10 cose da fare a Pantelleria

Print Friendly, PDF & Email
Pantelleria, Sicilia

10 cose da fare a Pantelleria, in Sicilia, per una full immersion nello spirito dell’isola.


Cosa fare a Pantelleria? Sono numerosi i motivi per trascorrere le vacanze sull’isola, tra natura, storia e tradizioni. Ecco la top 10 delle esperienze da non perdere per immergersi nello spirito del posto. 

1. Mare

La bellezza dei fondali, la trasparenza delle acque e gli scogli lisci su cui stendersi: il primo motivo per visitare l’isola è sicuramente il mare. Tra gli angoli suggestivi da non perdere ci sono quelli delle discese della Martingana, della Balata dei Turchi, del Faraglione e dell’Arco dell’Elefante. Si consiglia poi un giro dell’isola in barca per godere delle insenature e spiaggette naturali non accessibili via terra. 

2. Enoturismo

Pantelleria è anche sinonimo di buon vino. Dal 2014, la vite ad alberello di uva zibibbo fa parte del patrimonio dell’umanità Unesco. Tra le cose da non perdere c’è quindi la visita alle numerose cantine e vigneti, alla scoperta del famoso Passito di Pantelleria.

 

Cassata siciliana ph.-P.-Barone Fonte: Visit Sicily Come si fa la cassata? Ecco la vera ricetta siciliana!

3. Archeologia

Fin dall’epoca preistorica, Pantelleria è stata un’importante meta commerciale per la presenza di ossidiana, oltre che per la sua centralità nel Mediterraneo. L’insediamento umano più antico, che risale a circa 5000 anni fa, è quello del popolo dei Sesi, una comunità di contadini e pescatori.

Ancora oggi è possibile visitare le capanne dell’antico villaggio di Mursia e uno dei siti più rilevanti dell’intero bacino del Mediterraneo: la necropoli dei Sesi. A San Marco e Santa Teresa c’è poi l’acropoli punico-romana, testimonianza dell’antica capitale dell’isola, fondata da Cartagine nella seconda metà del XIII secolo a.C. e conquistata dai romani durante le guerre puniche. Tra i ritrovamenti più importanti i tre ritratti Imperiali – Cesare, Antonia Minore e Tito – esposti presso il Castello di Pantelleria.

4. Diving

Gli stupefacenti fondali dell’isola la rendono un vero e proprio paradiso per i sub. La mancanza di sabbia nei bassi fondali permette infatti una grande visibilità, rendendo l’immersione un momento magico. Per gli appassionati si consiglia il sito di Cala Gadir.

5. Trekking e mountain bike

Un altro modo per scoprire l’isola è attraverso il trekking o il cicloturismo: 150 km di percorsi si snodano su tutto il suo territorio, offrendo punti di vista naturalistici unici. 

6. Termalismo 

Tra le attrazioni da non perdere c’è una Spa a cielo aperto: lo specchio di Venere, uno dei luoghi più suggestivi di Pantelleria. L’acqua del lago, riducendosi, lascia a secco la parte marginale, dove si crea un fango misto a zolfo ideale per trattamenti naturali.

Tra le località termali più importanti ci sono Cala Nikà, a sud-ovest dell’isola, con diverse sorgenti d’acqua calda, la grotta di Sàtaria, per curare reumatismi e artriti, e le Terme di Gadir, dove l’acqua raggiunge una temperatura di 60 gradi. 

 

Sito unesco sicilia Siti Unesco della Sicilia: le 7 meraviglie dell’isola

7. Turismo rurale

Tra i protagonisti delle vacanze a Pantelleria ci sono i dammusi, abitazioni con tetti a cupola spesso circondate dal cosiddetto jardinu: una porzione di terreno circolare delimitata da muri in pietra lavica dentro la quale si coltivano alberi da frutto protetti, grazie alle alte mura, dall’incessante vento che batte l’isola.

8. Gastronomia

La gastronomia dell’isola risente degli apporti dei vari popoli che l’hanno dominata. Da provare i ravioli amari, ripieni di ricotta e foglie di menta, e il pesto pantesco, a base di pomodoro crudo, olio d’oliva, aglio, basilico e peperoncino, usato indifferentemente per condire la pasta o accompagnare pesce arrosto o carne lessa.

Dall’Africa arriva il tipico cous cous, mentre di origini orientali è il dolce tradizionale pasquale: il cannateddro. Dalla tradizione araba i mustazzola: una sfoglia ripiena di un impasto di semola, miele o vino cotto, cannella, scorza d’arancia candita e altre spezie. Ma il re dell’isola è il cappero, riconosciuto marchio IGP.

9. Pesca

Tra le attività da non perdere c’è sicuramente la pesca in compagnia dei pescatori del luogo. Nell’arco di una giornata si possono così scoprire le varie tecniche di pesca al bolentino, con le nasse e la traina.

10. Tradizioni folkloristiche 

Tra gli eventi che caratterizzano Pantelleria c’è il Carnevale, che ha una durata di tre mesi. Si balla in ogni circolo una volta a settimana in serate diverse e culminando il giorno di martedì grasso con una sfilata di carri e maschere a tema.

 

Sicilia, Palermo Tour della Sicilia occidentale: un itinerario tra arte, storia e cultura

 

Fonte: Visit Sicily

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

pantelleria

Vai alla barra degli strumenti