Cioccolato di Modica: un’eccellenza siciliana

Cioccolato di Modica

La ricetta del cioccolato di Modica ha origini antichissime ed è ancora oggi una delle eccellenze della Sicilia.


La ricetta del cioccolato di Modica IGP avrebbe origini azteche e, in particolare, sarebbe da rinviare al tempo dei conquistadores spagnoli. Si tratta di una tipologia di cioccolato che può essere definita “a freddo”. 

Furono proprio gli spagnoli a portare a Modica il “xocoàtl”, un prodotto che gli abitanti del Messico ricavavano dai semi di cacao triturati su una pietra chiamata “metate”, in modo da far sprigionare il burro di cacao e ottenere una pasta granulosa. I modicani avrebbero appreso questa lavorazione dagli spagnoli, senza passare alla fase industriale.

Nella lavorazione a freddo, il cacao non passa attraverso la fase del concaggio: la massa di cacao viene lavorata a 40° con aggiunta di zucchero semolato; non riuscendo a sciogliersi, né ad amalgamarsi, lo zucchero dà al cioccolato modicano il caratteristico aspetto ruvido dalla consistenza granulosa. La tavoletta ha tipicamente un colore marrone non uniforme, l’aroma è quello del cacao tostato, con note leggermente astringenti.

L’aromatizzazione è tradizionalmente con cannella o vaniglia, ma si può trovare facilmente cioccolato al peperoncino, alla carruba, al caffè, agli agrumi. Il cioccolato di Modica si può anche mangiare sciolto in acqua come una bevanda.

 

Pistacchio di Bronte Ph: Barone Fonte: Visit Sicily Pistacchio di Bronte: l’oro verde di Sicilia

 

Fonte: Visit Sicily 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti