturali. Ecco alcuni di questi hotel, ognuno dei quali è stato Finalista o Vincitore del Premio Condé Nast Johansens Best For Green Practices & Sustainability 2021:

  • Whatley Manor Hotel and Spa, Wiltshire, Regno Unito
  • The Green House, Dorset, Regno Unito
  • Ravana Garden, Sri Lanka
  • Fairways & Bluewater Resort Club Boracay, Filippine
  • Castello di Postignano, Sellano (PG), Italia
  • Cas Gasi, Ibiza
  • Siwash Lake Wilderness Resort, Canada
  • The Stanford Inn By The Sea, California, Stati Uniti
  • Casa dos Arandis, Brasile
  • Gaïa Riverlodge, Belize
  • Drake Bay Getaway Resort, Costa Rica
  • Masseria Susafa, (PA), Italia

Cosa stanno facendo i pionieri nel settore dell’ospitalità

Oltre ai viaggiatori, che possono fare scelte responsabili, limitando gli articoli monouso (usando le borracce, ad esempio, ma anche scegliendo attentamente i prodotti da toeletta), anche le strutture ricettive possono fare la differenza. Ecco quali sono le principali azioni che si stanno mettendo in atto per la riduzione dell’uso di plastica.

  • Utilizzo di acqua filtrata: resort come il Rancho Pacifico e il Drake Bay Getaway Resort, entrambi in Costa Rica, e Finolhu alle Maldive usano sistemi di filtrazione dell’acqua invece delle bottiglie d’acqua in plastica;
  • Uso del vetro: molti bar/ristoranti/camere d’albergo ora usano per l’acqua caraffe di cristallo e bottiglie di vetro;
  • Uso di cannucce di carta invece che di cannucce di plastica;
  • Sostituzione della plastica con carta, metallo, legno, bambù, paglia, vetro o alternative elettroniche: chiavi magnetiche, posate di plastica, agitatori, bustine, cibo preconfezionato e bicchieri monouso possono essere sostituiti da materiali naturali o, nel caso delle key card, da app;
  • Sostituzione di articoli da toeletta monouso con dispenser ricaricabili: marchi di fragranze e prodotti per la cura della persona come Molton Brown hanno creato una gamma di distributori ricaricabili;
  • Acquisto di piumini, cuscini, materassi e biancheria da letto realizzati con materiali naturali, come la piuma d’oca e la lana, che sono biodegradabili, al contrario del poliestere, ovvero il polietilene tereftalato che si trova più comunemente nei prodotti per la biancheria da letto. Aziende come Frette forniscono alternative di cotone e seta di prima qualità;
  • Essere consapevoli delle plastiche “nascoste”, come quelle che si trovano nei tappeti, nei mobili da giardino, nelle tende da doccia e nelle tende delle finestre.

 

Turismo Turismo smart: in corso ciclo di incontri per After Futuri Digitali

 

Fonte: Condé Nast Johansens

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti