Torrentismo in Umbria: la Forra della Villa in Valnerina

Print Friendly, PDF & Email
Torrentismo nella Forra della Villa in Valnerina. Via Umbria Tourism.

La Forra della Villa in Umbria è un luogo ideale dove praticare torrentismo, immersi nel verde della Valnerina.

A Norcia, in Umbria, si trova la Forra della Villa in Valnerina, una dei luoghi più interessanti dove praticare il torrentismo. 

Trattandosi di uno sport per cui è raccomandabile il bel tempo, quello del torrentismo può essere un modo inedito per vivere ed esplorare il territorio umbro per questa primavera.

Come raggiungere la forra

Dirigendosi verso Visso, dopo aver oltrepassato Borgo Cerreto, si svolta a sinistra per Norcia e si giunge in località Casal Volpetti.

Lì , dopo un piccolo magazzino ANAS rosso, si segue il sentiero sterrato che scende a fondovalle, tenendosi sulla sinistra fino a raggiungere uno slargo. Si entra quindi nel fosso, dove inizia la forra.

Ci si trova a ben 1000 metri sul livello del mare.

Lago di Piediluco, meta ideale per una gita tra Umbria e Lazio

Descrizione dell’itinerario

Per praticare torrentismo in questa zona è necessario portare con sé 2 corde da almeno 40 metri e una corda da almeno 25 metri.

Nella forra non si trova corso d’acqua perché questo è stato canalizzato a monte dell’acquedotto. La sua morfologia ha un andamento verticale: accompagna così in una discesa suggestiva. Intorno vi è solo la roccia e la ricca vegetazione umbra. Sullo sfondo, durante la discesa, si può scorgere il panorama delle cime verdi che fanno da contorno alla Valnerina.

Il momento consigliato per quest’escursione è una giornata di bel tempo di primavera o d’autunno.

Escursioni nei dintorni della Cascata delle Marmore

Una tappa a Norcia

Dopo l’escursione si può visitare la vicina Norcia e approfittarne per mangiare qualcosa.

A Norcia il simbolo culinario tipico per eccellenza è la norcineria, con i suoi gustosi e genuini prodotti tra cui spicca il prosciutto crudo di Norcia IGP.

Si tratta di un prodotto estremamente legato alla zona, tanto che, per mantenere le caratteristiche IGP, deve essere stagionato ad un’altitudine superiore ai 500m e nei comuni di NorciaCasciaPreciPoggiodomo e Monteleone di Spoleto

Fonte: Umbria Tourism.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti