Usigni: il borgo medievale immerso nel foliage dell’Umbria

Print Friendly, PDF & Email
usigni via umbria tourism

Meta ideale per trekking che uniscono sport, panorami e cultura, il centro abitato medievale è circondato in questa stagione dai colori dell’autunno.

La Valnerina in Umbria sorprende per la forza della natura. Scenari paesaggistici unici e spettacolari, dalla Piana di Castelluccio di Norcia fino alla Cascata delle Marmore, si alternano e integrano le tracce della millenaria presenza dell’uomo. I boschi, ammantati di foliage in autunno, l’asprezza del territorio e l’isolamento creato dai monti hanno attratto nei secoli da eremiti e ordini monastici in cerca di luoghi per la preghiera e la meditazione.

Ancora oggi le suggestioni di questi posti motivano visite escursionistiche e pellegrinaggi. È in questa terra, penetrata di vita ascetica, che crebbe San Benedetto, patrono d’Europa.

Fra le mete meno note ma più valide della zona, soprattutto in autunno e in estate, vi è il borgo medievale di Usigni.

 

Torna l’Eurochocolate di Perugia, ma con qualche novità

 

Il paese

Il piccolo nucleo medievale di Usigni sorge su uno scosceso sperone roccioso che si protende nella sottostante valle del Tissino; sulla quale affaccia anche il caratteristico borgo di Poggiodomo. Il suo nome deriva da una deformazione di usina, vocabolo utilizzato per indicare un opificio. L’insediamento urbano, costituito da edifici di due o tre piani, si presenta compatto nella parte centrale.

Caratteristico è il prepotente innesto seicentesco di edifici voluti dal cardinale Fausto Poli, nativo del luogo e molto influente alla corte di papa Urbano VIII: intorno alla metà del Seicento venne edificata la chiesa di San Salvatore ed il palazzetto cardinalizio (palazzo Poli).

L’abitato si espande a monte con un tessuto edilizio più rado. Come succede per molti altri piccoli centri della Valnerina, il borgo si ripopola soprattutto durante l’estate quando le famiglie originarie del luogo tornano per trascorrere un piacevole periodo di riposo a stretto contatto con l’incantata natura del luogo.

Fonte: Umbria Tourism.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti