Turismo internazionale: andamento in crescita secondo Isnart

Print Friendly, PDF & Email
Turismo, aereo, viaggi

Un’analisi di Isnart prevede che nei mesi di luglio e agosto la presenza di turisti stranieri in Italia segnerà un +32% rispetto agli stessi mesi del 2020.


Sono segnali incoraggianti, quelli indicati dall’indagine sul turismo internazionale prodotta da Isnart, l’Istituto Nazionale Ricerche Turistiche di Unioncamere. Nei mesi di luglio e agosto 2021 la presenza di turisti stranieri in Italia segnerà, secondo le previsioni, un +32% rispetto al 2020. Nello stesso periodo è prevista però una flessione del turismo domestico: le presenza degli italiani che spenderanno le ferie nel Bel Paese sono stimate al -12,5%.

Un dato riconducibile in parte alla ridotta disponibilità economica delle famiglie e in parte a scelte di vacanze all’estero verso paesi che hanno annunciato in anticipo programmi di apertura e cessazione dell’obbligo di indossare mascherine all’aperto, in particolare Grecia e Croazia.

Nel complesso, l’analisi mette in evidenza,  sempre rispetto al 2020, un leggero aumento delle presenze totali a luglio (+3%) e un calo ad agosto (-21,7%). Per l’intero 2021, le presenze nelle strutture ricettive italiane sono stimate di poco superiori a 204 milioni di notti, -4 milioni rispetto al 2020 (-2%). Tale calo è imputabile ai mesi di gennaio e febbraio che nel 2021 hanno visto un blocco generalizzato delle attività turistiche a causa del secondo lockdown.

 

Piemonte, Torino Con il voucher vacanza in Piemonte sei ospite due notti su tre

Una ripartenza solo a metà

Nonostante gli incoraggianti segnali di ripresa, nel confronto con il 2019, anno precedente alla pandemia, il 2021 mostra un andamento complessivo delle presenze stimato in -53%.  Le presenze di turisti stranieri sono stimate in -70,6% e quelle di italiani -35,4%. La spesa turistica, sempre rispetto ai livelli del 2019, è stimata in calo del 57,5%, pari a una perdita di ricavi per il settore pari a circa 32 miliardi di euro, di cui 22 miliardi imputabili alla mancanza di turisti stranieri.

«I dati […] non sono sufficienti per parlare di vera ripartenza – dichiara Roberto Di Vincenzo, Presidente di Isnart. I consumi turistici sono da sempre fortemente condizionati dalla prevedibilità degli scenari economici e sociali e dall’incontro tra domanda e offerta. Sul fronte della domanda si cominciano a vedere i primi frutti dei dati sulla campagna vaccinale e sulla riduzione dei nuovi contagi. Occorre ora lavorare sul fronte dell’offerta, affinché possa farsi trovare pronta quando la domanda ripartirà pienamente. Quello dell’offerta turistica è un sistema complesso, fatto da trasporti, accoglienza alberghiera ed extra-alberghiera, attrattori culturali, grandi eventi, che è stato messo in ginocchio dalla pandemia e per il quale serviranno investimenti, innovazione e politiche di sviluppo».

 

Genova Fonte: Visit Genoa Genova e Ferrara: le iniziative per rilanciare il turismo cittadino

 

Fonte: Isnart

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti