L’eccellenza del Made in Italy alle Maldive

Print Friendly, PDF & Email
Maldive

Alle Maldive l’eccellenza del Made in Italy si esprime in vari settori: dalla cucina ai resort, fino alla tecnologia. 


Il Made in Italy è rappresentato dal Capitale Umano che ha scelto le Maldive come seconda casa. Si manifesta in vari settori: dall’offerta gastronomica dei resort alla qualità della tecnologia. Gli italiani aiutano ad esempio le isole dell’Arcipelago Maldiviano a ridurre l’impatto ambientale dei resort sul fragile ecosistema della Nazione. Eps, leader tecnologico nei sistemi di stoccaggio di energia (nato da una costola del Politecnico di Torino), esporta alle Maldive una microrete in grado di fornire energia elettrica ed acqua calda ai resort del paese.

Questa tecnologia, usata dal resort di lusso Hurawalhi, è in grado di coprire sino al 63% della domanda di energia del resort e di ridurre il consumo di gasolio di 423mila litri all’anno.

Ma l’Italia esporta alle Maldive anche sofisticati sistemi nell’ambito del monitoraggio climatico, permettendo al paese di anticipare fenomeni atmosferici che potrebbero generare conseguenze non indifferenti per l’economia maldiviana. 

 

maldive barriera corallina via wikimedia commons Cambiamento climatico, ricerca e blue economy alle Maldive

Cucina e design

Alla comunità italiana è riconosciuta all’unanimità l’eccellenza nell’arte dell’ospitalità, specialmente nel settore del lusso. Le strutture ricettive del Bel Paese spiccano tra le liste degli alberghi più iconici al mondo. Il concetto di accoglienza all’italiana è stato così costantemente esportato alle Maldive da imprenditori, albergatori, direttori ed impiegati altamente qualificati. Essa caratterizza i resort maldiviani del Tour Operator Azemar.

Cocoon è riuscito ad imporsi come il primo design resort alle Maldive. Per la sua realizzazione Azemar ha coinvolto Daniele Lago, CEO dell’omonima azienda di design di fama internazionale. Ma il Made in Italy non si esaurisce negli arredi: Giovanni de Ambrosis, chef varesino, esporta nei tre ristoranti del Cocoon il meglio della gastronomia italiana.

Si crea in questo modo un connubio cucina-design, riproposto anche nel resort You&Me by Cocoon, nell’atollo di Raa. Agli spazi curati e innovativi si unisce l’offerta gastronomica dello chef Andrea Berton, stella Michelin. Anche il Planhotel Hospitality Group diffonde l’eccellenza italiana in tutte le sue strutture nel mondo. Marlegno, ditta del Bergamasco specializzata in costruzioni in legno si è incaricata della costruzione del Sandies Bathala, ultima creazione di Planhotel alle Maldive.

L’arte dell’ospitalità

Ma non solo solamente la cucina e il design gli elementi che la comunità italiana esporta ogni giorno nei resort delle Maldive. Nel corso degli anni, i connazionali sono infatti riusciti ad esportare anche beni intangibili: la cura del dettaglio, l’arte del ricevere e la creazione di quell’atmosfera accogliente che ha reso l’Italia famosa nel mondo.

Ha ragione Marco Mingoli di Nakai Resorts quando dichiara che queste caratteristiche «parlano al cuore come solo gli italiani sanno fare e soprattutto consentono ai nostri ospiti di respirare aria di casa pur vivendo la loro vacanza alle Maldive».

 

maldive guest house via visit maldives Guest house: un altro modo di vivere le Maldive

 

Fonte: Visite Maldives 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti