“Tota Italia. Alle origini di una nazione.” La mostra a Pechino.


Italia-Cina, a Pechino inaugura la mostra “Tota Italia. Alle origini di una nazione. IV sec. a.C. – I sec. d.C”. 500 opere da 18 istituti culturali per celebrare l’anno della Cultura Italia-Cina.


La cooperazione in ambito culturale costituisce un aspetto centrale dell’amicizia tra i nostri Paesi. La mostra – che è stata ospitata presso le Scuderie del Quirinale – esplora le radici storiche e culturali italiane. Ed è espressione dell’incontro tra le numerose tradizioni delle civiltà italiche che danno luogo alla odierna identità, rispettosa di ciascuna di esse. Sono lieto che possa costituire occasione di ulteriore e mutua conoscenza. Condividendo con i visitatori l’accesso a reperti di assoluto valore provenienti da tutta l’Italia. Voluto a coronamento del cinquantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche, l’evento è tra i più significativi del programma di iniziative per le celebrazioni dell’anno della cultura e del turismo Italia-Cina”.
Queste le parole con cui il 10 luglio il Presidente della Repubblica ha salutato il Presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping in un messaggio letto dal Ministro della Cultura, Dario Franceschini, in occasione dell’inaugurazione della mostra “Tota Italia. Alle origini di una nazione. IV sec. a.C. – I sec. d.C.” al National Museum of China di Pechino.

Tota Italia. Alle origini di una nazione. IV sec. a.C. – I sec. d.C.

La mostra, realizzata grazie alla collaborazione tra MiC e Maeci con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Pechino e curata dal Direttore Generale Musei del MiC, Massimo Osanna, insieme al Direttore del Museo Nazionale Romano, Stéphane Verger, esporrà dal 10 luglio al 9 ottobre oltre 500 opere provenienti da 18 musei e soprintendenze statali.
L’esposizione è dedicata al primo processo di formazione dell’Italia come unità politica e culturale. Raccontando il complesso percorso che, dal IV secolo all’età giulio-claudia, portò all’unificazione della Penisola nel segno di Roma, attraverso opere fortemente significative. A partire dalla straordinaria ricchezza culturale dell’Italia preromana, mosaico composito di genti e di tradizioni.

Allestimento e opere

Rispetto all’esposizione italiana il nuovo allestimento è arricchito da oltre 40 monete, provenienti dal Medagliere del Museo Nazionale Romano. Tra le opere più rappresentative figurano il ricchissimo corredo della tomba di due guerrieri dell’antica Forentum (Lavello), il gruppo marmoreo della Triade Capitolina da Guidonia Montecelio, l’altare da Ostia con rappresentazione del Lupercale, l’Ercole in bronzo dal santuario di Ercole a Sulmona, il fregio in terracotta da Civitalba, il ritratto di Augusto da Ancona, le tavole bronzee iscritte in greco e in latino dall’antica Eraclea. 
Importante novità è anche la copia del “Pugile a riposo” del Museo Nazionale Romano, realizzata con l’Università di Firenze per questa tappa internazionale.
Tota Italia per l’alto livello dei suoi contenuti scientifici e per la partecipazione corale dei principali Musei Nazionali, sotto l’egida della Direzione Generale Musei, è stata individuata dal MIC come iniziativa di punta dell’Anno della Cultura e del Turismo Italia-Cina 2022.
“Sono convinto – ha dichiarato il Ministro della Cultura, Dario Franceschini – che questo anno rafforzerà ancora di più i legami tra i nostri Paesi. La mostra “Tota Italia” è un’occasione importante, ma alla conclusione dell’anno creare dei luoghi permanenti in Cina e in Italia che moltiplichino l’esposizione delle rispettive culture nei due Paesi e consolidino l’amicizia tra i nostri due popoli”.
“Tota Italia – scrivono i due curatori, Massimo Osanna e Stéphane Verger, nell’introduzione al catalogo – racconta una tappa fondamentale del percorso di costruzione dell’identità dell’Italia di oggi, mettendo in rilievo la ricca pluralità culturale del Paese e l’importante patrimonio custodito nei Musei Nazionali e Civici”.
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti