Cosa mangiare in Puglia: 3 ricette tipiche

Print Friendly, PDF & Email
Piatti tipici pugliesi, orecchiette alle cime di rapa

Scopriamo 3 piatti tipici della tradizione pugliese: i panzerotti, la focaccia e le orecchiette con le cime di rapa.


Cosa mangiare in Puglia in occasione di un viaggio? Tra i vari piatti tipici della tradizione pugliese, ci sono sicuramente i panzerotti, la focaccia barese e le orecchiette con le cime di rapa. 3 ricette semplici e gustose, da provare almeno una volta nella vita.

Panzerotti baresi 

Si gustano per strada, in rosticceria e in pizzeria ma anche in occasioni di festa: i panzerotti baresi sono uno dei simboli della gastronomia pugliese e vanno mangiati caldi, appena fritti. Nella preparazione tradizionale, i dischi di pasta ottenuta da farina, lievito e olio d’oliva sono farciti con pezzetti di mozzarella, di tipo non acquosa, pomodori pelati, sale, pepe e pecorino grattugiato e richiusi a mezzaluna prima di essere cotti in olio bollente. Il profumo e il colore dorato sono irresistibili. Esistono diverse varianti del panzerotto barese, in altre zone chiamato calzone.

 

Locandina settimana della cultura del mare Puglia, la settimana della cultura del mare

Orecchiette con le cime di rapa

Simbolo della gastronomia barese e una delle ricette tipiche più famose in Italia, le orecchiette con le cime di rapa sono una specialità della tradizione contadina, semplice ma con un gusto molto deciso, che unisce l’amarognolo delle cime di rapa, la sapidità delle acciughe e il gusto piccante del peperoncino. Come prepararle: a metà cottura delle cime di rapa aggiungere nella stessa acqua già salata le orecchiette e appena pronte mantecarle con un saporito soffritto di acciughe sott’olio, profumato con uno spicchio di aglio tritato; per ultimo aggiungere un tocco piccante con il peperoncino in polvere.

Puddica (focaccia)

La Puddica è una focaccia gustosa e soffice della tradizione brindisina. Ecco come prepararla: incorporare in 800 grammi di farina 1 panetto di lievito, 2 cucchiaini di sale e mezzo di zucchero e lavorare aggiungendo la quantità di acqua sufficiente a rendere morbido l’impasto e 2 cucchiai di olio extravergine di oliva. La pasta, lasciata a lievitare per almeno un’ora, va stesa in una teglia dai bordi alti e guarnita con pomodori maturi schiacciati e capperi da spingere nell’impasto con il pollice. Occorre poi spolverare la Puddica con origano e aggiungere eventualmente la cipolla o il peperoncino, prima di condire con un filo d’olio e infornare a 250° per 30 minuti.

 

Murgia, Puglia. Paesaggio Puglia, al via il recupero della necropoli di San Magno nell’Alta Murgia

 

Fonte: Viaggiare in Puglia

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti