I Piani di Castelluccio di Norcia con la famosa Fioritura

Print Friendly, PDF & Email
Piani di Castelluccio Fonte: Umbria Tourism

Alla scoperta dell’altopiano dell’Appennino Umbro-Marchigiano, che tra maggio e giugno si tinge di colore grazie alla Fioritura.


I Piani di Castelluccio sono un altopiano carsico-alluvionale dell’Appennino Umbro-Marchigiano. Situati a circa 1.350 m s.l.m., i Piani sono tre e coprono una superficie di 15 km²:

  • il Pian Grande (provincia di Perugia)
  • Pian Piccolo (provincia di Perugia)
  • il Pian Perduto (provincia di Macerata).

Attualmente sono interessati da fenomeni carsici, che hanno determinato la formazione di strutture carsiche conosciute dagli abitanti locali come Mergani, le quali costituiscono dei profondi inghiottitoi che solcano la piana principale e drenano le acque meteoriche in falde idriche sotterranee, che apportano acqua anche ai fiumi Sordo e Torbidone, della piana di Santa Scolastica.

Il Pian Grande, che si estende per circa 7 km con una larghezza media di 3 km e un’altitudine che varia dai 1300 ai 1252 m, è il maggior altipiano carsico in Italia, dopo la Piana del Fucino ed è circondato interamente dalle dorsali dei Monti Sibillini. 

CAscate del menotre via wikimedia commons Cascate del Menotre: escursione nel cuore verde dell’Umbria

La Fioritura

Ciò che rende famosi i Piani di Castelluccio è la Fioritura che, tra maggio e giugno, colora tutto il comprensorio con papaveri, fiordalisi, margherite e lenticchie (la lenticchia è una delle eccellenze gastronomiche più apprezzate in zona).

L’altopiano inizia a tingersi di colore con la fioritura spontanea. Tutta la zona dei Mergani e oltre si riempie di fiori spontanei, qui interviene solo la natura, che ogni anno rinnova le specie presenti. Secondo il periodo di semina, inizia poi la fioritura dei campi coltivati, o fioritura del colle. Nei campi le piante che vivono in simbiosi con la lenticchia si sviluppano ognuna con i suoi distinti tempi, facendo mutare continuamente i colori.

Il Pian perduto e parte dei colli alti e bassi sono anch’essi seminati ogni anno. Basta superare Castelluccio in direzione Visso e si entra in un altro mondo di colori incredibili, dati i moltissimi sentieri che si snodano in questa area si può godere veramente appieno della bellezza di questo incredibile spettacolo della natura, una cornice perfetta per una passeggiata, un picnic o un set fotografico.

Sport acquatici Fonte: Umbria Tourism Sport acquatici al Lago Trasimeno in Umbria

Castelluccio e il suo altopiano sono il rifugio perfetto per gli amanti della montagna. Oltre agli sport d’aria, dal deltaplano al parapendio, è possibile praticare tantissime attività all’aperto, sia per i più esperti che per i principianti, come trekking, nordic walking, bike e passeggiate a cavallo.

Fonte: Umbria Tourism

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti