Marche per gli innamorati, itinerario romantico nella provincia di Pesaro Urbino

Print Friendly, PDF & Email

I borghi delle Marche, scenari di antiche storie d’amore, sono ancora oggi delle mete ideali per gli innamorati. Per vivere o rivivere queste passioni vi proponiamo un itinerario romantico in 5 tappe nella provincia di Pesaro e Urbino, tra mare borghi e paesaggi suggestivi.


Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Dante Alighieri

La regione Marche è una terra che coniuga splendidi scorci naturali e luoghi ricchi di storia e cultura, offrendoci la possibilità di visitare alcuni dei più affascinanti borghi del nostro Paese. In particolare, nella provincia di Pesaro Urbino è possibile intraprendere un itinerario romantico che tocca cinque comuni dal fascino incomparabile.

Qui, tra spiagge dorate, passeggiate sognanti, piccole botteghe e meraviglie architettoniche, è possibile vivere l’amore a 360° lungo un percorso che incanterà chiunque. Vediamo nel dettaglio le 5 tappe del nostro itinerario romantico e i motivi per cui vale la pena visitarle.

1. Gabicce Mare

Situata all’estremità nord delle Marche, alle pendici del Monte San Bartolo, Gabicce dà il benvenuto a tutti coloro che fanno il loro ingresso nella regione. Nota per le sue spiagge e per i ristorantini di pesce, è il luogo ideale per vivere una romanticissima storia d’amore in riva al mare, proprio come quelle che si vedono nei film.

Gli itinerari romantici dopo un po’ vi annoiano? Non preoccupatevi: Gabicce offre opportunità anche agli amanti dello sport. A Gabicce Monte, comune situato al di sopra della baia, è possibile seguire i numerosi sentieri del Parco regionale del Monte San Bartolo, praticando trekking o in bicicletta. E sempre all’interno del parco si trova il “tetto del mondo”, un altopiano da cui si ammira un panorama mozzafiato su tutti gli Appennini.

2. Gradara

Tappa immancabile in un itinerario romantico, il borgo medievale di Gradara, eletto borgo più bello d’Italia nel 2018, è noto soprattutto perché ha fatto da sfondo all’appassionata storia d’amore di Paolo e Francesca, raccontata da Dante nell’Inferno della Divina Commedia. Qui si può ammirare il castello costruito tra il XIII e il XIV secolo dalla famiglia dei Malatesta, su una costruzione più antica.

Il castello di Gradara sorge su una collina ed è circondato da una doppia cinta muraria estremamente massiccia e imponente. Attorno alle mura si snoda la Passeggiata degli Innamorati, breve camminamento pedonale immerso nel verde, intriso di romanticismo. Degna di menzione è la Scalinata dell’Amore che conduce alla fortezza, intitolata qualche anno fa alla creatività di Elio Fiorucci.

3. Fossombrone

Percorrendo l’antica Via Flaminia nella valle media del Metauro troviamo Fossombrone, il cui nome deriva dal latino Forum Sempronii, come veniva chiamato in epoca romana.

Una cittadina incantevole dai mille volti, dove è possibile viaggiare tra diverse epoche: dalla rocca malatestiana di epoca medievale alla barocca chiesa di San Filippo, riccamente decorata, fino alla novecentesca Casa Museo Quadreria Cesarini, che ospita le opere dell’artista locale Antonio Bucci.

Tra una passeggiata sotto il doppio porticato di Corso Garibaldi e una sosta per ammirare il panorama dal Ponte della Concordia, è poi d’obbligo una visita alla Corte Alta, l’antico palazzo del XIII secolo dove vivevano i signori della città. Qui si può rivivere la romantica storia d’amore tra Elisabetta Gonzaga e Guidobaldo da Montefeltro, celebrata ogni anno durante la Giornata internazionale dei Musei con una visita guidata ai luoghi che fecero da sfondo al loro amore.

4. Cagli

Il comune di Cagli si trova su un altopiano tra i fiumi Bosso e Burano, ed è circondato dai monti Petrano, Catia, Paganuccio e Nerone. Nell’antichità si chiamava Cale, ed era un’importante via di comunicazione tra Rimini e Roma. Di quell’epoca si possono ammirare il Ponte Mallio e i numerosi reperti conservati nel Museo Archeologico.

Altrettanto importanti sono il quattrocentesco Torrione Martiniano, simbolo della città, il bellissimo Teatro Comunale e le numerose chiese e palazzi del centro storico. Qui nel 1826 si conobbero i giovani Lucia Ugolinucci e Vincenzo Piccinini che, innamorati, furono costretti a sposarsi in segreto contro il volere del padre di lei, e dopo tanti ostacoli riuscirono finalmente a stare insieme.

5. Sassocorvaro Auditore

Sassocorvaro Auditore è un unico comune che abbraccia le due cittadine di Sassocorvaro e Auditore, situate ai lati del fiume Foglia. Sassocorvaro è la Città dell’Amore per eccellenza: qui infatti sono conservate le reliquie di San Valentino Martire, patrono di tutti gli innamorati. Sono custodite all’interno del settecentesco Oratorio di Santissima Trinità, dove ogni anno vengono organizzate visite guidate e altre romantiche iniziative come la “Benedizione degli Innamorati”.

A Sassocorvaro vale la pena visitare la Rocca Ubaldinesca, costruita nel 1474 per volere di Federico da Montefeltro per difendere il Ducato di Urbino dai continui attacchi militari dei Malatesta. La Rocca ha una particolare forma “a testuggine” e oggi è sede di un’importante pinacoteca dove sono conservate oltre 10.000 opere d’arte di celebri artisti italiani (Piero della Francesca, Tiziano, Giorgione…) che furono salvate dai saccheggi dei Malatesta.

L’architettura medievale caratterizza anche Auditore, ultima tappa del nostro itinerario romantico nella provincia di Pesaro Urbino. Protagoniste di questa cittadina sono le antiche mura difensive e  la Torre Civica del XV secolo. Da qui si può ammirare un romanticissimo panorama su tutte le colline.

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti