Crostini con milza: il piatto estivo tradizionale di Siena

Print Friendly, PDF & Email
Crostini con milza. Via Terre di Siena.

I crostini con milza, tipici di Siena, risalgono alla tradizione contadina. Sono un tipico piatto estivo non difficile da preparare.

I crostini con milza, comunemente chiamati a Siena Crostini neri, rappresentano un antipasto tipico della cucina senese. Questo piatto veniva servito, in estate, per il pranzo della battitura del grano, quando le massaie rifocillavano i lavoratori con tavolate nelle aie.

Di solito l’impasto dei crostini si serviva in un tegame di coccio, posto al centro della tavola e si spalmava su pane raffermo che veniva inzuppato nel brodo.

La ricetta dei crostini con milza, ideale per la bella stagione a venire e non troppo complessa, è all’insegna della tradizione toscana.

Piatti tipici toscani: i Ricciarelli di Siena

Ingredienti (per 4-6 persone)

  • Uno spicchio di cipolla rossa;
  • 1 costa di sedano;
  • 1 ciuffo di prezzemolo;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva;
  • 50 g di carne macinata;
  • 200 g di milza di vitello;
  • 1/2 bicchiere di vino rosso;
  • 50 g di capperi;
  • 2 acciughe sott’olio;
  • 1 filo da crostini;
  • sale qb.
Piatti tipici della Toscana: l’arista alla fiorentina

Procedimento

Preparate un battuto con la cipolla, il sedano e il prezzemolo. In un tegame scaldate l’olio e aggiungete le verdure. Quando iniziano a prendere colore aggiungete la carne macinata, facendo rosolare a fuoco moderato, finché diventa ben colorita.

Nel frattempo prendete la milza, incidete la pelle aiutandovi con il dorso di un coltello, tirate via la polpa, aggiungetela al battuto, bagnate con il vino rosso e quando sarà evaporato abbassate la fiamma del fornello.

Lasciate poi in cottura ancora per circa 30 minuti, bagnando se necessario con un goccio di acqua calda. Aggiungete quindi i capperi, le acciughe tagliate a pezzi, aggiustate di sale lasciando insaporire per pochi secondi. Tagliate infine il pane da crostini a fettine e spalmateli con la salsa.

Fonte: Terre di Siena.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti