Cammino dei Protomartiri Francescani: l’itinerario in Umbria

Print Friendly, PDF & Email
protomartiri francescani via umbria tourism

Nel cuore dell’Umbria, un pellegrinaggio ricco di storia e paesaggi effettuabile a piedi in meno di una settimana.

Berardo, Ottone, Pietro, Accursio e Adiuto sono i nomi dei santi Protomartiri Francescani, i primi martiri dell’Ordine, uccisi in Marocco nel 1220, per difendere la loro profonda e incondizionata fede in Cristo. Ecco un percorso a piedi che parte da Terni e attraversa Stroncone, Aguzzo, Calvi dell’Umbria, Narni e San Gemini, città natali dei Santi Protomartiri, e si conclude nel Santuario Antoniano dei Protomartiri Francescani a Terni, seguendo un cammino lungo i luoghi in cui San Francesco predicò il Vangelo.

La mappa che accompagna il pellegrino nei luoghi francescani, fornisce la descrizione turistica del percorso, le distanze, le ore di cammino e le indicazioni sui principali luoghi da visitare. Il cammino a piedi diventa un modo slow per conoscere la gente, i monumenti e le opere d’arte che si sono nutriti della stessa linfa vitale del Poverello d’Assisi e dei Santi Protomartiri.

Il percorso è diviso in sei tappe, ma puoi anche crearne di intermedie per riposare oppure per approfondire la conoscenza di alcuni luoghi.

 

Usigni: il borgo medievale immerso nel foliage dell’Umbria

 

Le tappe

Da Terni a Stroncone

La prima tappa va da Terni e Stroncone: il cammino è tra la natura, lungo le colline ternane. Nella Chiesa di Santa Maria della Pace, puoi fermarti a guardare il grande ciclo pittorico di Stefano di Stasio dedicato ai Protomartiri Francescani. Sul tuo sentiero, puoi scorgere i resti dell’antica abbazia di San Benedetto in Fundis e il Monastero di San Simeone dove oggi è presente la comunità religiosa dei Ricostruttori nella Preghiera. Il percorso si conclude nel Convento di San Francesco a Stroncone, il borgo che ha dato i natali a Sant’Ottone.

Da Stroncone a Calvi

La seconda tappa del Cammino va da Stroncone a Calvi dell’Umbria. Anche questo tratto di strada si svolge interamente tra la natura. Passi da Aguzzo, città di Sant’Accursio e dall’Eremo di Sant’Urbano, dove San Francesco ha soggiornato a lungo e dove tramutò l’acqua in vino. Ti trovi a Calvi dell’Umbria, città di San Berardo: qui puoi ammirare un Presepe monumentale in terracotta del Cinquecento, unico nel suo genere in Umbria. Concludi il percorso nella Chiesa di Santa Maria Assunta.

Da Calvi a Narni

Da qui riparti per la terza porzione di cammino che ti conduce fino a Narni: è la tappa più lunga del cammino, ma anche la più ricca di luoghi da visitare. Inizia con la chiesa di San Michele Arcangelo, antica abbazia benedettina a Schifanoia per giungere a Santa Pudenziana, chiesa di origine romana, e Castel Sant’Angelo in Massa, in origine abbazia benedettina per poi finire visitando l’imponente Rocca di Albornoz a Narni, città in cui nacque Sant’Adiuto. A Narni, termina il cammino nella chiesa di San Francesco.

Da Narni  a San Gemini

La quarta tappa si snoda tra la bellissima campagna che collega Narni a San Gemini: visita subito l’abbazia di San Cassiano, del X secolo e il santuario della Madonna del Ponte, luogo frequentato dai pellegrini sin dall’antichità così come il Santuario di Santa Maria della Quercia. Giungi così a San Gemini, città di San Pietro, dove concludi il tuo cammino nella Chiesa di San Francesco.

Da San Gemini a Cesi

Riparti da San Gemini e dirigiti verso Cesi, lungo sentieri di montagna. Per la strada visita il sito archeologico di Carsulae. Al termine della quinta tappa incontri la Romita di Cesi, dove un frate Minore, sostenuto da un gruppo di volontari, ha riportato all’antico splendore un bellissimo convento francescano, dove il Poverello di Assisi compose la prima versione del Cantico delle Creature.

Da Cesi a Terni

L’ultima tappa parte dalla Chiesa di Santa Maria Assunta a Cesi e ti conduce al punto di partenza: Terni. Questa tratta si svolge quasi interamente su un percorso asfaltato; lungo il cammino visita il Santuario di Santa Maria dell’Oro dove sorgeva l’antico convento francescano costruito per volontà di San Bernardino da Siena. Il Cammino dei Protomartiri Francescani si conclude in un luogo simbolo: la Chiesa di Sant’Antonio da Padova, dove sono riposte le reliquie dei Santi Martiri Francescani.

 

Calamita Cosmica: la misteriosa opera d’arte di Foligno

 

Le credenziali

Prima di partire richiedete la Credenziale del pellegrino, il documento di viaggio che accompagna il pellegrino sul Cammino dei Protomartiri Francescani.

La Credenziale serve a distinguere il pellegrino da ogni altro viaggiatore. Su di essa, a ogni tappa, si appongono le date e i timbri dei luoghi di ospitalità.

Chi completa il cammino può richiedere il Certificato del pellegrino. Per riceverlo è necessario presentare la Credenziale completa dei vari timbri presso la Chiesa di Sant’Antonio – Santuario dei Protomartiri Francescani, via S. Antonio 21 – 05100 Terni.

Fonte: Umbria Tourism.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti