Baleari: il turismo del futuro è sostenibile e tech


L’arcipelago delle Baleari è una destinazione turistica non solo sostenibile, ma anche intelligente. Ecco le attività promosse dalle quattro isole, per sostenere lo sviluppo di un turismo innovativo.


Il turismo del futuro è sostenibile e tech. Non a caso, il Governo delle Isole Baleari da qualche anno ha deciso di riorientare la strategia turistica non solo in vista di un maggiore equilibrio fra attività economica e conservazione del patrimonio naturale e culturale, ma anche verso una maggiore modernizzazione delle quattro isole (Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera) che fanno parte dell’arcipelago.

ChicDestinations. Experience da non perdere.

Maiorca

Nel 2021 Palma di Maiorca era tra le città europee concorrenti per il titolo di “Capitale europea del Turismo Intelligente 2022”: il concorso, promosso dall’Unione Europea, nasce per sostenere uno sviluppo turistico innovativo, sostenibile e inclusivo, ma anche per facilitare lo scambio di buone pratiche tra Paesi virtuosi. E, tra antiche case ristrutturate e trasformate in hotel di design, nuovi hub dedicati alla cucina sostenibile, innovative gallerie d’arte contemporanea, chilometri di piste ciclabili e intere strade pedonalizzate, anche Palma è stata candidata a ricevere il premio.

.Negli ultimi tempi, infatti, il capoluogo di Maiorca è sempre più attento alle pratiche green e innovative. Nel 2018, in città è nato anche un originale progetto per la creazione di un distretto artistico che vivrà tra concept stores, pop up galleries e spazi estivi innovativi: proprio come nei più famosi poli artistici d’Europa!

Minorca

A Minorca, invece, il Consell Insular de Menorca (CIMe) sta realizzando il progetto ITS “Minorca Smart Island”, che si trova a circa metà della sua esecuzione, con un finanziamento ITS complessivo di ben 1.351.152€.

Il progetto si occupa di sensorizzazione intelligente per la raccolta e il trattamento delle informazioni sulle risorse di Minorca, perseguendo la sostenibilità dell’isola. Alcune delle azioni mirano a proteggere e modernizzare le aree rurali e naturali, migliorare l’uso delle risorse idriche ed energetiche e promuovere un turismo sostenibile in bassa stagione.

Ibiza

Anche a Ibiza, nel 2021, il Consell d’Eivissa ha dato il via al programma “Ibiza, turismo intelligente e sostenibile” che, grazie all’aiuto delle migliori tecnologie, punta a: il controllo della capienza delle spiagge; prevenzione e segnalazione precoce degli incendi; sensorizzazione ambientale marina (per misurare la qualità e altri parametri dell’acqua di mare); sistema di parcheggio intelligente; miglioramento della mobilità e del trasporto; geolocalizzazione delle case rurali (per realizzare una mappatura d’itinerari d’emergenza).

Baleari: 4 identikit del viaggiatore italiano

Formentera

Infine, a Formentera dal 2017 al 2019 il Governo delle Isole Baleari ha eseguito il progetto ITS di realizzazione dell’“Atlante Subacqueo” (lo stanziamento ITS dedicato a Formentera è di 12.668€ e il 97% di esso è già stato eseguito) per completare la cartografia esistente basata sulla Posidonia Oceanica, verificarne la validità e il grado di fedeltà, creare un’applicazione informatica che consenta all’utente di sapere se si trova in una zona d’ancoraggio consentita o meno, nonché promuovere il progetto e la sua applicazione.

Fonte: Sito Ufficiale del Turismo Baleari
Print Friendly, PDF & Email

copyright Riproduzione riservata.

Vai alla barra degli strumenti