Nasce il Manifesto per il Paesaggio del Parmigiano Reggiano di Montagna

Print Friendly, PDF & Email
Paesaggio del Parmigiano Reggiano

Sarà sottoscritto il prossimo 31 luglio nel Comune di Casina il Manifesto per il Paesaggio del Parmigiano Reggiano.


Il mondo del Parmigiano Reggiano caratterizza il territorio dell’Appennino più che altrove. Nasce così il Manifesto per il Paesaggio del Parmigiano Reggiano, che sarà firmato il prossimo 31 luglio alle ore 9.30 a Casina. Un programma di intenti di 10 punti, discusso e ragionato per 48 mesi nell’esperienza della Scuola del Paesaggio del Parmigiano Reggiano, uno dei più importanti e riusciti progetti dell’Action Plan della Riserva di Biosfera dell’Appennino tosco-emiliano.

«In questi primi tre anni della Scuola – a partire da Casina – abbiamo coinvolto agricoltori, professionisti, scuole, istituzioni. Di fatto ha preso vita una politica del paesaggio ben riconosciuta nella Costituzione italiana, poi ripresa e rilanciata con la convenzione europea del Paesaggio. Questo manifesto – prosegue Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera dell’Appenino tosco emiliano – è una pietra miliare nella cultura del nostro territorio, di tutti ben oltre il comparto agricolo alimentare».

Nei 10 punti è ribadito come la produzione del Parmigiano Reggiano sia «tratto fondamentale della morfologia del territorio e riferimento identitario della popolazione». È riconosciuto il valore del Marchio di Montagna istituito dal Consorzio Parmigiano Reggiano e dei progetti dedicati, come la Strategia Aree interne per contrastare il declino demografico. Attenzione, anche, rivolta alla qualità e sostenibilità ambientale e sociale di fronte alla sfida del cambiamento climatico.

È scritto nero su bianco – aggiunge Grazia Filippi Ferro, assessore alla cultura del Comune di Casina che, in questi tre anni ha coordinato i lavori della Scuola – che il Paesaggio del Parmigiano Reggiano è riconosciuto come progetto della identità montanara. Da qui l’impegno a indirizzare il nostro lavoro a un pubblico vasto e differenziato a valorizzazione di tutto l’Appennino».

 

Mondolfo Marotta 31 esperienze da vivere a Mondolfo Marotta

 

Fonte: Riserva di Biosfera MAB Appennino 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti