5 consigli per prepararsi a percorrere la Via Francigena

Print Friendly, PDF & Email
Cammino, trekking

Dalla pianificazione del viaggio alla preparazione dello zaino, ecco come preparsi alla Via Francigena.


Prima di affrontare un cammino bisogna organizzarsi al meglio, tanto più se si tratta di un percorso lungo, come la Via Francigena. L’itinerario, che da Canterbury, in Inghilterra, si snoda alla volta di Roma, può essere affrontato come un viaggio alla ricerca di sé oppure come un’avventura per mettersi alla prova. Qualunque sia l’obiettivo, l’importante è pianificare il viaggio in modo accurato, facendo attenzione anche alla preparazione dello zaino. Ecco quindi 5 consigli utili da tenere a mente per percorrere la Via Francigena

 

Bici: lungo la Via Francigena, tratta senese. Via Terre di Siena. In bici lungo la via Francigena, nei dintorni di Siena

1. Definire il programma

La prima cosa da fare è individuare il periodo del viaggio. L’inverno e l’autunno sono le stagioni fisicamente più difficili, in quanto il freddo e l’umidità rendono il viaggio un’avventura impegnativa. Questi periodi sono dunque consigliati solo a chi voglia davvero mettersi alla prova. La primavera ha un clima più mite: passeggiare in mezzo alla natura nel suo periodo migliore è certamente una bella esperienza. L’estate è invece la stagione più affollata e calda, ma anche quella con più ore di luce a disposizione. 

La seconda cosa da decidere è il numero dei giorni da dedicare al cammino. Se si ha poco tempo a disposizione, le tappe della Via Francigena che attraversano le Terre di Siena sono una buona opzione: si tratta di 7 tappe per un totale di 184 km, ognuna delle quali percorribile in un giorno o in poche ore. 

2. Scegliere la destinazione e il tragitto

Una volta scelti il periodo e la durata del pellegrinaggio, bisogna individuare le tappe che rispondono ai propri obiettivi e interessi. Occorre controllare il tempo di percorrenza, le distanze e il grado di difficoltà, individuando i punti di sosta lungo l’itinerario. 

3. Allenarsi e scegliere le scarpe adatte

La Via Francigena è impegnativa, per cui è necessaria una buona preparazione fisica, oltre alla scelta di scarpe adatte alla tipologia di percorso. 

4. Preparare lo zaino 

Prima di iniziare il viaggio, bisogna procurarsi uno zaino capiente ma leggero; solitamente si consiglia di non esagerare con il peso complessivo e portare al massimo 7-8 kg sulle spalle. Tuttavia, il peso consigliato cambia anche in base a quello corporeo. L’ideale è portare solo cose utili ed essenziali: biancheria, vestiti, kit di pronto soccorso, coltellino svizzero, torcia elettrica, crema antizanzare, crema solare, impermeabile e passaporto del pellegrino o credenziale (un documento che i camminatori compilano lungo il viaggio come ricordo dell’esperienza).

5. Prestare attenzione

La via Francigena ha una segnaletica specifica, ma lungo il percorso si trovano anche altre strade e percorsi alternativi con simboli diversi. Occorre quindi prestare attenzione per non perdere l’orientamento

 

Via Francigena Via Francigena Italia candidata a Patrimonio Unesco

 

Fonte: Terre di Siena

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti