Istat, anticipazioni in linea con Confindustria: turismo indietro di 10 anni

Print Friendly, PDF & Email
Turismo

Dopo un anno disastroso, la campagna vaccinale ha contribuito a una ripresa. Ma la strada è ancora lunga.

«Le anticipazioni diffuse [a metà settembre 2021] da Istat sul Conto Satellite del Turismo 2020 riportano alla luce la drammaticità della crisi che il settore ha vissuto in questi mesi, confermando le analisi che avevamo condotto e la debolezza degli interventi di sostegno rispetto ad un quadro così difficile», dichiara Maria Carmela Colaiacovo, Presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi in merito agli ultimi dati statistici diffusi

Il valore aggiunto prodotto dal turismo si ferma a 67,6 miliardi di euro (64 miliardi in meno rispetto al 2019), riportando il settore indietro di 10 anni. Il comparto alberghiero ha sofferto la totale assenza di domanda internazionale con un calo dei pernottamenti di oltre il 70% tenuto conto che il dato Istat ricomprende anche le strutture extalberghiere che, come noto, hanno sofferto meno degli hotel.

Ad impattare negativamente su tutte le destinazioni anche la diminuzione della componente interna (–36%). I primi 6 mesi del 2021 sono invece partiti con grande difficoltà ma grazie alla campagna vaccinale sono arrivati i primi segnali positivi a luglio ed agosto.

 

Turismo all’aria aperta, il boom: superati i livelli pre-pandemia

 

Mare, montagna, arte

Dalle analisi di Confindustria Alberghi, positivo il bilancio delle destinazioni mareche mediamente segnano un’occupazione delle camere del 70%, con un boom di presenze in Liguria e in Toscana (oltre l’80% l’occupazione delle camere). Bene il dato sulla montagna che, dopo aver sofferto le cancellazioni durante l’inverno 2020 a causa della chiusura degli impianti sciistici, fa ben sperare sulla prossima stagione fredda. Molto bene le strutture del Trentino che registrano un 70% di occupazione camere.

Positivi i segnali anche per le aree interne a cui si è rivolta molta della domanda post-covid con un’occupazione superiore al 60%. Primi timidissimi segnali di recupero per le città d’arte che vedono chiudere Roma con un’occupazione del 40%, Firenze del 50% e Venezia del 55%.

Valori migliori rispetto al passato ma decisamente ancora troppo lontani dal periodo pre-crisi (Roma, nell’estate 2019 registrava un’occupazione del 75%, Firenze dell’80% e Venezia dell’85%) come testimoniano le strutture ancora chiuse da marzo dello scorso anno.

 

La meta estiva preferita dagli Italiani nel 2021? Il Belpaese

 

Una timida ripresa

Segnali positivi a settembre con un incremento di prenotazioni ma soprattutto un ritorno atteso della clientela USA. Milano e Venezia segnano un +15% nelle prenotazioni rispetto allo stesso mese del 2020 grazie agli importanti eventi in calendario.

La città meneghina giova del Supersalone chiusosi lo scorso week end con numeri nettamente superiori alle attese e a seguire la fashion week; mostra del cinema e biennale di architettura per il capoluogo veneto. Più contenuti, ma comunque con segno positivo, gli incrementi delle prenotazioni (+tra il 10 e il 15%) previste per Roma e Firenze. Anche il mare vede la coda lunga dell’estate con un incremento delle prenotazioni di settembre tra il 5 e il 7%.

«Quanto registrato questa estate è una ventata di ottimismo che ci lascia ben sperare. Certamente i risultati ottenuti e quello che prevediamo per i prossimi mesi non potrà cancellare 14 mesi di fermo pressoché totale di tutte le attività», dichiara Maria Carmela Colaiacovo.

Fonte: Confindustria Alberghi.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti