Da maggio al British Museum la mostra “Nerone: l’uomo dietro il mito”

Print Friendly, PDF & Email
Busto di Nerone Foto: Zeno Colantoni

Nerone è uno degli imperatori più famigerati di Roma, noto per la sua crudeltà ed eccentricità. Ma era davvero il tiranno che la storia ha dipinto? L’ultima mostra del British Museum va alla ricerca della verità.


L‘ultimo discendente maschio dell’imperatore Augusto, Nerone, salì al trono nel 54 d.C. a soli 16 anni e morì di morte violenta a 30. L’imperatore è conosciuto come uno dei più famigerati governanti di Roma, noto per la sua crudeltà, dissolutezza e follia.

Governò in un momento di grandi cambiamenti sociali e politici, supervisionando eventi importanti come il Grande Incendio di Roma e la ribellione di Boudica in Gran Bretagna. Ha presumibilmente ucciso sua madre e due delle sue mogli, si preoccupava solo della sua arte e aveva pochissimo interesse a governare l’impero.

Nerone Fonte: British Museum

Busto ritratto della giovane Agrippina, madre di Nerone. 37–39 d.C.

Attingendo alle ultime ricerche, la storia di Nerone viene esplorata e riesaminata nell’ultima mostra del British Museum, dal 27 maggio al 24 ottobre, Nero: the man behind the myth. Questa grande mostra mette in discussione la narrativa tradizionale dello spietato tiranno ed eccentrico interprete, rivelando un Nerone diverso, un leader populista in un momento di grandi cambiamenti nella società romana.

Attraverso circa 200 oggetti spettacolari, dal palazzo imperiale di Roma alle strade di Pompei, la mostra segue l’ascesa e la caduta del giovane imperatore per prendere una decisione su Nerone. Era un sovrano giovane e inesperto che faceva del suo meglio in una società divisa, o il megalomane spietato e matricida che la storia ha dipinto?

Nerone Fonte: British Museum

Nerone dopo l’incendio di Roma da Le Monde Illustré . Incisione su legno, 1862. Secondo Carl Theodor von Piloty.

Nerone era un tiranno?

Nerone era un giovane sovrano che cercava di negoziare la sua posizione all’interno di un sistema politico relativamente nuovo e instabile, in cui elementi monarchici (l’imperatore) e repubblicani (il senato) sedevano fianco a fianco. Mentre l’imperatore superava tutto in termini di potere e autorità, l’apparenza esteriore della monarchia doveva essere evitata. 

Gli imperatori dovevano quindi riconoscere, almeno formalmente, il ruolo del senato. Questo tradizionale consiglio, al quale appartenevano solo i membri dell’aristocrazia, aveva svolto a lungo un ruolo importante nel governo di Roma. Con la guerra civile e la fine della Repubblica, tuttavia, il potere senatorio fu gravemente indebolito.

 

Nerone Fonte: British Museum

Statua in marmo del giovane Nerone, 50–54 dC. Foto © RMN-Grand Palais (Musée du Louvre) / Hervé Lewandowski.

Nerone, come altri imperatori prima e dopo di lui, si scontrò spesso con il Senato, la sua autorità superiore in contrasto con le opinioni di questa tradizionale assemblea aristocratica che stava lentamente ma irrefutabilmente perdendo potere. Nerone era descritto come un tiranno pazzo dagli storici antichi appartenenti all’élite senatoria, ma dovremmo tenere presente che erano tutt’altro che imparziali. Non sorprende che i membri di questo gruppo, quando scrivevano di Nerone, volessero rappresentarlo nella peggiore luce possibile.

Tempo barocco ph. Photographic Archive. Museo Nacional del Prado. Madrid Palazzo Barberini ospita la mostra “Tempo Barocco”

Tuttavia, se si considerano le classi inferiori, emerge un quadro abbastanza diverso. Un certo numero di graffiti trovati a Roma salutano Nerone e il suo nome è il più comunemente trovato sui muri della città, più di ogni altro imperatore giulio-claudia o dei Flavi che vennero dopo di lui.

Se ci rivolgiamo a Roma, vediamo come le sue azioni hanno beneficiato la gente della capitale. Nerone costruì magnifici bagni pubblici e, attraverso la costruzione di un grande mercato coperto e il miglioramento dei collegamenti tra Roma e il suo porto, si assicurò che la sua gente avesse accesso al cibo. Nerone non solo si assicurò che i bisogni essenziali delle persone fossero soddisfatte, ma fornì loro anche luoghi di intrattenimento come un anfiteatro in legno ormai perduto. Le nuove norme edilizie da lui introdotte dopo il Grande Incendio migliorarono drasticamente anche le condizioni di vita dei romani.

Nerone Fonte: British Museum

Copia di uno scarabocchio inciso sul muro di un negozio o di un’osteria sul Colle Palatino a Roma, che rappresenta probabilmente l’imperatore Nerone.

Nerone era solo uno dei tanti imperatori “cattivi” ad essere descritti come tirannici, spietati e aspiranti a essere considerati dei. La somiglianza di queste accuse non dovrebbe sorprendere, considerando che sono state tutte fatte da senatori insoddisfatti per calunniare i loro nemici politici. Perfino Augusto, per quanto potesse essere l’epitome del buon imperatore, non aveva una reputazione immacolata. La sua ascesa al potere fu sanguinosa, come testimonia la lista di proscrizione che firmò con Marco Antonio e Lepido, con i quali all’epoca governava Roma.

Come giudichiamo allora? La crudeltà insensata è peggiore della spietatezza calcolata? E come distinguere i fatti dalla finzione, visto che quello che sappiamo di questi imperatori proviene da fonti tutt’altro che imparziali?

Decidi tu stesso se Nerone era un tiranno o la vittima della feroce propaganda.

Nero: the man behind the myth

A cura di Thorsten Opper e Francesca Bologna

British Museum, Londra

27 maggio – 24 ottobre 2021

Orari

Tutti i giorni: 10.00–17.00 (venerdì 20.30)

Stanza 30

La galleria delle mostre di Sainsbury

Biglietti

Adulti da £ 20, membri e minori di 16 anni gratis

Info: https://www.britishmuseum.org/

La Madonna col Bambino di Masaccio detta ‘del solletico’ in mostra a Siena

Fonte: British Museum

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Weekend a Siviglia: dove andare

  Avete tre giorni a disposizione per staccare dalla routine quotidiana, dove andate? Siviglia in Spagna, allegra, caliente e colorata.  Nella città del flamenco sono ...
Vai alla barra degli strumenti