Calabria da scoprire: tra sapori ed escursioni


Dalla strada del vino ai prodotti tipici, alla scoperta della Calabria, terra di antichi sapori e sentieri. 


Per l’estate 2022 la Calabria non è mai stata più pronta ad accogliere turisti da ogni parte d’Italia e del mondo. Con acque cristalline e spiagge paradisiache, è certamente una delle mete più apprezzate del Mezzogiorno italiano. Ma la Calabria non è solo mare. Qui vi aspettano avventure da non perdere, cibi da conoscere e vini da assaggiare. Tra sentieri e sapori, scopri una Calabria inedita. 

Ecco cosa non perdere in Calabria

1. La Strada del vino

@Calabriastraordinaria

Il percorso della Strada del Vino e dei Sapori del Brutium si snoda tutt’intorno a Cosenza ed è dedicato ad un antico popolo, i Bruzi. Per quanto avezzi alla guerra, i Bruzi dimostrarono di saper condurre una vita sociale ben organizzata tanto che Cosenza divenne con loro una grande città e che la campagna da loro coltivata dava ottimi prodotti, in primo luogo olio e vino. Il capoluogo è il fulcro di un itinerario che tocca Figline Vegliaturo, Rogliano, Amantea, DipignanoLuzzi e Montalto Uffugo lungo un territorio che si espande tra la Valle del Crati, con l’omonima produzione Igt e le Doc Donnici e San Vito di Luzzi e la Valle del Savuto, con la corrispondente Doc. Se amate il buon vino non potete perdere questo itinerario adatto a tutti, percorribile in auto e in tutte le stagioni. 

2. I prodotti tipici

Se avete voglia di assaggiare i sapori unici della Calabria, come il Pecorino Crotonese DOP o il famoso Caciocavallo Silano DOP, un percorso alla scoperta dei prodotti tipici calabresi è ciò che fa per voi. Ma ancora la Patata della Sila IGP, dalle ottime qualità culinarie e dalla versatilità è sicuramente meno nota dai turisti del sapore. A Cosenza poi, potrete assaggiare gli inconfondibili Fichi tipici della città, anche essi a Denominazione di Origine Protetta. Per un tour gastronomico, consigliamo un’itinerario a quattro tappe da Crotone a Cosenza, passando per l’Isola di Capo Rizzuto e Spezzano della Sila. 

Sila Biosfera Unesco Calabria, la Sila è Riserva della Biosfera Unesco

3. La via del giovane 

@Calabriastraordinaria

È il Cammino di San Francesco di Paola, anche nota come la via del giovane, un percorso a mobilità lenta di 111,7 km. 6 tappe per ricalcare i passi del santo, tra monasteri, natura incontaminata e borghi. Se volete percorrere il cammino solo per metà, la posizione centrale del Santuario di Paola è il punto ideale per iniziare il percorso, perché ha una posizione centrale. Francesco di Paola era un giovane frate che trascorse come oblato a San Marco Argentano, in Val di Crati, presso il convento francescano della Riforma. Al termine dell’anno votivo, i frati avrebbero voluto ammettere il giovane al noviziato, ma Francesco decise di tornare a casa, a Paola. E proprio su questo sentiero si sviluppa l’itinerario del Primo Cammino, chiamato La Via del Giovane.

4. Alla scoperta degli alberi monumentali della Calabria

@calabriastraordinaria

Non tutti sanno che la Calabria esiste un numero enorme di Alberi Monumentali, che spesso si trovano in luoghi di grande impatto naturalistico e paesaggistico, attraverso veri e propri percorsi escursionistici di estrema suggestione. Alberi di dimensioni e longevità notevoli, requisiti fondamentali per definirli alberi monumentali, insieme alla loro rarità e altri requisiti storici. I percorsi per avventurarsi alla scoperta di questi grandiosi alberi della Calabria comprendono le città di Reggio Calabria, Scilla, Fiumara e Santo Stefano in Aspromonte. Qui potrete ammirare faggi, abeti, pini e molti altri esemplari secolari, che testimoniano secoli di storia e natura. Un viaggio tra paesaggi naturalistici tipicamente mediterranei, che rendono la Calabria una terra unica e versatile per ogni tipo di viaggio. 

 Fonte: Sito ufficiale del Turismo Calabria

 

Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti