Alla scoperta dei siti Unesco dell’Umbria

Print Friendly, PDF & Email
Assisi

Fanno parte dei siti Unesco dell’Umbria non solo Assisi e Spoleto, ma anche luoghi meno conosciuti che vale la pena visitare.


Si terrà a Padova dal 23 al 25 settembre 2021 il World Tourism Event for World, un’occasione unica per scoprire i siti Unesco d’Italia. Tra le regioni interessate c’è anche l’Umbria, che vanta di diversi luoghi inseriti nella lista. Tra di essi c’è Assisi, che ha festeggiato lo scorso autunno i 20 anni di iscrizione a patrimonio dell’umanità Unesco. La città, con la sua Basilica di San Francesco e gli altri luoghi francescani, è entrata a far parte del WHL Unesco il 30 novembre 2000. Basta aggirarsi tra i suoi vicoli e i suoi palazzi o entrare nella Basilica di San Francesco o in quella di Santa Maria degli Angeli, come nella Chiesa di San Damiano e nell’Eremo delle Carceri, per comprenderne la bellezza.

 

Eremo delle carceri Eremo delle Carceri: un Santuario immerso nella natura umbra

 

Si tratta di luoghi ricchi di arte, resi unici dall’atmosfera francescana che vi si respira. Fanno parte del sito Unesco anche la Chiesa di Santa Chiara, il Duomo di San Rufino, la Chiesa di San Pietro, Santa Maria Maggiore e la Chiesa Nuova. Una vera e propria città santuario, in cui le testimonianze delle varie epoche si mischiano completamente. Ma la regione annovera anche altri siti Unesco suggestivi: il Tempietto del Clitunno, a Campello del Clitunno, e la Basilica del San Salvatore a Spoleto, entrambi legati all’influenza longobarda. In Umbria si trova anche la riserva naturale del Monte Peglia, considerata Riserva della biosfera Unesco, virtuoso esempio di conservazione e protezione dell’ambiente. 

 

Monte Peglia, Riserva della biosfera unesco Monte Peglia, Riserva della Biosfera Unesco

 

Fonte: World Tourism Event

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti