Sintra: visita al paese incantato del Portogallo

Print Friendly, PDF & Email

Tre luoghi magici da vedere a Sintra, la pittoresca località alle porte di Lisbona, uno dei luoghi più suggestivi di tutto il Portogallo.


Sintra sorge a 25 km da Lisbona, è un luogo fiabesco, un connubio perfetto tra uomo e natura, tanto da essere stata classificata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Circondata da foreste, è ricca di castelli favolosi, panorama mozzafiato e palazzi stravaganti, si ha la sensazione di essere in un luogo lontano nel tempo dove eleganza e sfarzosità, modernità e antichità convivono armoniosamente.

Per la sua solennità, molti poeti dell’Ottocento la definirono come “il posto più bello del Portogallo”. Sintra è facilmente raggiungibile da Lisbona. Chi ama immergersi fin da subito nell’atmosfera locale può alloggiare in uno dei 5 Heritage Hotels, un connubio tra tradizione e modernità installati in edifici storici e distribuiti nel cuore di Lisbona. Ogni albergo è diverso dall’altro, ed offrono la possibilità di scegliere fra stili e quartieri differenti.

Palàcio Nacional De Sintra

È un palazzo reale, diventato il simbolo della città. La prima notizia dell’esistenza del castello risale al geografo arabo Al Bakri del XI secolo. In seguito si ha notizia che il re Giovanni I ne ha fatto dono al conte di Seia, per poi tornare in possesso della casa reale. E’ un vero e proprio museo dell’azulejo, meravigliose piastrelle di ceramica non molto spesse, con la superficie decorata che caratterizzano tutto il Portogallo.

Si suppone che nella cappella all’interno del palazzo, ci sia l’azulejo più antico esistente in Portogallo, infatti, quando fu ricostruito nel 1489, furono avviati i lavori per alleggerire la massa dell’edificio e arricchirne la decorazione interna. L’arredamento interno del palazzo ha un valore inestimabile che unisce diversi stili architettonici come il gotico, il medioevale, il rinascimentale ed il romantico e il gusto dei re che vi abitarono.

Sebbene siano un ambiente di servizio, le cucine sono la parte più particolare del palazzo grazie ai due grandi comignoli conici, alti 33 metri sono diventati il simbolo della città. Negli ultimi anni della monarchia il palazzo fu la residenza estiva della regina madre Maria Pia, ultima reale a vivere a Sintra. Il Palàcio Nacional De Sintra apparentemente è un insieme di edifici separati. Però, fanno parte di un unico complesso collegato da scale, cortili e gallerie. Si tratta di una delle residenze reali meglio conservate in Portogallo, dal 1995 l’Unesco lo ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità.

Lisbona città dei sette colli. Via Portugal Fixers. Lisbona: i sette colli della capitale portoghese

Palàcio de Regaleira

Uno dei luoghi più enigmatici di Sintra, è una bizzarra tenuta che si estende per quattro ettari ed ha al suo interno, labirinti, statue, grotte e laghetti. Non è un edificio molto antico. Fu edificato tra il 1901 e il 1910 per volere dell’imprenditore Augusto Carvalho Monteiro, su progetto dell’architetto italiano Luigi Manini.

Ciò che attrae i visitatori sono sicuramente i due pozzi a spirale che spuntano dal sottosuolo. Inizialmente, per la loro struttura, si può pensare che siano stati costruiti per raccogliere l’acqua piovana, in realtà qui si svolgevano riti iniziatici segreti, probabilmente di origine massonica.

  • Il Pozzo Iniziatico è costituito da una scala a nove piani dalla quale si scende fino a 30 metri di profondità, il numero 9 richiamerebbe i gironi della Divina Commedia Dantesca, e sul fondo è visibile la Croce dei Templari, simbolo legato al leggendario ordine segreto dei Rosacroce.
  • Il Pozzo Incompiuto, come suggerisce il nome, non fu mai completato. E’ costituito da una scala di fitti gradini, il numero dei quali richiama i principi massonici, la scala, attraverso le gallerie, funge da collegamento tra i due pozzi.

Oggi il palazzo è di proprietà del comune di Sintra ed è sede della Fondazione Cultursintra, come tutto il centro storico di Sintra è Patrimonio dell’Unesco. Questo è sicuramente un luogo magico che merita di essere visto.

Palàcio da Pena

E’ arroccato nel punto più alto della collina dove un tempo sorgeva un antico convento. Il Re Ferdinando di Savoia, sposo della regina Maria II del Portogallo, durante un’escursione si imbatté nelle rovine del monastero, all’interno delle quali sopravvisse intatta solo una cappella con 15 nicchie raffiguranti le scene della vita di Cristo. Il Re si innamorò del sito e la regina decise di acquisirlo come regalo di nozze per il marito. Da amante dell’arte, Ferdinando II affidò il restauro all’architetto Ludwig Von Eschwege, il quale ebbe l’incarico di ergere un castello che avesse le sembianze di un’opera lirica.

L’eccentrico palazzo è un coloratissimo castello fiabesco, circondato da 200 ettari di foreste ricche di sentieri segreti. L’esterno è un armonico connubio di stili architettonici, dal gotico al barocco, dal rinascimentale allo stile arabo, l’interno è tutt’ora arredato secondo il gusto dei re che lo abitarono. Dalle guglie e dalle terrazze si può ammirare un panorama mozzafiato che si estende fino all’oceano. Durante la rivoluzione del 1910 la famiglia reale abbandonò il Palazzo che cadde in rovina, il sito fu restaurato nel XX° secolo. Oggi è Patrimonio dell’Unesco ed è considerato una delle sette meraviglie del Portogallo.

Dove dormire in città: Heritage Hotels

Heritage propone cinque boutique hotel nelle migliori location della capitale. Le strutture si trovano in piccoli palazzi o dimore storiche e assicurano un’atmosfera speciale, familiare ed allo stesso tempo ricca di charme. Il rispetto della tradizione e il comfort offerto della modernità procedono di pari passo e garantiscono alla clientela un caloroso benvenuto.

Con un soggiorno minimo di due notti gli Heritage offrono il biglietto per la funicolare a loro più vicina. Lo 0,15% di ogni prenotazione diretta sarà devoluto alle Scuole Portoghesi di Restauro e Conservazione dei Beni Artistici. L’importo raccolto sarà donato alla fine di ogni anno a queste scuole. Con questa iniziativa, gli Heritage Hotels di Lisbona intendono contribuire alla conservazione del patrimonio nazionale. Questo attraverso la promozione, la sensibilizzazione e il rispetto dell’arte del restauro.

AS JANELAS VERDES

L’hotel As Janelas Verdes (ossia “finestre verdi”) è ubicato accanto al National Art Museum, in un piccolo palazzo di fine Ottocento, ed offre un’atmosfera romantica e accogliente. Qui trovò ispirazione anche Eça de Queirós, uno dei più famosi romanzieri portoghesi. La memoria della sua presenza rivive nei tanti oggetti d’arte sparsi per le stanze, nei libri, nei dipinti e negli oggetti che riportano con la fantasia ad altre epoche.

Tutte le camere sono soleggiate e vivaci. Il Tago è a un passo. In primavera la giornata inizia con un breakfast servito nel giardino, mentre vi godete la tranquillità della Lisbona di un tempo.

Prezzi per la camera doppia a partire da 106,00 euro inclusa la prima colazione.

HOTEL BRITANIA

Situato in un palazzo progettato negli anni Quaranta del secolo scorso dal famoso architetto portoghese Cassiano Branco, è un hotel per molti versi unico che assomiglia molto a un club esclusivo. E’ stato restaurato valorizzando il suo stile originale Art Déco, così da affiancare all’ambiente che richiama la squisita atmosfera originale d’epoca, le comodità e il comfort richiesti oggi a un hotel d’alto livello.

Le camere sono spaziose e dai colori caldi, arredate con splendidi mobili classici. I bagni, originali, sono in marmo, restaurati fin nel minimo dettaglio.

Prezzi per la camera doppia a partire da 95,00 euro compresa la prima colazione.

HOTEL LISBOA PLAZA

A due passi da Avenida da Liberdade, è un “classico” tra i migliori hotel della capitale portoghese. La decorazione di interni è stata recentemente rinnovata dall’architetto Sofia Duarte Fernandes in uno stile leggero molto portoghese, mantenendo l’impronta classica e lo spirito famigliare.

Alcuni particolari accennano alla moda dell’epoca dell’apertura dell’hotel negli anni Cinquanta e motivi etnici vivacizzano i nuovi tendaggi. Nella metà delle camere sono stati recuperati i pavimenti di parquet originali, mentre nuove moquette sono state collocate nell’altra metà per soddisfare le varie esigenze degli ospiti.

Prezzi per la camera doppia a partire da 82,00 euro compresa la prima colazione.

SOLAR DO CASTELO

Durante la seconda metà del XVIII secolo venne costruita una bella casa signorile all’interno delle mura del castello di San Giorgio, sul terreno dove un tempo sorgevano le ex cucine del Palazzo Alcacova. Ecco perché è ancora conosciuto con il nome di Palacete das Cozinhas (“Palazzo della Cucina”).

La struttura unisce elementi dello stile razionalista di Pombal (i sobri infissi delle finestre e dell’entrata principale) con altri che esprimono maggiore libertà. Il palazzo, classificato come edificio storico, è stato trasformato in hotel e riportato agli antichi splendori grazie a un design contemporaneo di alta qualità.

Prezzi per la camera doppia a partire da 129,00 euro compresa la prima colazione.

Vigneti a Lisbona, Portogallo Enoturismo, a Lisbona tra vigneti e hotel storici

 HERITAGE AVENIDA LIBERDADE

L’ultimo nato della catena Hoteis Heritage Lisboa si trova sul corso principale, Avenida da Liberdade. Il suo design porta la firma di Miguel Câncio Martins, architetto portoghese celebre per il proprio lavoro in locali mitici come il Buddha Bar o il Thiou a Parigi, lo Strictly Hush a Londra e il Man Ray a New York. L’aspetto esterno del palazzo è stato lasciato inalterato, mentre gli interni si ispirano alle residenze urbane della borghesia portoghese.

Le camere sono in pieno equilibrio tra tradizione e modernità e presentano uno stile personalizzato. Nella lobby Câncio Martins ha creato un’atmosfera che richiama la “way of life” portoghese, di nuovo in bilico tra passato e futuro. Obiettivo: ideare uno stile che affondi le proprie radici nell’identità lusitana e lisboeta.

Prezzi per la camera doppia a partire da 119,00 euro compresa la prima colazione.

Fonte: Hotels Heritage Lisboa

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti