Riaperture musei, le mostre visitabili in Italia dal 27 aprile

Print Friendly, PDF & Email
Riaperture, Castello Sforzesco Milano

Ecco alcune delle mostre visitabili in Italia dal 27 aprile.


Dopo circa due mesi di chiusura, con l’attribuzione della zona gialla, in diverse città d’Italia riaprono i musei e le sedi espositive. Le visite saranno disciplinate secondo le modalità indicate nei siti degli enti e il fine settimana sarà possibile visitarli solo su prenotazione. Ecco alcune delle mostre accessibili dal 27 aprile

Milano

Per quanto riguarda il comune di Milano, da martedì 27 aprile sarà possibile riscoprire le collezioni di tutti i musei civici. Sarà invece una sorpresa visitare nuovamente il Museo del Novecento, che si presenta al pubblico con il completo riallestimento dei due piani dell’Arengario dedicati all’arte italiana degli anni ’20-’50. Lo stesso vale per il Museo di Storia Naturale, che espone la propria collezione di Mineralogia in una nuova grande sala, completamente riallestita, al piano terra del Museo. Riaprono poi a Palazzo Reale due mostre dedicate a “I Talenti delle Donne”: Divine e Avanguardie. Le donne nell’arte russa, in programma fino al 12 settembre, e Prima, donna. Margaret-Bourke White, fino al 29 agosto. Al PAC riprende l’esposizione dedicata a Luisa Lambri dal titolo Autoritratto, aperta fino al 19 settembre.

Al Castello Sforzesco sarà visitabile fino al 30 giugno la mostra dedicata alla passione di Giuseppe Bossi per Raffaello. La retrospettiva su Carla Accardi sarà ospitata nelle sale espositive del Museo del Novecento fino al 27 giugno, mentre quella dedicata a Franco Guerzoni, allestita nello spazio degli Archivi al quarto piano del museo, sarà aperta al pubblico fino al 22 agosto. Tra le mostre annunciate e mai aperte si ricorda Le Signore dell’arte, donne artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600, che resterà aperta fino al 25 luglio. Sempre dal 27 aprile è poi possibile visitare Green Grand Tour, la mostra di Federica Galli allestita a Palazzo Morando fino al 27 giugno. All’acquario ci sarà la mostra di Barbara Pietrasanta Naufraghi e naufragi, mentre al Museo Messina aprirà al pubblico Decade, visitabile fino al 2 giugno. 

 

Palazzo Barberini notturno. Via Palazzo Barberini. Palazzo Barberini riapre il 27 aprile con tre mostre temporanee

 

Parma

Dal 27 aprile il complesso museale della Pilotta riapre al pubblico proponendo un nuovo itinerario di visita. Nel consueto biglietto di ingresso saranno comprese, senza oneri aggiuntivi, anche le due mostre temporanee proposte dalla Pilotta, ovvero L’Ottocento e il mito di Correggio e Fornasetti Theatrum Mundi, oltre che la magnifica Biblioteca Palatina. È stata inoltre riaperta ai visitatori la Sala “Parma al tempo dei Farnese” della Galleria Nazionale; quest’ultima ospita la collezione Farnese e l’opera del Parmigianino, Ritratto di gentildonna meglio conosciuto come La Schiava turca. Riapre anche la sezione dell’Ala ovest con l’esposizione di opere pittoriche su supporto ligneo di artisti toscani, veneti ed emiliani dal XIII al XVI secolo. Presente il capolavoro di Leonardo da Vinci, Testa di fanciulla detta La Scapiliata

 

Appartamento dei Duchi di Savoia - Principi di Piemonte Fonte: Musei Reali di Torino I Musei Reali di Torino riaprono le loro porte il 27 aprile

Pisa

Riapre sempre il 27 aprile al PALP (Palazzo Pretorio di Pontedera) la mostra I Love Lego. Si tratta di una mostra pensata per sognare, divertirsi e riscoprire il proprio lato ludico e creativo scrutando tra i dettagli di interi mondi in miniatura. Vere opere di architettura e ingegneria, decine di metri quadrati di scenari interamente realizzati con mattoncini LEGO® andranno a comporre città moderne e monumenti antichi: dalla città contemporanea ideale alle avventure leggendarie dei pirati, dai paesaggi medievali agli splendori dell’Antica Roma, ricostruiti e minuziosamente progettati coi moduli più famosi al mondo.

Bari

Con la Puglia in zona arancione riapre al pubblico la mostra di Renato Guttuso a Bari. Ospitata nella Contemporanea Galleria d’Arte, l’esposizione ha ad oggetto l’intera produzione artistica di Guttuso, spaziando da chine a tempere, a olii nei quali la potenza del colore e la padronanza dello strumento pittorico, tipici del Maestro, evidenziano il suo eclettismo e la sua unicità.

 

Uffizi: riapertua 2021. Opera: Figlia di Niobe. Bia Wikimedia Commons. Uffizi: riapre domani il Giardino di Boboli, a maggio le Gallerie

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti