L’itinerario della Sibilla nell’alta via delle Marche

Print Friendly, PDF & Email
Itinerario Fonte: Marche Turismo

Scopri tutte le sfumature della montagna in un percorso nell’alta via delle Marche, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini.


Immerso in un’atmosfera da leggenda, tra aria pulita e panorami eccezionali in tutte le direzioni, l’itinerario che va dal Rifugio della Sibilla fino a Castelluccio di Norcia, nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, non è adatto per chi soffre di vertigini o è alla prima esperienza di trekking, ma delizierà la vista con tutte le sfumature che la montagna sa offrire.

Trattandosi di una traversata che si estende per 18 km, si consiglia di farsi venire a prendere o di lasciare un’auto al punto di arrivo.

L’itinerario

Dal Rifugio Sibilla si imbocca un sentiero lungo il quale il cuore si riempirà di bellezza. Già dopo pochi passi, un pendio vertiginoso vi si staglierà davanti mostrando tutta la valle del Tenna, con il famoso Infernaccio. Più avanti nell’itinerario, in un avvallamento in mezzo al bosco, si potrà scorgere l’Eremo di San Leonardo. Si tratta di un edificio dalla storia millenaria.

Lame rosse Fonte: Destinazione Marche Le Lame Rosse: il canyon delle Marche

Proseguendo tra emozionanti affacci sulla valle dell’Aso e sulle cime più alte dei Sibillini, si scoprirà il regno incantato della leggendaria Grotta della Sibilla. Secondo la leggenda, si tratta della dimora di una maga dedita alle arti divinatorie. Si arriva poi al Sasso di Palazzo Borghese, una parete calcarea. Sotto, nasce un laghetto abitato da un minuscolo crostaceo, il Chirocefalo della Sibilla.

Attraversata la splendida faggeta di Macchia San Lorenzo, la meta sarà appena al di là della sconfinata prateria di Pian Perduto, incastonata tra monti dai colori pastello. La cena sarà l’occasione per assaggiare alcuni piatti tipici come zuppa di fagioli, castagne e funghi o le tagliatelle con spinaci selvatici e scaglie di pecorino.

Marche moto Fonte: Destinazione Marche Le Marche in moto, da Portonovo a S. Benedetto del Tronto

Per i più avventurosi: Da Montemonaco al Lago di Pilato

Per gli escursionisti più avventurosi, l’Alta via delle Marche – i cui percorsi attraversano le aree interne della regione – riserva un altro itinerario mozzafiato: da Montemonaco, in provincia di Ascoli Piceno, fino al celebre Lago di Pilato.

Attraversando un habitat naturale unico nel suo genere, sarà possibile scoprire i misteri che circondano il lago – si narra riposi nelle sue acque il corpo di Ponzio Pilato – e ammirarlo nella sua forma ‘a occhiale’, quando le nevi si sciolgono ed è alimentato unicamente dalle piogge.

Fonte: Turismo Marche

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti