Via Lauretana in Toscana: da Siena a Sinelunga

Print Friendly, PDF & Email
Via Lauretana toscana, Siena

La via Lauretana in Toscana, un itinerario spirituale tra i più antichi e suggestivi d’Italia.


Ripercorre l’antica via etrusco-romana che collegava Cortona e Montepulciano a Siena: la via Lauretana, in Toscana. Nel tempo, come molte altre strade romane, fu ampliata per collegare le altre città etrusche sul mare. Da Siena si diramava dalla via Francigena, attraversando Asciano, Sinalunga, Torrita di Siena, Montepulciano, il castello di Valiano e Cortona. Da qui i pellegrini proseguivano poi verso il Lago Trasimeno, passando per Passignano, Perugia, sino a Foligno, in Umbria. Percorrendo gli Appennini umbro-marchigiani, giungevano alla Santa Casa di Loreto. La via Lauretana, ancora oggi, non è solo un cammino, bensì soprattutto un itinerario spirituale tra i più antichi e suggestivi d’Italia. Un percorso ricco di arte e archeologia, che si snoda lungo paesaggi naturali e borghi unici

 

Siena: una delle città medievali più suggestive d’Italia

Prima tappa: da Siena a Vescona

Lunghezza: 19,5 km

Dislivello in salita e in discesa: 430 m – 395 m

Da Siena si arriva a Taverne d’Arbia, proseguendo poi sulla provinciale Lauretana (SP 438) e percorrendo il primo tratto di sentiero sterrato. In questa prima tappa la via Lauretana risale fino alle biancane di Leonina, con i caratteristici sentieri di argilla dall’aspetto lunare, grazie ai colori freddi della terra, tendente al grigio-azzurrognolo e al bianco ghiaccio. Qui si può visitare il Sito transitorio, un monumento in pietra realizzato da Jean Paul Philippe nel 1993 e collocato al bivio di tre stradine di campagna, fra Mucigliani e Leonina. Il momento in assoluto più suggestivo per recarsi in questo luogo è l’ora del tramonto. Il cammino prosegue fino a Mucigliani, lungo un percorso che si snoda nella campagna senese, arrivando a Vescona.

Seconda tappa: da Vescona a Serre di Rapolano

Lunghezza: 23 km

Dislivello in salita e in discesa: 639 m – 641 m

Lasciata Vescona si procede alla volta di Serre di Rapolano. Prima di arrivare in questo incantevole borgo bisogna attraversare diverse strade sterrate che tracciano la campagna toscana. Da Vescona si arriva in poco tempo a Monte Sante Marie, un importante sito archeologico per il controllo del territorio già in epoca lombarda. Proseguendo si entra nel caratteristico borgo di Asciano, dall’atmosfera mistica data perlopiù dalla presenza in molti vicoli e vie laterali di targhe devozionali dedicate al culto della Madonna, a dimostrazione della venerazione della comunità per la Vergine Maria.  Allontanandosi dal centro storico si arriva alla Pieve di Sant’Ippolito, la chiesa più antica del paese, visitabile solo su appuntamento. Il percorso prosegue tra i campi fino ad arrivare al borgo di Serre di Rapolano. 

Terza tappa: da Serre di Rapolano a Sinalunga

Lunghezza: 18,5 km

Dislivello in salita e in discesa: 614 m – 610 m

Da Serre di Rapolano si prosegue fino al Castello di San Gimignanello, dove è possibile concedersi una sosta per una visita guidata o una degustazione su prenotazione. Attraverso una stradina distante dal centro abitato si arriva, tra campi e boschi, alla strada asfaltata Via Lauretana, da percorrere per per circa 2,5 km facendo attenzione alle piccole varianti di strade parallele che si alternano al tracciato pedestre. Passato il borgo di Scrofiano il cammino prosegue fino all’antico borgo di Sinalunga. 

 

Piatto tipico toscano, Ricciarelli Siena Piatti tipici toscani: i Ricciarelli di Siena

 

Fonte: Terre di Siena

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti