Football: curiosità dalla Gran Bretagna sullo sport più celebre del mondo

Print Friendly, PDF & Email
football via visit britain

Storia e aneddoti del rapporto fra la Gran Bretagna e la disciplina sportiva che qui vedrà disputare finali e semifinali degli Europei di quest’anno.

Essendo la culla del calcio moderno, la Gran Bretagna è piena di football club e musei che celebrano il meglio dello sport più amato del mondo. Gli stadi nazionali del Paese stanno ospitando le partite del torneo Euro 2020 di quest’estate.

Wembley sarà lo scenario delle semifinali e delle finali, oltre ad ospitare diverse partite della fase a gironi e a eliminazione diretta. Altre quattro partite saranno giocate nello stadio scozzese di Hampden Park.

Per i fan del calcio, ecco alcune curiosità e retroscena riguardanti il legame fra questo sport e la Gran Bretagna.

Le origini del calcio in Gran Bretagna

Il calcio come è conosciuto oggi risale alla seconda metà del 1800, quando furono fissate regole comuni di gioco, che fino ad allora erano diverse per ogni squadra.

Una serie regolamenti fu creata dal club più antico del mondo, lo Sheffield FC, fondato nel 1857, ma il loro uso non era omogeneo in tutto il Paese.

Questo alla fine portò alla formazione della Football Association, quando un certo numero di squadre si incontrarono alla Freemasons Tavern a Covent Garden – ora il Freemasons Arms – nel 1863. Nel corso di sei incontri, furono concordate nuove regole, anche se non tutti furono d’accordo, al punto che molti club optarono invece per formare la Rugby Football Union nel 1871.

Diversi campionati continuarono senza un insieme uniforme di regole, ma la formazione dell’International Football Association Board (IFAB) nel 1886 vide l’approvazione di 17 leggi fondamentali per il gioco.

La serie di Netflix The English Game, racconta proprio di questo periodo, segnato anche dalle divisioni di classe che erano prevalenti nello sport all’epoca.

 

Wimbledon 2021: 9 curiosità aspettando i Campionati

 

Le origini dei club calcistici

Agli esordi, le squadre provenivano da diversi ambienti. Nel sud dell’Inghilterra molte squadre erano dei college e scuole pubbliche, come Eton e Harrow, mentre nel nord il calcio era prevalente tra le classi lavoratrici, con molte industrie e aziende tessili che avevano le loro squadre.

Grazie alle nuove regole del gioco, 12 club dell’Inghilterra settentrionale e delle Midlands fondarono la Lega Calcio nel 1888, e da lì in lo sport crebbe gradualmente. Tutti i club, tranne uno, continuano a competere fino ad oggi.

Tra questi c’è l’Aston Villa, formato dai membri della Villa Cross Wesleyan Chapel. Dal 1897, il club ha giocato le sue partite in casa al Villa Park, che una volta era un parco divertimenti vittoriano nei terreni di Aston Hall, una grande dimora signorile giacobina con giardini che risalgono alla metà del XVII secolo. 

Chi desidera conoscere meglio il patrimonio calcistico della regione può anche visitare Molineux, la casa dei Wolves (Wolverhampton Wanderers) dal 1889. 

Il museo interattivo dello stadio porta i visitatori in un viaggio attraverso i primi anni del calcio moderno, e i tour dello stadio offrono un dietro le quinte di momenti memorabili della storia del club.

Il patrimonio calcistico di Manchester

Altri club sono nati sul posto di lavoro. Il Manchester United, come è ora conosciuto, nel 1878 era la squadra del dipartimento carrozze e vagoni del deposito ferroviario di Lancashire e Yorkshire a Newton Heath. Dopo aver cambiato nome nel 1902, il club si trasferì nel 1910 nell’attuale stadio Old Trafford e da allora è rimasto lì, a parte un breve periodo negli anni ’40, quando a causa dei danni di guerra condivise il campo con i rivali di Manchester City.

Chi desidera saperne di più sull’eredità del famoso club può farlo durante un tour del museo e dello stadio. In alternativa, all’esterno dello stadio i visitatori possono scattare una foto con la statua dello United Trinity, con Sir Bobby Charlton, George Best e Denis Law, tre figure fondamentali che hanno aiutato lo United a diventare la prima squadra inglese a vincere la Coppa Europa nel 1968.

Gli appassionati di calcio a Manchester non possono mancare una visita all’Etihad Stadium del Manchester City, o fare un viaggio interattivo al National Football Museum, situato nel suggestivo edificio Urbis nel centro della città. Oltre ai calci di rigore e ad altri giochi interattivi, è pieno di cimeli calcistici tra cui medaglie, repliche di trofei e maglie di una serie di importanti partite.

La rivalità calcistica del Liverpool

Liverpool è anche sede di un paio di club con un ricco patrimonio calcistico. L’Everton inizialmente giocava le sue partite in casa a Stanley Park prima di trasferirsi nell’attuale sede del Liverpool, Anfield.

Lì, una disputa tra il comitato del club e il proprietario del campo ha visto il club trasferirsi a Goodison Park alla fine del XIX secolo, aprendo la strada alla creazione del Liverpool FC.

Entrambi i campi distano circa un miglio l’uno dall’altro e il Liverpool ha giocato ad Anfield dalla sua fondazione nel 1892. I tour di Goodison Park permettono ai fan di scoprire di più sulla metà blu della città, mentre il Liverpool FC Story Museum scava nel passato illustre dei Reds, con i tour dello stadio che forniscono una visione del famoso inno del Liverpool, You’ll Never Walk Alone.

 

Dove praticare sport adrenalinici in Gran Bretagna

 

Le storie dei più grandi club di Londra

L’Arsenal ha le sue radici nel sud della capitale nel 1886 con il nome di Dial Square, una squadra di lavoratori del Royal Arsenal, una fabbrica di armamenti a Woolwich. Il club si trasferì a Highbury, a nord di Londra, nel 1913, dove rimase fino al 2006, quando si trasferì nella sede attuale dell’Emirates. I tour dietro le quinte raccontano la storia del club, che annovera esperienze leggendarie e visite guidate da alcuni degli ex giocatori del club.

Il Tottenham Hotspur, club del nord di Londra, nacque da una banda di scolari nel 1880 e giocò nello stadio di White Hart Lane dal 1899. Il Tottenham Hotspur Stadium, costruito sullo stesso sito, ha aperto nel 2019 e comprende il Goal Line Bar, che con i suoi 65 metri è il bar più lungo d’Europa.

Dopo aver fatto un tour dello stadio, chi non soffre di vertigini può ammirare la capitale sul Dare Skywalk, un’occasione per scalare lo stadio e guardare il campo da gioco sottostante. Un tour simile sul tetto è disponibile anche allo stadio St James’ Park di Newcastle, che offre viste panoramiche di Tyneside.

Il Chelsea, un altro dei migliori club di Londra, è stato fondato nel 1905 in una stanza al piano superiore della public House Rising Sun, ora chiamata Butcher’s Hook.

Situato all’ombra di Stamford Bridge, che all’epoca era in costruzione, i tifosi possono visitare lo stadio e il museo del club, che comprende una serie di cimeli, tra cui un trofeo della Champions League.

Uno sport nazionale

Oltre ai vari stadi di club della Premier League in tutta la Gran Bretagna, anche gli stadi nazionali ospitano importanti eventi sportivi. L’iconico stadio di Wembley, completo del suo arco di 133 metri, ha riaperto nel 2007 e può contenere fino a 90.000 tifosi, il che lo rende il più grande impianto sportivo della Gran Bretagna.

Ha sostituito il precedente stadio con lo stesso nome, che si trovava nel sito dal 1923 e aveva ospitato eventi di prestigio come la finale della Coppa del Mondo del 1966 e la finale di Euro 1996.

L’Hampden Park di Glasgow è un altro stadio con una ricca storia di sport internazionale di alta qualità. Conosciuto come la casa del football scozzese, era lo stadio più grande del mondo quando è stato inaugurato nel 1903, e ospita il record di presenze britannico, con quasi 150.000 persone stipate per vedere la Scozia giocare contro l’Inghilterra nel 1937. Anche se la sua capacità si è massicciamente ridotta con la modernizzazione e l’introduzione di posti a sedere sicuri, Hampden Park è ancora sede dello Scottish Football Museum – uno spazio che racconta il passato calcistico della nazione.

Fonte: Visit Britain.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti