Bressanone, dal 22 maggio parte la stagione estiva

Print Friendly, PDF & Email
Bressanone

Bressanone in Alto Adige, la Plose e le montagne circostanti sono pronte ad accogliere gli amanti della natura. Dal 22 maggio al via alla stagione estiva.


Dopo la pausa dovuta al Covid-19, riparte ora la stagione estiva a Bressanone in Alto Adige. Il territorio e le montagne circostanti si preparano quindi ad ospitare gli amanti della natura, le famiglie, gli escursionisti e i ciclisti. La cabinovia della Plose sarà in funzione tutti i giorni dal 22 maggio dalle 9 alle 18, garantendo un’esperienza naturalistica unica, con tutte le precauzioni necessarie del caso. «A Bressanone e sulla Plose abbiamo la fortuna di essere circondati da tanto spazio e natura», dice Werner Zanotti, direttore della Cooperativa Turistica di Bressanone. «Soprattutto ora si può garantire un buon livello di sicurezza. Il benessere dei visitatori e dei dipendenti è l’obiettivo principale. Il lavoro è in pieno svolgimento per essere ben preparati per il segnale di partenza e per permettere esperienze e momenti unici entusiasmanti».

 

Strutture eco-friendly del Trentino. Via Visit Trentino. Eco-friendly e accoglienti: le strutture green in Trentino

Sicurezza e ospitalità

Sentieri escursionistici ben segnalati e curati, piste ciclabili fluide, veloci mountaincart, baite rustiche e ospitalità sono il cuore della Plose. I gestori dei rifugi attendono più che mai i loro ospiti e hanno ideato soluzioni innovative per accogliere i visitatori rispettando le misure igieniche necessarie. Le aree di seduta all’esterno delle baite sono state appositamente predisposte per essere invitanti e confortevoli, in modo da poter gestire la limitata capienza all’interno. La gerla da picnic della Malga Rossalm offrirà ai visitatori prodotti agricoli locali.

La gerla è una sorta di cesta in legno da portare sulle spalle, anticamente usata per trasportare ogni genere di prodotto sull’alpeggio. I nuovi giovani gestori della Malga, Christoph e Werner, l’hanno ora riportata in vita, facendola realizzare a mano in legno locale di betulla e cirmolo. La loro cesta contiene una coperta da stendere sull’erba e deliziose specialità fatte in casa o di produttori locali. È prenotabile e può essere facilmente portata con sé per essere  gustata negli appositi punti panoramici intorno al rifugio. Il tutto nel pieno rispetto delle norme sanitarie.

Novità sul WoodyWalk

Escursioni in montagna con tutta la famiglia, divertenti giochi nella natura, viste panoramiche sulle Dolomiti, piacevoli soste e un po’ di movimento: tutto questo si può trovare sul circuito WoodyWalk. Come prima parte del Sentiero panoramico, questo percorso circolare, adatto ai passeggini, offre una vista magnifica sul gruppo delle Dolomiti con il Sass da Putia, le Odle e le note montagne della Valle d’Isarco meridionale. Il nuovo highlight tra le molte stimolanti possibilità di gioco lungo il WoodyWalk è il Woody Flipper. In questa nuova installazione si può sperimentare giocosamente il viaggio dell’acqua. E a partire dalla fine di luglio, un nuovo tratto di sentiero condurrà dal lago di montagna alla Rossalm.

Il piacere sostenibile della natura

Le montagne di Bressanone rappresentano molte cose: un luogo di desiderio, un’esperienza naturale, una regione ricreativa e un habitat per persone e animali. Non basta però solo parlare di sostenibilità e consapevolezza: le destinazioni e la natura dipendono dal contributo di tutti. I visitatori e le visitatrici sono invitati a smaltire con cura i rifiuti e a non lasciare tracce lungo il sentiero. E non si parla solo della plastica, ma anche dei rifiuti organici, cioè i fazzoletti usati o le bucce di banana. Non è solo un problema visivo, ma spesso anche ecologico. Per degradare i rifiuti organici occorrono infatti molti anni, nel corso dei quali gli animali e la natura possono essere gravemente danneggiati.

La consapevolezza ambientale delle persone è attualmente più alta che mai, così come la sensibilità sul consumo di imballaggi usa e getta. Per questo motivo, nel 2019, alcune aziende selezionate della Plose hanno lanciato una campagna per vietare tutte le bottiglie d’acqua di plastica dalla montagna locale di Bressanone. Intendono incoraggiare i visitatori a portare le proprie bottiglie e a riempirle presso le fontane d’acqua potabile segnalate sul posto. 

 

Montagna in sicurezza, escursionista 10 consigli da seguire per vivere la montagna in sicurezza

Passeggiare e pedalare senza pensieri

Non solo escursioni individuali: per tutti coloro che vogliono vivere un’esperienza a tutto tondo, quest’anno sono disponibili guide certificate per escursioni a piedi e in bicicletta, con le quali si possono vivere i luoghi più belli di Bressanone e dei suoi dintorni. Il tutto si svolge nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di salute. In particolare, si consigliano le seguenti escursioni:

  • Tour delle Tre Cime: giro panoramico delle Tre Cime del massiccio della Plose. Si tratta di un percorso alla portata di molti, lungo il crinale della Plose, la montagna di Bressanone. Il sentiero circolare parte e arriva alla stazione a monte di Valcroce. In una giornata è così possibile raggiungere ben 3 cime: il Monte Telegrafo, il Monte Fana e il Gabler. Per questa escursione non sono necessarie conoscenze in materia di arrampicata o di alta montagna; c’è però bisogno di un po’ di resistenza fisica e un po’ di esperienza nel trekking. In circa 5 ore e mezza si percorre l’intero percorso di 13 km superando un dislivello di poco più di 810 m complessivo. Diverse le possibilità di sosta lungo il percorso. 
  • Giro del Sass de Putia: Una classica escursione dolomitica intorno al massiccio del Sass de Putia. Dal Passo delle Erbe alla Val Badia e ritorno: il giro attorno all’imponente Sass de Putia è una delle più belle escursioni ad anello delle Dolomiti. Il sentiero, lungo 14 km, conduce attraverso un paesaggio vario, dai prati pianeggianti attraverso stretti sentieri di montagna, fino all’impegnativa Forcella el Putia. È incluso un panorama unico dal Fanes al gruppo delle Odle. Ogni secondo giovedì a partire dal 10 giugno è possibile prenotare un’escursione guidata presso Bressanone Turismo.
  • Giro panoramico in montagna sulla Punta Quaira. L’escursione in cima al Karspitz/Punta Quaira (2.517 m), la montagna locale di Varna con una magnifica vista sulla media Valle d’Isarco e Bressanone, è particolarmente raccomandata durante la fioritura delle rose alpine in giugno. La Karspitze, che può essere raggiunta dal maso più alto di Spiluck/Spelonca, il Gostnerhof (tour di 10 km) o dal Wieserhof a Scaleres (circa 13 km di percorso), è una delle vette panoramiche più popolari nell’area di Bressanone. Ai suoi piedi, l‘accogliente Malga Zirmaitalm è il luogo ideale per una pausa ristoratrice.

Escursioni guidate

Tra le escursioni guidate organizzate, si propongono:

  • Luoghi segreti e i tesori delle erbe. Ogni secondo giovedì a partire dal 17 giugno, una guida escursionistica conduce i partecipanti in luoghi segreti e baite rustiche dove la pace e la tranquillità dominano. Il punto di partenza di questa escursione è la stazione di montagna della cabinovia della Plose, da dove sentieri deserti portano alla Malga Ochsenalm, un posto meraviglioso sopra il limitar del bosco. Dopo un po’ di ristoro si scende alla fattoria delle erbe aromatiche Schmiedthof a San Leonardo, dove la padrona di casa Rita accoglie gli escursionisti per mostrare il suo giardino di erbe curate con amore.

  • Solitario lago di montagna. Lontano dai noti percorsi escursionistici, a Bressanone ci sono anche meravigliosi tesori naturali. Tra questi c’è il Lago Gelato, nascosto nella tranquilla Valle di Scaleres vicino a Bressanone. Ogni secondo martedì a partire dall’8 giugno un’escursione parte dalla frazione di Scaleres attraverso boschi e pendii mediamente ripidi, fino al lago, situato a 1.957 metri al limitar del bosco. Sulla via del ritorno a valle ci si ferma in un piccolo rifugio alpino. Il servizio navetta da e per l’ufficio informazioni di Bressanone è incluso.

 

Cascata Trentino 8 cascate nascoste da scoprire in Trentino

 

Per maggiori informazioni consultare il sito: brixen.org.

Fonte: Brixen Tourismus

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti