Costiera amalfitana: 4 sentieri per il trekking

Print Friendly, PDF & Email
Costiera amalfitana

4 sentieri panoramici da percorrere in Costiera amalfitana e una proposta di hotel in cui rilassarsi.


La Costiera amalfitana è sinonimo di acque cristalline, scogliere a strapiombo sul mare, spiagge panoramiche e suggestive. Ecco perché è la meta di molti appassionati di sport e trekking, che la scelgono per i suoi sentieri panoramici. 

1. Sentiero degli dei

Da Amalfi parte una strada ripida e tortuosa che porta alla “Terra degli Dei“, considerata il balcone della Costiera amalfitana. A 600 m sul livello del mare, in una terra verdissima ricca di boschi e punti panoramici, si snodano diversi sentieri, fra i quali il Sentiero degli dei.

Così chiamato poiché alcune leggende narrano che le divinità greche passarono di qui per accorrere a salvare Ulisse dalle sirene, è un percorso di circa 9 km che collega Agerola a Positano, offrendo una vista spettacolare sull’isola di Capri.

2. Sentiero Punta Campanella

Per raggiungere Punta Campanella si parte invece da Termini, cittadina che sorge su una collina ai piedi del Monte San Costanzo, di fronte all’isola di Capri. Si tratta di un sentiero facile e pianeggiante, che percorre parte dell’antica via Minerva, una mulattiera greco-romana costruita nel IV sec a.C. 

Una torre saracena e i resti del Santuario di Minerva accolgono i visitatori giunti sul pianoro di Punta Campanella. Da qui inizia il tratto in salita che conduce sul Monte San Costanzo (486 metri s.l.m). 

3. Sentiero Baia di Ieranto

Il nome Ieranto deriva dal greco Ieros e significa “sacro”. Da queste parti un tempo sorgeva infatti il tempio dedicato alla Dea Atena.

La Baia di Ieranto, nel Comune di Massa Lubrense, è incastonata tra Punta Campanella e Punta Penna, un luogo selvaggio e incontaminato che si può raggiungere solo a piedi, in un sentiero immerso tra uliveti e agrumeti. 

Il percorso che da Nerano porta a Ieranto è indubbiamente tra i più suggestivi della zona e permette di raggiungere vari punti panoramici, il più noto dei quali è Villa Rosa. Riserva Naturale Protetta, la zona è senz’altro uno dei tratti più belli e rigogliosi dal punto di vista naturalistico terrestre. 

4. Sentiero del Santuario dell’Avvocata

Il sentiero che, invece, collega il borgo di Maiori alla vetta del monte Falesia, è tutto in salita e richiede impegno e resistenza fisica. Qui, proprio sulla vetta, a circa 800 metri dal livello del mare, si erge il Santuario della Madonna dell’Avvocata. Si tratta di un luogo sacro costruito nel 1845 e tuttora venerato dai residenti della zona che vi si recano in processione in occasione della Pentecoste.

Dal Santuario la vista sul Golfo di Salerno è spettacolare. Ancora una scala e si accede alla grotta dove, secondo la leggenda, la Vergine apparve a un pastore.

Dove dormire

A pochi minuti di distanza da Amalfi, in uno dei punti più suggestivi della Costiera, l’Hotel Santa Caterina è costruito a picco sul mare, all’interno di una vasta proprietà che “precipita” fino all’acqua con una serie di splendide terrazze naturali. 

L’Hotel, con 36 camere di tipologia standard, superior e deluxe e 13 tra junior suite, executive junior suite, suite e senior deluxe suite, gode inoltre di piscina con acqua marina, solarium, fitness center, café e ristorante all’aperto. Tra le Garden Suite ci sono anche due dépendances: Villa Santa Caterina e la Villa il Rosso.

Dal 2019 l’offerta gastronomica dell’albergo è firmata dallo Chef Giuseppe Stanzione. 

Costiera Amalfitana Fonte: Hotel Santa Caterina Una vacanza spettacolare in barca in costiera amalfitana

Info: Hotel Santa Caterina

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti