Pordenone Docs Fest: dal 10 novembre quattro giorni di cinema d’inchiesta

Print Friendly, PDF & Email
via pordenone docs fest

Il festival del documentario torna in presenza con anteprime nazionali, incontri, masterclass, ospiti internazionali, e un programma che affronta temi di assoluta attualità.

Anticipata dalla proiezione di Fascista. Il film realizzato nel 1974 da Nico Naldini, cugino di Pier Paolo Pasolini, che con spezzoni di documentari e cinegiornali d’epoca ricostruiva la scalata al potere e la propaganda di Mussolini – dal 10 al 14 novembre 2021 torna in presenza anche Pordenone Docs Fest. Le Voci dell’Inchiesta, il festival del documentario di Cinemazero giunto alla XIV edizione. E’ diventato negli anni uno dei più importanti festival italiani dedicati al cinema del reale, dell’impegno sociale e del giornalismo d’inchiesta.

Il festival è realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, di TurismoFVG, del Comune di Pordenone, di Fondazione Friuli, di Crédit Agricole Friuladria, di Servizi CGN, di Coop – Alleanza 3.0. Dopo due rinvii e un’edizione completamente online nel 2020, quest’anno il festival presenta un programma ricco di anteprime nazionali, documentari premiati dai più importanti festival del mondo, retrospettive, workshop, cineconcerti e numerosi ospiti internazionali.

Un’edizione che segna una ripartenza, un ritorno all’esperienza collettiva e alla sala – che finalmente può accogliere gli spettatori al 100% della capienza – sottolineato anche dalla scelta dell’immagine guida della manifestazione: un involucro di plastica lacerato dal becco di un corvo, che unisce il messaggio della necessità di superare l’isolamento forzato a quello dell’attenzione all’ambiente che da sempre caratterizza la manifestazione.

 

La Sicilia e il cinema: un grande set a cielo aperto

 

Un cinema del reale

A fronte dell’importanza della qualità della proposta e del numero di anteprime – e per permettere una più ampia diffusione dei temi cari al festival – nasce quest’anno la preziosa collaborazione con MYmovies.it. Ospiterà infatti online una selezione dei migliori titoli dell’edizione.

Tanti i temi che saranno portati sul grande schermo. Si parlerà di geopolitica, diritti e battaglie civili, giovani e creatività, pandemia, culture lontane, storie femminili e molto altro. Un’occasione per riflettere sul presente attraverso la prospettiva offerta dai migliori documentari in circolazione, tra cui oltre una decina di anteprime nazionali, capaci di raccontare la realtà e il mondo che ci circonda.

«Ogni anno Pordenone Docs Fest. Le Voci dell’Inchiesta fa un enorme sforzo di selezione per portare in Italia il meglio del documentario internazionale – sottolinea Riccardo Costantini, direttore artistico del festival – nel tentativo di fornire strumenti di interpretazione per la realtà e i tempi caotici che viviamo. Una prova di “ecologia” del cinema del reale. Scegliendo il meglio tra centinaia di film, anche quest’anno ci riporta significativamente su alcuni temi che affrontiamo da anni. Anche in questa edizione consegniamo al pubblico cinque giorni densissimi, da vivere “viaggiando” fra le proposte. Si spera che molti dei film che portiamo in Italia in anteprima raggiungano il più ampio pubblico. E che siano capaci infine, se non di cambiare le cose, di cambiare il modo in cui le guardiamo».

Il programma

Tra i titoli più interessanti Be My Voice, ritratto della giornalista e attivista Masih Alinejad, voce di milioni di donne iraniane che si ribellano sui social media contro l’hijab forzato, presentato dalla regista Nahid Persson, a sua volta rifugiata in Svezia; The Soviet Garden di Dragos Turea, uno sconcertante documentario sugli OGM radioattivi nell’URSS; Fly Rocket Fly di Oliver Schwehm, dedicato alla prima compagnia di lancio spaziale privata al mondo fondata negli anni Settanta. Infine, Dear Future Children di Franz Böhm, storia di tre coraggiose ragazze attiviste contemporanee.

Lo sguardo retrospettivo poi è ben rappresentato da Pasolini. I documentari, una speciale selezione a cura di Federico Rossin dedicata al Pasolini documentarista, che anticipa il centenario dalla nascita dell’intellettuale. La rassegna propone le opere di alcuni documentaristi, all’epoca al loro esordio. Tra questi Cecilia Mangini, Ermanno Olmi e Mario Gallo. Tra gli anni Cinquanta e l’inizio degli anni Sessanta collaborarono con Pasolini, che scrisse testi o voce narrante di alcuni dei loro film. 

Durante il festival saranno inoltre consegnati cinque premi dedicati alle opere più significative della XIV edizione. Il premio Il Coraggio delle Immagini – col sostegno dell’Ordine dei Giornalisti nazionale, e in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti del Friuli Venezia Giulia – andrà a una grande coppia di giornalisti. Sono la reporter, regista e scrittrice Francesca Mannocchi e il fotografo Alessio Romenzi. I giornalisti hanno raccontato sulle pagine delle principali testate del mondo le tensioni internazionali della Siria e della Libia fino alla recentissima crisi afghana, da cui tornano con eccezionali materiali in anteprima. Saranno premiati nella prima giornata del festival.

Fonte: Pordenone Docs Fest.

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti