3 cose da sapere sul David di Michelangelo

David di Michelangelo

3 curiosità da conoscere sul David di Michelangelo, una delle opere più famose di Firenze e del mondo.


Esempio universalmente riconosciuto per indicare il Rinascimento fiorentino, il David di Michelangelo non ha certo bisogno di presentazioni. La statua, databile tra il 1501 e il 1504 ritrae l’eroe biblico nel momento in cui sta per affrontare Golia.

Originariamente conservata in Piazza della Signoria, un simbolo di vittoria proprio nel cuore di Firenze, oggi è esposta nella Galleria dell’Accademia, uno dei musei più visitati della città. 

Ecco 3 cose da sapere assolutamente.

1. La storia

Nel lontano 1501 Michelangelo Buonarroti ricevette l’incarico dall’Opera del Duomo per realizzare una statua dedicata a Davide e Golia.

L’artista, che aveva all’epoca solo 26 anni, si ritrovò così a scolpire un blocco di marmo che giaceva abbandonato da tempo. Nel 1504 la statua fu ultimata e la commissione – di cui faceva parte anche Leonardo da Vinci – decise di posizionarla davanti Palazzo della Signoria.

2. La testa e le mani del David

La differenza di proporzioni della testa e delle mani rispetto al resto del corpo è nota ed evidente. Secondo alcuni studiosi, Michelangelo pensava che la statua sarebbe stata collocata in posizione sopraelevata e che queste parti potessero sembrare deformate vedendole dal basso, così decise di aumentarne le dimensioni.

Un’altra interpretazione attribuisce invece questa scelta alla volontà dell’artista di mettere in luce l’intelligenza e l’azione ponderata del personaggio di David.

3. La leggenda di David contro Golia

La storia di Davide e Golia è documentata nella Bibbia.

Il gigante Golia, alto tre metri, armato di corazza e temuto dal popolo degli Ebrei, lancia una sfida: a decidere le sorti della guerra sarà l’esito di una lotta tra lui e il migliore rappresentate dell’esercito nemico. Nessuno, ovviamente, vuole accettare. Ma entra in scena Davide, giovane e inesperto, dotato di un elmo di bronzo e cinque sassi lisci. Grazie a una fionda, si scaglia contro Golia che stramazza al suolo. Con una spada lo uccide e gli taglia la testa, che viene portata a Gerusalemme in segno di trionfo.

Oltre a Michelangelo, a rielaborare artisticamente questa leggenda sono stati anche Donatello e Caravaggio

 

Giardino di Boboli Credit: Ilaria Giannini Fonte: Visit Tuscany 5 segreti da scoprire nel Giardino di Boboli a Firenze

 

Fonte: Visit Tuscany 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti