Estate 2021 di ripresa ma per Confturismo restano criticità

Print Friendly, PDF & Email
Puglia a Linea Verde, Rai1. Via Wikimedia Commons.

Tornano austriaci e tedeschi sull’Adriatico. La Puglia è al top delle preferenze ma la concentrazione delle partenze non aiuta.

L‘estate 2021 ha rappresentato un momento di ripresa del turismo, ma le criticità non sono finite. Questo è quanto emerge dall’ultimo studio dell’Osservatorio Confturismo Confcommercio. L’indagine è stata eseguita da SWG fra il 25 e il 30 agosto 2021 con metodologia CAWI su un campione di 1.000 persone rappresentativo della popolazione residente in Italia dai 18 ai 74 anni, segmentato per sesso, classe di età, zona e ampiezza del Comune di residenza misurata in numero di abitanti.

Dei 25 milioni di Italiani che, normalmente, partono tra giugno e settembre, 4,5 milioni non lo hanno fatto e non lo faranno. Degli altri 20,5 milioni, il 71% ha fatto almeno una vacanza di 5 notti o più.

Il 18% si è concesso solo uno o più soggiorni più brevi, sempre con pernottamento. Il 5% si è invece limitato ad escursioni giornaliere, mentre il 6% punta su settembre, ma ancora non è certo di partire.

 

via confindustria confcommercio

Via Confturismo Confcommercio.

 

Fortemente negativa è stata la concentrazione temporale delle scelte di viaggio, che mette in crisi tutti gli sforzi compiuti in passato per destagionalizzare i flussi. Ben il 51% delle partenze si è collocato tra la seconda metà di luglio e agosto.

Male giugno, scelto solo dall’8%, e la prima metà di luglio, mentre settembre sembrerebbe resistere, con un 12% totale. Concentratissime anche le preferenze di destinazione, con le mete balneari al 64% e a seguire – con un divario che sembra incolmabile – la montagna al 18% e le città d’arte, che non si schiodano dal 9%.

Un panorama che influisce negativamente anche sulla percezione del costo della vacanza, giudicata esplicitamente come elemento critico di quest’estate dal 2% degli intervistati, che dichiara di avere speso più di quanto intendeva.

 

Turismo estate 2021: boom di arrivi in tutta la Puglia

 

Sono molti infatti gli Italiani che rispondono di avere dedicato quest’anno alle vacanze un budget inferiore che in passato: il 14% rispetto al 2020 e addirittura il 30% rispetto al 2019.

 

Via Confindustria Confcommercio.

Via Confturismo Confcommercio.

 

Timidi segnali positivi arrivano invece per i viaggi all’estero. Le destinazioni d’oltralpe sono state scelte dal 14% degli intervistati concentrati pressoché esclusivamente su Grecia, Spagna e Francia. Il successo italiano di quest’estate è invece, senza dubbio, la Puglia.

In questo quadro continuano a mancare i grandi flussi di origine estera. Al netto di fenomeni di prossimità, come quelli che hanno, ad esempio, riportato buona parte dei turisti di lingua tedesca sulle spiagge di Veneto e Friuli, e di un contenuto segnale positivo dato dagli Europei, di intercontinentali se ne vedono ancora pochissimi.

L’estate 2021 ha quindi manifestato segnali di ripresa, ma restano forti criticità e il recupero rispetto al pre-covid resta ancora molto lontano. C’è ancora molta strada da fare per tornare alla normalità.

 

Via Confindustria Confcommercio.

Via Confturismo Confcommercio.

 

Fonte: ConfturismoConfcommercio.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Tecnologia sotto l’albero di Natale

A Natale il regalo è tecnologico, dallo smartphone all’altoparlante portatile quasi “smart”, meglio se a prezzi contenuti e con disponibilità last minute. Tra i grandi ...
Vai alla barra degli strumenti