2 giugno ed estate 2021: i trend degli italiani per Federalberghi

Print Friendly, PDF & Email
2 giugno, immagine di spiaggia al tramonto. Via Wikimedia Commons.

Un ponte tutto italiano: quasi 9 milioni in viaggio per il 2 giugno. Determinante per l’estate sarà la cadenza del piano vaccinale.

«Per il ponte del 2 giugno è previsto un movimento turistico di quasi 9 milioni di italiani che, per i loro spostamenti, prediligeranno il Belpaese. Per quanto si tratti di un valore inferiore rispetto agli exploit dell’era pre-covid in periodi analoghi, in questo momento e dopo un anno come il 2020, vissuto in totale oscurità, sembra di poter gridare al miracolo». Così afferma il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, commentando il risultato dell’indagine effettuata dall’Istituto ACS Marketing Solutions in merito al movimento turistico degli italiani per il ponte del 2 giugno ma anche riguardo le previsioni per l’estate 2021.

L’indagine è stata effettuata dall’Istituto ACS Marketing Solutions dal 18 al 21 maggio intervistando con il sistema C.A.T.I. (interviste telefoniche) un campione di 3.001 italiani maggiorenni rappresentativo di oltre 50,2 milioni di connazionali maggiorenni.

Il campione è stato costruito in modo da rispecchiare fedelmente la popolazione di riferimento, tale da includere anche i minorenni, mediante l’assegnazione di precise quote in funzione di sesso, età, grandi ripartizioni geografiche ed ampiezza centri.

Voglia di partire e bisogno di ricominciare

Gli effetti dell’incubo pandemico del 2020 nono sembrano più insormontabili. SI ricorda che l’anno passato è stato definito «annus horribilis» da un recente rapporto dell’Osservatorio Mercato del Lavoro sul Turismo 2020, con la perdita del lavoro per un dioendente su quattro del settore. L’espressione, significativamente, risuona anche nelle parole di Bocca.

«La voglia di partire oggi corrisponde al bisogno degli italiani di ricominciare, lasciandosi alle spalle grazie alla vacanza i residui di un annus horribilis, anche alla luce della maggior sicurezza acquisita con la campagna vaccinale che sta procedendo a passo spedito», continua infatti Bocca.

Il Presidente ha poi notato che «ciò fa ben sperare in prospettiva per la ripresa del comparto, soprattutto per ciò che riguarda la stagione estiva in arrivo. Restiamo in attesa che il green pass faccia la sua parte, anche e soprattutto per l’ingresso dei turisti che raggiungeranno la meta Italia provenendo da paesi stranieri».

Turismo 2020: annus horribilis secondo lo studio Ebnt

Un delicato segnale di ripartenza

Gli italiani si stanno quindi preparando per le vacanze? «Dando proprio uno sguardo alle previsioni per la stagione estiva – ha affermato Bocca – colpisce constatare che il 54,5% degli italiani (maggiorenni e minorenni) abbia in programma o comunque stia valutando l’ipotesi di organizzare una vacanza nei prossimi mesi. Il top delle preferenze continua a guadagnarlo il mese di agosto (64,1%), seguito da luglio e settembre».

E rispetto alla Festa della Repubblica 2021? «Giugno non mostrerà una particolare performance – spiega ancora Bocca – anche a fronte del fatto che le date delle riaperture sono state rese note in tempi non adeguati a garantire una buona programmazione per quel mese. Ma resta il fatto che la Festa della Repubblica, cadendo nella giornata di mercoledì, offre comunque la possibilità a famiglie e lavoratori di poter usufruire di un tempo più dilatato per pianificare un viaggio».

La quasi totalità degli italiani sceglierà di restare nel proprio paese ma si orienterà con più scioltezza verso regioni diverse. Oggi si teme meno la diffusione del contagio e, nel contempo, c’è grande attenzione al rispetto del piano vaccinale. Bocca lo definisce «un inizio delicato», ma auspica anche sia il «preludio verso una ripresa piena che sarà in grado di sorprenderci. E che gli italiani ed il Paese meritano».

Il 2 giugno degli italiani (via Federalberghi).

Il 2 giugno degli italiani (via Federalberghi).

Dal ponte del 2 giugno all’estate: le previsioni di Acs

Dal sondaggio di Acs, emerge che saranno circa 8,8 milioni gli italiani che approfitteranno del ponte del 2 giugno per concedersi un primo assaggio di vacanze estive, dormendo almeno una notte fuori casa.

La quasi totalità, pari al 99,3% rimarrà in Italia. Di questi il 69,6% si muoverà all’interno della regione di residenza, il 22,5% si sposterà in qualche regione vicina a quella di residenza, il 5,5% invece farà un viaggio un po’ più lungo.

L’onda lunga del Covid sulle scelte e le abitudini di viaggio non si vede però solo nelle mete. Anche il settore degli alloggi, infatti, vedrà una affermazione della casa di proprietà con il 30,3% della domanda.

Seguono la casa di parenti o amici con il 25,8%, la struttura alberghiera con il 21,0%, i bed & breakfast con l’11,7% e l’appartamento in affitto con il 3,1%.

Il 2 giugno traghetterà così il turismo italiano verso l’estate. Gli italiani che hanno già in programma o stanno valutando una vacanza nei mesi estivi sono il 54,5% (+9,8% rispetto al 2020). Maggiormente propensi a fare un periodo di vacanza sono coloro che hanno ricevuto o stanno per ricevere almeno la prima dose di vaccino contro il Covid-19.

Estate 2021: le nuove tendenze degli italiani per Airbnb

Mare o montagna? B&b o proprietà?

Si tratta, questi ultimi, di trend destinati a replicarsi per tutta la stagione estiva. La destinazione prescelta anche per l’estate è infatti l’Italia in quasi il 90% dei casi (89,6%). La destinazione preferita rimane il mare (72,7%), seguito dalla montagna (8,4%), dalle località d’arte (5,2%) e dai laghi (2,6%).

L’albergo sarà di gran lunga l’alloggio preferito (28,1%), seguito da casa di parenti e amici (17,8%), dai bed & breakfast (16,7%) e dalla casa di proprietà (12,8%).

Infine, si nota una variazione anche sulla durata delle ferie. Le notti che gli italiani pensano di passare fuori casa sono infatti in leggero aumento rispetto all’anno scorso, passando da 9 a 10. Quasi a sottolineare come, dopo il periodo difficile che ci ha visti tutti coinvolti, il bisogno di vacanze ritorni più forte di prima.

Fonte: Federalberghi.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti