Sacri Monti: mete spirituali fra Lombardia e Piemonte

Print Friendly, PDF & Email
Sacro monte ossuccio lago di como via wikimedia commons

Caratteristici della spiritualità dell’Italia Settentrionale, i Monti Sacri sono mete di pellegrinaggio e si inseriscono alla perfezione nel contesto paesaggistico delle Regioni.

I Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia sono percorsi devozionali lungo i quali sorgono gruppi di cappelle e complessi architettonici (chiese, calvari, edicole) che custodiscono statue, affreschi e pitture che raccontano episodi delle Sacre scritture. Inseriti nella World Heritage List dell’Unesco, i Sacri Monti, tra le valli prealpine, nacquero per offrire ai pellegrini un’alternativa più sicura rispetto ai pellegrinaggi in Terra Santa. Ancora oggi, oltre a rappresentare una meta devozionale, caratterizzano in maniera significativa i paesaggi delle regioni in cui si trovano.

Peculiari luoghi di culto con un grande valore religioso simbolico, questi siti stupiscono per l’integrazione degli elementi architettonici nei luoghi circostanti formati da colline, foreste e laghi.

Il fenomeno devozionale dei Sacri Monti – che influenzò tutta l’Europa – tra i più caratteristici della cultura e della spiritualità dell’Italia settentrionale, nasce già nel tardo Medioevo, epoca in cui tramontava progressivamente l’ideale del pellegrinaggio in Terra Santa, ormai sotto il dominio dei Turchi.

 

Cammini in Sardegna tra natura, borghi e spiritualità

 

Origine dei Sacri Monti

Fu Carlo Borromeo, vescovo di Milano, a promuovere il progetto di una rete di cappelle e luoghi di devozione tra i monti della Lombardia e del Piemonte mentre fu il Concilio di Trento (1545-1563) a riconoscere l’importanza assunta dai Sacri Monti e a proporli come modello devozionale da imitare.

Ecco quindi che alcuni luoghi, già sede di forme spontanee di culto e devozione, furono trasformati in originali complessi destinati a raffigurare, con statue e dipinti, importanti episodi dell’Antico e del Nuovo Testamento o storie della vita dei Santi.

Nel tempo i Sacri Monti sono diventati un importante punto d’incontro per i fedeli e i cultori dell’arte religiosa.

 

San Damiano ad Assisi: una meta spirituale UNESCO

 

I siti piemontesi

Tra quelli di maggior rilievo c’è il Sacro Monte di Varallo Sesia in Piemonte. Il complesso, costituito da 45 cappelle, dalla basilica dedicata all’Assunta e da altri edifici, è stato realizzato sopra una rupe che sovrasta il borgo di Varallo con l’intento di ricostruire il paesaggio della Terra Santa.

 

Sacro Monte di Varallo Sesia. Via Wikimedia Commons.

Sacro Monte di Varallo Sesia. Via Wikimedia Commons.

 

In terra piemontese si possono percorrere anche i suggestivi itinerari dei Sacri Monti di Serralunga di Crea in provincia di Alessandria, con le sue 23 cappelle costruite su uno dei colli più alti della regione del Monferrato.

 

Sacro Monte di Serralunga di Crea. Via Wikimedia Commons.

Sacro Monte di Serralunga di Crea. Via Wikimedia Commons.

 

Ci sono poi il sito di Orta San Giulio, il solo dedicato a San Francesco d’Assisi. Seguono quello di Oropa con uno dei più antichi santuari dedicati alla Madonna e quelli di Ghiffa e del Calvario. Il primo sorge attorno al santuario della Santa Trinità, su una collina fitta di boschi, mentre il secondo fu costruito sul colle Mattarella, che sovrasta la città di Domodossola. Infine troviamo Belmonte in Valperga, che si erge in tutto il suo splendore sulla collina di granito rosso.

 

Sacro Monte di Orta San Giulio. Via Wikimedia Commons.

Sacro Monte di Orta San Giulio. Via Wikimedia Commons.

 

I siti lombardi

In Lombardia, invece, si erge in posizione panoramica il Sacro Monte della Beata Vergine del Soccorso. Questo complesso si trova ad Ossuccio, sulla costa occidentale del lago di Como, di fronte all’isola Comacina. Appare completamente isolato, circondato da campi, da piantagioni di ulivi e da boschi.

 

Sacro Monte di Ossuccio. Via Wikimedia Commons.

Sacro Monte di Ossuccio. Via Wikimedia Commons.

 

Infine c’è il Sacro Monte del Rosario, fondato a Varese nel 1474 e luogo di pellegrinaggio sin dal Medioevo per la chiesa di Santa Maria del Monte e poi per il monastero delle Romite Ambrosiane.

 

Sacro Monte di Arco Rosario. Via Wikimedia Commons.

Sacro Monte di Arco Rosario. Via Wikimedia Commons.

 

Il complesso comprende quattordici cappelle più il santuario all’interno dei quali sono custoditi statue e affreschi che testimoniano le principali correnti dell’arte sacra seicentesca in area milanese.

Fonte: Italia.it.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

sacri monti

Vai alla barra degli strumenti